Mostri marini del giurassico

Scoperto il fossile di un nuovo tipo di Pliosauro, un enorme rettile marino, in Polonia.

0
110
fossili di un enorme pliosauro scoperti in Polonia

I paleontologi hanno scoperto le mascelle e i denti di un mostruoso pliosauro in un paese europeo, la Polonia.

L’antico rettile marino aveva il morso più potente di quello del Tyrannosaurus rex. I pliosauri erano tra i più grandi predatori dell’oceano del Giurassico e vissero circa 150 milioni di anni fa.

I Paleontologi hanno ritrovato i fossili di questo enorme carnivoro in un campo di grano nel villaggio polacco di Krzyżanowice nelle montagne della Santa Croce, insieme a diverse centinaia di ossa di parenti di coccodrilli, antiche tartarughe e plesiosauri dal collo lungo.  l’autore principale dello studio è Daniel Tyborowski, paleontologo presso il Museo della Terra dell’Accademia polacca delle scienze in Varsavia.

I resti sono stati estratti da un blocco di calcare trovato nel sito. Il blocco conteneva denti a forma di cono e frammenti di una mascella superiore e inferiore che gli scienziati hanno identificato come appartenenti a un pliosauro, databili dai 145 milioni ai 163 milioni di anni fa. Il dente più grande misurava circa 68 millimetri dalla corona alla punta. Un altro dente grande e isolato, anch’esso ritenuto appartenente a un pliosauro, misurava circa 57 mm di lunghezza.

I pliosauri erano coevi dei dinosauri e, come spiega Tyborowski, erano lunghi oltre 10 metri, arrivando a pesare fino a diverse decine di tonnellate, erano dotati di grandi teschi e mascelle massicce con denti grandi e affilati. Gli arti erano a forma di pinne.

Differivano dai plesiosauri, che avevano colli lunghi e sinuosi con teste piccole, perché erano dotati di un collo massiccio costituito da muscoli spessi e potenti in grado di sostenere la massiccia testa, la cui mascella era in grado di frantumare le ossa di prede di grandi dimensioni.

Una specie di pliosauro conosciuta, il Pliosaurus funkei, aveva un cranio lungo 2 metri, il suo suo morso era circa quattro volte più potente di quello del T. rex. Secondo quanto riportato dallo studio questi predatori sarebbero stati al vertice della catena alimentare nei loro ecosistemi marini, divorando coccodrilli, plesiosauri, tartarughe e pesci. Finora sono state descritte sei specie di pliosauri. Tuttavia, non sappiamo a quali specie appartengano i nuovi fossili.

Più di 100 milioni di anni fa, questa regione montuosa era un arcipelago di isole circondate da calde lagune, ma la varietà di specie marine giurassiche sul sito di montagna secondo i paleontologi, suggerisce anche che questa zona fosse un “hub” in cui gli habitat di diversi gruppi di rettili marini erano sovrapposti.

Antiche tartarughe e antenati dei coccodrilli erano presenti nei siti mediterranei; abitavano acque calde nell’Oceano di Tethys, un vasto mare che giaceva tra i due antichi supercontinenti, Gondawna a sud e Laurasia a nord, durante il periodo mesozoico, da 251 a 65,5 milioni di anni fa.

Ma i pliosauri, i plesiosauri e gli ittiosauri (un altro tipo di rettile marino con mascelle lunghe e sottili) si trovano più comunemente nelle acque più fredde più a nord. Poiché il sito di Krzyżanowice contiene fossili provenienti sia da ambienti più caldi che a ambienti più freddi, secondo quanto ricostruito dai ricercatori, è probabile che rappresenti una zona di transizione che un tempo era un ecosistema oceanico unico.

I risultati sono stati pubblicati online sulla rivista Proceedings of the Geologists Association.

Fonte: Live Science