Home Salute Ora lo dice anche la scienza: il meteo influisce sulla percezione del...

Ora lo dice anche la scienza: il meteo influisce sulla percezione del dolore

Quante volte i nostri anziani sostengono di prevedere un peggioramento del tempo sulla base dell'acutizzarsi dei loro dolori? Ebbene, li abbiamo presi in giro per secoli ma avevano ragione...

0
242
i cambiamenti del tempo influiscono sulla percezione del dolore

Molte persone sostengono di poter sentire l’arrivo del maltempo a causa di dolori che sentono nelle ginocchia o in altre articolazioni. In realtà c’è una certa plausibilità in questa convinzione perché i cambiamenti nella pressione barometrica sono stati collegati al dolore articolare. Tuttavia, un nuovo studio condotto da un team di ricercatori potrebbe rivelarsi lo studio con le argomentazioni più solide su questo argomento mai realizzato fino ad oggi.

Il professor David Schultz, del Center for Crisis Studies and Mitigation e Center for Atmospher Science presso l’Università di Manchester, è uno dei ricercatori più addentrato ed efficace nel campo delle scienze legate all’atmosfera.

Il professor Schultz, autore del libro di comunicazione scientifica Eloquent Science, era uno degli scienziati coinvolti nello studio, intitolato “Cloudy With A Chance of Pain“,pubblicato sulla rivista Digital Medicine. I principali risultati del lavoro sono riassunti in questo sito web.

Analizzando 5,1 milioni di rapporti sul dolore, i ricercatori hanno confrontato, per ciascun individuo, il meteo nei giorni in cui si è verificato un aumento significativo del dolore con il meteo nei giorni in cui non si è verificato un aumento del dolore.

L’analisi dei dati ha confermato che i giorni con maggiore umidità, pressione più bassa e venti più forti sono più probabilmente associati a giorni di forte dolore, un risultato coerente con quanto creduto da molti dei partecipanti.

Una comprensione più profonda degli effetti dell’ambiente sul dolore può consentire a medici e ricercatori di comprendere meglio i meccanismi che causano il dolore e consentire lo sviluppo di trattamenti nuovi e più efficaci per coloro che vivono con il dolore.

I ricercatori dell’Università di Manchester hanno campionato 13.000 residenti nel Regno Unito che soffrono di dolore cronico. Usando il proprio smartphone, i partecipanti allo studio hanno registrato l’intensità del dolore quotidiano, quindi la tecnologia GPS ha permesso di associare i dati immessi alle condizioni meteorologiche locali. Le conclusioni riassunte sopra provengono da 5,1 milioni di segnalazioni sul dolore.

In pratica, questo studio è più importante di studi analoghi precedenti e si distingue per una serie di implicazioni ben riassunte dal professor Schultz in un recente thread di Twitter. Ecco un riepilogo di alcuni dei punti chiave:

  • È stato il più grande studio del suo genere in termini di partecipanti e durata dei tempi di raccolta dei dati,
  • I dati meteorologici orari e la posizione GPS hanno significato dati meteorologici migliori rispetto agli studi precedenti,
  • Sono state raccolte 10 misure di benessere (ad es. Svegliarsi stanchi, attività fisica, tempo trascorso fuori, stato d’animo) e gettare le basi per future ricerche, e
  • La relazione tempo-dolore è stata confermata utilizzando 2 metodi diversi, il che aumenta la credibilità dei risultati

Schultz ha risposto alla domanda sul significato dello studio in questo modo:

I nostri risultati suggeriscono che l’umidità e la pressione sono i fattori più importanti per il dolore delle persone. (Il vento è correlato al gradiente di pressione, quindi è associato alla pressione.) Questi risultati iniziano a indicare le ragioni del dolore nel corpo, portando a modi per alleviare il dolore… Comprendendo come il tempo influenza il dolore delle persone, fornisce ai pazienti la consapevolezza che il dolore di oggi potrebbe essere fuori dal loro controllo, se esacerbato dalle condizioni meteorologiche“.

Schultz ha anche condiviso schermate di commenti su un giornale del Regno Unito in cui le persone hanno confermato i risultati dello studio e si sono lamentate del fatto che i loro medici hanno spesso respinto le loro affermazioni. Molti commentatori hanno affermato che lo studio ha solo confermato cose che loro già sapevano.

I risultati di questo studio, finanziato da Versus Arthritis, suggeriscono certamente che una previsione meteorologica di routine può contenere molte più indicazioni che non il suggerimento di annullare una partita di calcio o di prendere un ombrello.

Ulteriori approfondimenti sul contenuto dello studio si possono desumere dal seguente video:

NO COMMENTS