Individuati su Marte i segni di ampi ghiacciai che ricoprivano alcune zone della superficie

In alcune aree è ancora possibile vedere i segni di lastre di ghiaccio spezzate che affiorano sulla superficie.

0
825
lastre di chiaccio sulla superficie di Marte

Nel punto in cui si incontrano i due emisferi di Marte, il pianeta è coperto da un terreno frantumato: un segno che, in lontane ere geologiche, flussi lenti ma costanti di materiale ghiacciato si sono fatti strada attraverso il paesaggio, scolpendo una rete fratturata di valli, scogliere e tumuli isolati di roccia.

Marte è un pianeta sostanzialmente diviso in due parti e i suoi emisferi sono drasticamente diversi; le pianure settentrionali si trovano al di sotto delle aspre alture meridionali, con un dislivello che può arrivare anche a tre chilometri e la superficie nelle regioni settentrionali di Marte sembra essere molto più giovane delle antiche andane del sud.

Dove i due emisferi si incontrano, a volte possiamo vedere un’area di transizione piena di una vasta gamma di intriganti caratteristiche geologiche, modelli e processi: un tipo di paesaggio unico su Marte. Il terreno increspato si trova in un paio di aree chiave su Marte ed è particolarmente evidente nella regione chiamata Deuteronilus Mensae.

Là il paesaggio mostra segni chiari e diffusi di una importante e continua erosione. È possibile vedere un mix di scogliere, canyon, scarpate, tumuli ripidi e pianeggianti (mesa), solchi, creste fratturate e altro.

Queste caratteristiche si sono formate per l’azione di un materiale fluido che percorreva l’area, modellando il paesaggio esistente e scolpendo una rete di canali tortuosi. Nel caso di Deuteronilus Mensae, il più probabile colpevole è lo slittamento dei ghiacciai. Gli scienziati ritengono che questo terreno abbia subito una vasta attività glaciale in numerose epoche marziane.

Lastre di ghiaccio fratturate su Marte
Questa immagine mostra la regione di Marte chiamata Deuteronilus Mensae. L’area selezionata in chiaro indica la zona ripresa dalla telecamera stereo ad alta risoluzione di Mars Express il 25 febbraio 2018 durante l’orbita 17913. Credit: NASA MGS MOLA Science Team

Si pensa che i ghiacciai si siano lentamente ritirati dalle pianure e dagli altipiani che un tempo coprivano questa regione, lasciando sulla loro scia solo una manciata di tumuli di roccia ripidi, piatti e isolati.

Depositi lisci coprono il pavimento stesso, alcuni segnati da schemi di flusso di materiale che si muove lentamente in discesa: una miscela di ghiaccio e detriti accumulati che si sono uniti per formare e alimentare viscosi, spostando flussi di massa in qualche modo simili a una frana..

Gli studi condotti su questa regione dal Mars Reconnaissance Orbiter della NASA hanno dimostrato che la maggior parte della zona contiene effettivamente alti livelli di ghiaccio d’acqua.

Le stime collocano il contenuto di ghiaccio di alcune caratteristiche glaciali nella regione fino al 90%. Ciò suggerisce che, anziché ospitare sacche e ghiacciai isolatii o occasionali, Deuteronilus Mensae può effettivamente rappresentare quanto resta di una vecchia calotta di ghiaccio che ricopriva tutta la regione.

Una volta questa calotta glaciale potrebbe aver coperto l’intera area, adagiata sugli altopiani e sulle pianure. Quando il clima marziano cambiò, questo ghiaccio iniziò a spostarsi e scomparire, rivelando lentamente la roccia sottostante.

  • Lastre di ghiaccio fratturate su Marte
  • Lastre di ghiaccio fratturate su Marte
    Questa vista topografica mostra la regione di Marte chiamata Deuteronilus Mensae. Le parti inferiori della superficie sono mostrate in blu e viola, mentre le regioni a maggiore altitudine si presentano in bianco, giallo e rosso, come indicato sulla scala in alto a destra. Questa visione si basa su un modello di terreno digitale della regione, da cui è possibile derivare la topografia del paesaggio. Comprende i dati raccolti il ​​25 febbraio 2018 durante l’orbita 17913. La risoluzione del suolo è di circa 13 m / pixel e le immagini sono centrate a circa 25,5 ° E / 44 ° N. Il nord è a destra. Credito: ESA / DLR / FU Berlino, CC BY-SA 3.0 IGO
  • Lastre di ghiaccio fratturate su Marte
    Questa immagine del Mars Express dell’ESA mostra la regione di Marte chiamata Deuteronilus Mensae. Questa vista prospettica obliqua è stata generata utilizzando un modello di terreno digitale e dati Mars Express raccolti il ​​25 febbraio 2018 durante l’orbita 17913. La risoluzione del suolo è di circa 13 m / pixel e le immagini sono centrate a circa 25,5 ° E / 44 ° N. Questa immagine è stata creata utilizzando i dati dei canali nadir e color della telecamera stereo ad alta risoluzione (HRSC). Il canale del nadir è allineato perpendicolarmente alla superficie di Marte, come se guardasse in basso verso la superficie. Credito: ESA / DLR / FU Berlino, CC BY-SA 3.0 IGO

Nel complesso, le caratteristiche viste in queste immagini di Mars Express ricordano i ghiacciai coperti di rocce e detriti trovati nelle regioni fredde della Terra. I ghiacciai possono effettivamente essere relativamente comuni su Marte sia passato che attuale; studi recenti suggeriscono che il pianeta potrebbe avere fasce di attività glaciale sopra e sotto il suo equatore, contenenti enormi quantità di ghiaccio coperte da spessi strati protettivi di polvere, e molte altre aree mostrano segni di aver ospitato ghiacciai in passato, proprio come Deuteronilus Mensae.

La missione continuerà a esplorare il Pianeta Rosso in collaborazione con l’orbiter ExoMars Trace Gas Orbiter, una collaborazione ESA-Roscosmos, arrivato su Marte nel 2016, e il rover ExoMars Rosalind Franklin con la relativa piattaforma di scienza di superficie, che arriverà nel 2021.