Sono nove le specie di esseri umani che hanno camminato sulla Terra. Siamo rimasti solo noi

Oggi guardiamo le stelle e ci chiediamo se siamo soli nell'universo. Nella fantasia e nella fantascienza, ci chiediamo come potrebbe essere incontrare altre specie intelligenti, come noi, ma non noi. È profondamente triste pensare che abbiamo già incontrato altre specie intelligenti ed ora queste non ci sono più.

0
3532
Abbiamo annientato le altre specie di umani che abbiamo incontrato

Nove specie umane camminavano sulla Terra 300.000 anni fa. Ora siamo rimasti solo noi. Che è successo alle altre? Le abbiamo annientate noi fino all’estinzione?

I Neanderthal, l’Homo neanderthalensis, erano cacciatori robusti adattati alle fredde steppe d’Europa.

I Denisovani abitavano l’Asia, mentre il più primitivo Homo erectus viveva in Indonesia e l’Homo rhodesiensis nell’Africa centrale.

Al loro fianco sopravvissero per breve tempo altre specie con il cervello più piccolo: l’Homo naledi in Sudafrica, l’Homo luzonensis nelle Filippine, l’Homo floresiensis (“hobbit”) in Indonesia e il misterioso Popolo delle caverne dei cervi in Cina.

Data la rapidità con cui stiamo scoprendo nuove specie, probabilmente altre sono in attesa di essere trovate.

10.000 anni fa questi uomini erano spariti tutti.

La scomparsa di queste specie di Homo assomiglia a un’estinzione di massa. Ma non c’è stata un’evidente catastrofe ambientale – eruzioni vulcaniche, cambiamenti climatici, impatto con asteroidi – a provocarla.

Invece, i tempi delle estinzioni suggeriscono che furono causate dalla diffusione di una nuova specie, che si evolve tra 260,000 e 350,000 anni fa in Africa Meridionale: L’Homo sapiens.

La diffusione degli umani moderni fuori dall’Africa causò una sesta estinzione di massa, un evento di oltre 40.000 anni che si estende dalla scomparsa dei mammiferi dell’era glaciale alla distruzione delle foreste pluviali odierne.

Gli altri umani furono le nostre prime vittime?

Evoluzione umana. (Nick Longrich)Evoluzione umana. (Nick Longrich)

Siamo una specie decisamente pericolosa. Abbiamo cacciato i mammut lanosi ed i moas fino all’estinzione. Abbiamo distrutto pianure e foreste per l’agricoltura, modificando oltre la metà della superficie terrestre del pianeta. Abbiamo alterato il clima del pianeta.

Ma siamo più pericolosi per le altre popolazioni umane, perché competiamo con loro per risorse e terra.

La storia è piena di esempi di persone che combattono per i territori e le risorse, spostando o uccidendo altri gruppi con i quali erano in competizione: la distruzione di Cartagine, la conquista dell’America e la colonizzazione britannica dell’Australia, tanto per citarne alcuni. Ci sono stati anche di recente recente genocidi e pulizia etnica in Bosnia, Ruanda, Iraq, Darfur e Myanmar.

Come l’uso del linguaggio o degli strumenti, la capacità e la tendenza a impegnarsi nel genocidio è probabilmente una parte intrinseca, istintiva della natura umana. Ci sono pochi motivi per pensare che i primi Homo sapiens fossero meno territoriali, meno violenti, meno intolleranti, in definitiva meno umani di noi.

Gli ottimisti hanno dipinto i primi cacciatori-raccoglitori come nobili selvaggi che lottavano per conquistare la luce della conoscenza e hanno sostenuto che la nostra cultura, non la nostra natura, crea violenza. Ma studi sul campo, resoconti storici e archeologia mostrano tutti che la guerra nelle culture primitive era intensa, pervasiva e letale.

Le armi neolitiche come mazze, lance, asce e archi, combinate con tattiche di guerriglia come incursioni e imboscate, ebbero effetti devastanti. La violenza è stata la principale causa di morte tra gli uomini in queste società e le guerre hanno visto livelli di vittime più elevati per persona rispetto alla prima e alla seconda guerra mondiale.

Ossa e manufatti antichi mostrano che questa violenza è antica.

Il Kennewick Man di 9.000 anni fa, trovato in Nord America, ha una punta di lancia conficcata nel bacino. Il sito nataruk di 10.000 anni fa in Kenya documenta il brutale massacro di almeno 27 uomini, donne e bambini.

È improbabile che le altre specie umane fossero molto più pacifiche. L’esistenza della violenza cooperativa negli scimpanzé maschi suggerisce che la guerra precede l’evoluzione degli umani.

Gli scheletri di Neanderthal mostrano schemi di trauma coerenti con la guerra. Ma la capacità di pensare e costruire armi più sofisticate probabilmente ha dato all’Homo sapiens un vantaggio militare. L’arsenale dei primi Homo sapiens probabilmente incluse le armi a proiettile come giavellotti, fionde, bastoni da lancio e una migliore tattica .

Strumenti e cultura complessi permisero ai Sapiens di raccogliere in modo più efficiente una gamma più ampia di animali e piante, nutrire tribù più grandi e dare alla nostra specie un vantaggio strategico in termini di numeri.

L’ultima arma

Ma le pitture rupestri, le sculture e gli strumenti musicali suggeriscono qualcosa di molto più pericoloso: una sofisticata capacità di pensiero e comunicazione astratti.

La capacità di cooperare, pianificare, sviluppare una strategiamanipolare e ingannare potrebbe essere stata la nostra arma definitiva.

L’incompletezza dei reperti fossili rende difficile testare queste idee. Ma in Europa, l’unico posto con una documentazione archeologica relativamente completa, i fossili mostrano che nel giro di poche migliaia di anni dal nostro arrivo, i Neanderthal svanirono.

Tracce di DNA di Neanderthal in alcuni popoli eurasiatici dimostrano che non li abbiamo semplicemente sostituiti dopo che si sono estinti. Ci siamo incontrati e ci siamo accoppiati.

Altrove, il DNA racconta di altri incontri con umani arcaici. I gruppi dell’Asia orientale, polinesiana e australiana hanno il DNA dei Denisovans. Il DNA di un’altra specie, forse l’ Homo erectus, si presenta in molti asiatici. I genomi africani mostrano tracce di DNA di un’altra specie arcaica.

Il fatto che ci siamo incrociati con queste altre specie dimostra che sono scomparsi solo dopo averci incontrato.

Ma perché i nostri antenati avrebbero annientato i loro parenti, causando un’estinzione di massa – o, forse più precisamente, un genocidio di massa?

La risposta sta nella crescita della popolazione. Gli umani si riproducono in modo esponenziale, come tutte le specie. Senza controllo, abbiamo storicamente raddoppiato i nostri numeri ogni 25 anni. E una volta che gli umani sono diventati cacciatori cooperativi, non abbiamo avuto predatori.

Senza la predazione che controlla il nostro numero e la piccola pianificazione familiare oltre il ritardo del matrimonio e l’infanticidio, le popolazioni sono cresciute per sfruttare le risorse disponibili.

Un’ulteriore crescita o scarsità di cibo causata da siccità, inverni rigidi o risorse eccessive avrebbero inevitabilmente portato le tribù in conflitto sul cibo e sul foraggiamento del territorio. La guerra divenne un controllo sulla crescita della popolazione, forse la più importante.

La nostra eliminazione di altre specie probabilmente non è stata uno sforzo pianificato e coordinato del tipo praticato dalle civiltà, ma una guerra di logoramento. Il risultato finale, tuttavia, è stato altrettanto definitivo. Incursione per incursione, imboscata per imboscata, valle per valle, gli umani moderni avrebbero logorato i loro nemici e preso la loro terra.

Tuttavia, l’estinzione dei Neanderthal, almeno, ha richiesto molto tempo – migliaia di anni. Ciò è stato in parte dovuto al fatto che i primi Homo sapiens mancavano dei vantaggi della successiva conquista delle civiltà: un gran numero, supportato dall’agricoltura e malattie epidemiche come il vaiolo, l’influenza e il morbillo che hanno devastato i loro avversari.

Ma anche se i Neanderthal hanno perso la guerra, per resistere così a lungo devono aver combattuto e vinto molte battaglie contro di noi, suggerendo un livello di intelligenza vicino al nostro.

Oggi guardiamo le stelle e ci chiediamo se siamo soli nell’universo. Nella fantasia e nella fantascienza, ci chiediamo come potrebbe essere incontrare altre specie intelligenti, come noi, ma non noi. È profondamente triste pensare che già una volta l’abbiamo fatto e ora, a causa di ciò, queste altre specie si sono estinte.

Nick Longrich, conferenziere senior, paleontologia e biologia evoluzionistica, Università di Bath.

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l’articolo originale .