Risultati inattesi dalla sonda solare della NASA – video

Inattesi e interessanti i dati raccolti finora dalla sonda Parker che sta studiando da vicino l'eliosfera.

0
3209
Sonda Parker solar probe
La sonda Parker Solar Probe è l'oggetto di costruzione umana più veloce di sempre ed anche quello che più si è avvicinato al Sole, quasi 23 milioni di chilometri

La sonda solare Parker della NASA ha registrato il più vicino sorvolo del Sole nell’agosto 2018, raccogliendo enormi quantità di dati utilizzando strumenti scientifici all’avanguardia a una distanza di poco più di 20 milioni di chilometri dal Sole. La missione Parker, tra l’altro, ha stabilito il record di più veloce oggetto mai costruito dall’uomo.

Ora, gli scienziati stanno iniziando a rilasciare ciò che hanno appreso dai dati raccolti. Quattro nuovi articoli pubblicati sulla rivista Nature mercoledì hanno rivelato nuove scoperte che potrebbero riscrivere il modo in cui comprendiamo il ciclo di vita delle stelle.

Potrebbero anche aiutarci a trovare nuovi modi per proteggere gli astronauti dalle intemperie spaziali durante i viaggi a lunga distanza attraverso il Sistema Solare.

La complessità dei dati era strabiliante“, ha affermato Stuart Bale, ricercatore capo della suite di strumenti di bordo della sonda presso l’Università della California, Berkeley.

Ora, mi ci sono abituato. Ma quando li mostro ai colleghi per la prima volta, sono letteralmente travolti“.

La scoperta più sorprendente che i team hanno fatto è stata che i campi magnetici che emanavano dalla nostra stella sembravano inaspettatamente muoversi avanti e indietro, causando disturbi locali – ciò che gli scienziati hanno soprannominato “tornanti” – e che a volte possono persino puntare di nuovo verso il Sole.

La causa di questi cambiamenti è ancora un mistero per gli scienziati, ma alla fine potrebbero permetterci di capire come l’energia fluisce via dal Sole e attraverso il Sistema Solare.

Le onde sono state osservate nel vento solare dall’inizio dell’era spaziale e abbiamo ipotizzato che più vicine al Sole le onde sarebbero diventate più forti, ma non ci aspettavamo di vederle organizzare questi picchi di velocità strutturati coerenti“, ha dichiarato in una nota Justin Kasper, investigatore principale dell’Università del Michigan.

Gli scienziati hanno anche scoperto che la radiazione del sole vaporizza le particelle di polvere cosmica attorno a sé, lasciando una zona priva di polvere di 5,6 milioni di chilometri.

Hanno anche scoperto che i venti solari ruotano attorno al Sole a velocità “quasi dieci volte più grandi di quanto previsto dai modelli standard”, secondo Kasper.

La missione segna anche la prima volta che si sono potuti osservare flussi di vento solare che ruotano ancora attorno al Sole, piuttosto che allontanarsi a una velocità perpendicolare dalla stella – il tipo di traiettorie diritte che osserviamo dalla Terra.

Il Sole è l’unica stella che possiamo esaminare da vicino“, ha dichiarato Nicola Fox, direttore della divisione di eliofisica presso la sede della NASA.

Ottenere i dati alla fonte sta già rivoluzionando la nostra comprensione della nostra stella e delle stelle in tutto l’universo. Il nostro piccolo veicolo spaziale sta combattendo in condizioni brutali per inviare a casa sorprendenti ed emozionanti rivelazioni“.

La sonda tenterà di avvicinarsi ancora di più al Sole durante il flyby del 29 gennaio 2020.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da Futurism. Leggi l’articolo originale .