Ecco come Eta Carinae è sopravvissuta a un’eruzione di quasi supernova

Nel 1843 improvvisamente Eta Carinae si illuminò fino a diventare la seconda stella più luminosa del cielo, svanendo gradualmente nel 1857. Cosa le permise di arrivare a splendere quasi come una supernova e sopravvivere?

0
184
Eta Carinae esplose quasi come una supernova, eppure è ancora qui, come una stella normale
Eta Carinae esplose quasi come una supernova, eppure è ancora qui, come una stella normale

In tutta l’astronomia, nessun evento stellare rilascia più energia di una supernova.

Una sequenza animata della supernova del 17 ° secolo nella costellazione di Cassiopea. Questa ... [+] esplosione, nonostante si sia verificata nella Via Lattea e circa 60-70 anni dopo il 1604, non è stata vista ad occhio nudo a causa della polvere che si è verificata. Il materiale circostante e l'emissione continua di radiazioni EM svolgono entrambi un ruolo nella continua illuminazione del residuo. Una supernova è il destino tipico di una stella superiore a circa 10 masse solari, anche se ci sono alcune eccezioni.

L’umanità non ha assistito a una supernova ad occhio nudo nella nostra galassia dal 1604, ma Eta Carinae avrebbe potuto esserlo.

Nel 1843, la stella precedentemente modesta Eta Carinae si illuminò per diventare il secondo oggetto più luminoso nel cielo ... [+], davanti a Canopo (mostrato qui) e trascinando solo Sirio. A poco a poco, nei successivi 13 anni circa, sbiadì fino a quando non divenne finalmente visibile solo nei telescopi.

Nel 1843 improvvisamente Eta Carinae si illuminò fino a diventare la seconda stella più luminosa del cielo, svanendo gradualmente nel 1857.

Questa immagine a luce infrarossa mostra la grande nebulosa Carina, che ospita Eta Carinae nella parte inferiore ... [+] a sinistra. I circuiti di gas e polvere visibili derivano non solo dal materiale espulso dalla stessa Eta Carinae, ma anche dal materiale della più grande regione di formazione stellare che lo ha generato milioni di anni fa. Altre nuove stelle vicine sono anche visibili, mostrando il potere di questa regione che forma le stelle.

L’energia liberata in quell’occasione fu quasi la stessa che viene rilasciata rilasciata nelle supernove standard, ma Eta Carinae rimase intatta.

L '"impostore di supernova" del XIX secolo scatenò una gigantesca eruzione, spargendo materiale [...] di molti soli nel mezzo interstellare di Eta Carinae. Stelle di massa elevata come questa all'interno di galassie ricche di metalli, come la nostra, espellono grandi frazioni di massa in un modo che le stelle all'interno di galassie più piccole e di bassa metallizzazione non lo fanno. Eta Carinae potrebbe essere oltre 100 volte la massa del nostro Sole e si trova nella Nebulosa Carina, ma non è tra le stelle più massicce dell'Universo, né è sola.

Ancora oggi, nel 2019, la sua stella più pesante raggiunge oltre 100 masse solari.

Questa immagine multi-pannello mostra Eta Carinae nello stesso campo visivo usando tre diversi tipi di luce ... [+]: raggi X, ottica e infrarossi. I raggi X rivelano un anello esterno a ferro di cavallo, un nucleo interno caldo e una fonte centrale calda. L'immagine ottica mostra due bolle giganti che si espandono dal centro del sistema a oltre un milione di miglia all'ora. I dati a infrarossi rivelano che Eta Carinae è uno dei sistemi più luminosi della Via Lattea, poiché la nuvola di polvere in rapida espansione assorbe la radiazione diretta dalla stella centrale e la irradia nuovamente nell'infrarosso.
La Nebulosa Carina, con Eta Carina, la stella più luminosa al suo interno, a sinistra. Quella che sembra essere una singola stella [+] è stata identificata come binaria nel 2005, e ha portato alcuni a teorizzare che un terzo compagno fosse responsabile dell'innesco dell'evento impostore della supernova.

Nel 2005, le osservazioni hanno rivelato che Eta Carinae non è una singola stella, ma un sistema binario in un’orbita reciproca di circa 5,5 anni.

L'orbita binaria di 5,5 anni del sistema Eta Carinae è costituita da una stella ricca di idrogeno di ... [+] circa 100 masse solari in orbita con una stella priva di idrogeno di 30 masse solari. Questo tipo di inversione di massa, in cui la stella meno massiccia ha perso il suo idrogeno, suggerisce un trasferimento di massa che è difficile da spiegare.

IMMAGINE DELLA NEBULOSA HOMUNCULUS DEL CENTRO DI VOLO SPAZIALE DELLA NASA PER GENTILE CONCESSIONE DEL TEAM ERO SM4 DELLA NASA / ESA / HUBBLE

L’Universo ci concesse un replay ritardato, poiché parte della secolare luce emessa rimbalzava dal gas vicino, creando echi di luce.

È possibile che uno specifico cataclisma abbia scatenato questo sfogo: il divorare una terza stella.

Questo grafico a sei pannelli illustra uno scenario dell'esplosione di Eta Carinae del 1843 in cui un sistema a tre stelle ... [+] ha un membro che entra nella fase gigante, perde i suoi strati esterni verso il compagno più vicino, che allontana la stella del donatore, calciare il compagno esterno verso l'interno, causando un'eventuale fusione che ha portato all'evento impostore della supernova.

Questo tipo di scambio di massa potrebbe spiegare:

  • lo sfogo,
  • la sopravvivenza della stella più massiccia,
  • e l’assenza di idrogeno nei suoi 30 compagni di massa solare.
Un certo numero di echi di luce sono stati osservati per lo scoppio di Eta Carinae nel 1843, incluso nel 2003, ... [+] 2010 e 2011. Si prevede che ulteriori echi continueranno fino alla fine del 2020 almeno e potrebbero rivelare ulteriori dettagli sull'esplosione che non saremmo in grado di scoprire altrimenti.

Con Eta Carinae ancora brillante, i futuri echi di luce che potremo vedere potrebbero essere la chiave per risolvere questo mistero.

Fonte: Forbes