MAMBO-9, una delle galassie più distanti che siano mai state osservate

La luce della galassia conosciuta come MAMBO-9 ha viaggiato per 13 miliardi di anni per raggiungerci, rendendola la galassia a forma di stella più distante mai osservata con un telescopio.

mambo 9 - la galassia distante 13 miliardi di anni luce

Questa galassia mostruosa è considerata una scuola materna stellare gigante ed è piena di polvere, un ingrediente necessario per formare le stelle. Il tasso di formazione stellare in una galassia come questa può raggiungere alcune migliaia di volte la massa del nostro sole ogni anno – rispetto alla nostra galassia, che forma tre masse solari in un anno.

La cosa sorprendente di questa galassia, ripresa nell’immagine di copertina dall’Atacama Large Millimeter / submillimeter in Cile, è la sua età. Si è formato 970 milioni di anni dopo il Big Bang, il che significa che è iniziata durante l’infanzia dell’universo.
Gli astronomi non si aspettavano di trovare gigantesche galassie con vivai stellari risalenti a molto tempo fa, ma la scoperta di MAMBO-9 e di altre galassie dagli albori dell’universo sta cambiando la loro comprensione.
Date le loro enormi quantità di produzione stellare così precoci, galassie come questa dovrebbero avere influenzato l’evoluzione dell’universo.
Ma la polvere di queste fabbriche stellari, e la loro incredibile distanza da noi, tende a oscurarle alla vista.
Queste galassie tendono a nascondersi in bella vista“, ha dichiarato Caitlin Casey, autore dello studio presso l’Università del Texas ad Austin. “Sappiamo che sono là fuori, ma non sono facili da trovare perché la luce delle loro stelle è nascosta in nuvole di polvere“.
Dieci anni fa, il co-autore Manuel Aravena dell’Universidad Diego Portales in Cile ha rilevato per la prima volta la luce della galassia usando lo strumento MAMBO, o il Max-Planck Millimeter BOLometer sul telescopio spagnolo IRAM da 30 metri – da qui il nome per la galassia. Ma non sono stati in grado di raccogliere abbastanza informazioni per capire la distanza e l’età della galassia.
Eravamo in dubbio se fosse reale, perché non potevamo vederla con altri telescopi. Ma se fosse stata reale, doveva essere molto lontana“, ha detto Aravena, che era uno studente di dottorato in Germania quando ha realizzato il primo rilevamento.
L’array di telescopi in Cile, noto come ALMA, è abbastanza sensibile da rilevare queste galassie lontane e polverose. Ma il più grande impedimento a vedere galassie così lontane è costituito in realtà da altre galassie, poiché quelle più vicine a noi coprono quelle più distanti con la loro luce.
A volte sono in grado di offrire un aiuto attraverso la lente gravitazionale, rendendole più facili da individuare. Tuttavia, questo può distorcere la luce delle galassie distanti, rendendo difficile imparare di più su di esse.
I ricercatori, però, hanno scoperto MAMBO-9 senza lenti gravitazionali, che è la galassia visibile più distante da vedere senza questo effetto distorsivo.
La massa totale di gas e polvere nella galassia è enorme: 10 volte più di tutte le stelle nella Via Lattea. Ciò significa che deve ancora costruire la maggior parte delle sue stelle“, ha detto Casey.
Nell’immagine è visibile un secondo componente. La galassia si sta effettivamente fondendo con un’altra, quindi è costituita da due parti.
I ricercatori sperano che i dati di ALMA saranno in grado di aiutarli a trovare galassie più distanti e polverose per capire quante ce ne sono e perché si sono formate all’inizio della sequenza temporale dell’universo.
Anche la polvere costituisce un mistero che gli astronomi vogliono approfondire.
La polvere è normalmente un sottoprodotto di stelle morenti“, spiega Casey. “Ci aspettiamo 100 volte più stelle che polvere. Ma MAMBO-9 non ha ancora prodotto così tante stelle e vogliamo scoprire come la polvere si sia potuta formare così velocemente dopo il Big Bang.”