La quarta rivoluzione industriale potrebbe portare a un futuro oscuro

La "quarta rivoluzione industriale" non è semplicemente un'opportunità. Quello che importa che tipo di opportunità è per chi e in quali termini. E di questo si discute molto più raramente.

0
655
rivoluzione industriale prossima ventura

Riporta indietro la tua mente di un decennio circa e considera come appariva il futuro.

Un orizzonte pubblico di “sì, possiamo” intriso di Obama e un’alta marea di speranza e tolleranza espresse alle Olimpiadi di Londra forniscono un tema narrativo; un’altra pressione fu indotta dalla crisi economica globale. Nessuno dei due eventi parla direttamente del nostro attuale mondo fatto di politica divisiva di parte, dell’uso tossico che si fa dei social media attraverso narrazioni dei fatti in competizione tra loro e finzioni facilmente credibili.

Questo dovrebbe essere istruttivo. Il futuro è un fatto non scoperto, eppure siamo costantemente confusi dal futuro quando diventa presente. Ciò in cui crediamo, diciamo, facciamo, organizziamo e votiamo per la materia sfugge costantemente alla nostra comprensione. Spesso ci si prospettano futuri che preferiremmo evitare. Il nostro futuro ecologico e climatologico rappresenta uno di questi e se e come lavoreremo, un altro.

Ci sono organizzazioni che cercano costantemente di anticipare per capire cosa significherà per noi e trarne vantaggi economici. La “quarta rivoluzione industriale” è l’ultima versione di questo. È comunemente definita come una combinazione di nuove tecnologie, tra cui l’intelligenza artificiale (AI), l’apprendimento automatico, la codifica del linguaggio naturale, la robotica, i sensori, il cloud computing, la nano-tecnologia, la stampa 3D e Internet delle cose. Secondo i sostenitori della quarta rivoluzione industriale, queste tecnologie sono destinate a trasformare le società in cui viviamo e le economie in cui lavoriamo. E, a quanto pare, è probabile che questo futuro sarà ben avviato entro il 2030.

È importante capire, tuttavia, che la quarta rivoluzione industriale è solo un concetto, un tentativo di catturare il significato di ciò che sembra accadere. L’idea incita titoli che inducono ansia per quanto riguarda le minacce all’occupazione e un tema generale di positività per quanto riguarda i benefici della tecnologia.

Quanti lavori saranno interessati? Kate.sade / Unsplash , FAL

Un futuro splendente

I principali sostenitori dell’idea di una quarta rivoluzione industriale sono think tank e società di consulenza che lavorano con modellisti, economisti ed esperti di tecnologia (e ovviamente le stesse società tecnologiche). Questo lavoro fornisce temi, approfondimenti e gran parte dell’analisi dei dati che informa l’attuale politica del governo sotto forma di strategia industriale.

Al centro di ciò c’è il lavoro del World Economic Forum, guidato dal suo presidente esecutivo Klaus Schwab e quello del McKinsey Global Institute. L’attenzione di entrambi è ponderata sull’esprimere i benefici delle trasformazioni imminenti se investiamo rapidamente e investiamo pesantemente.

Ad esempio, immagina un mondo in cui il tuo water dice al tuo frigorifero che il tuo colesterolo è alto. Il tuo frigorifero, a sua volta, regola il tuo ordine di prodotti lattiero-caseari per quella settimana (consegnato da un veicolo automatizzato o un drone da un magazzino di generi alimentari) e invia un avviso all’intelligenza artificiale sanitaria il cui database monitora il tuo sistema cardiovascolare. Questa IA, a sua volta, è in collegamento con la struttura di chatbot del tuo hub di casa (che ti rimprovera e ti suggerisce di ridurre i grassi e fare più uso dell’abbonamento alla palestra) e, se ritenuto necessario, imposta una visita medica domiciliare o un appuntamento in realtà virtuale con il tuo medico di base.

Secondo la letteratura sulla quarta rivoluzione industriale, questa, come molte altre possibilità, è fantascienza sulla cuspide dell’essere fatto scientifico. È un futuro commercializzato, un sistema dalla culla alla tomba. Un sistema che, a quanto pare, può aiutarci a sopravvivere al nostro passato e presente disastrosi e promette anche un futuro sostenibile, in cui un insieme connesso di tecnologie crea la possibilità di un uso controllato di energia e risorse, la creazione minima di rifiuti e il massimo riciclaggio.

Ma questi think tank e consulenze difficilmente saranno ritenuti direttamente responsabili per il futuro che aiuteranno a realizzare. Non sono organizzazioni sinistre, ma neppure neutrali. La “quarta rivoluzione industriale” non è semplicemente un’opportunità. Quello che importa che tipo di opportunità è per chi e in quali termini. E di questo si discute molto più raramente.

Un futuro per chi?

L’enfasi sui vantaggi e l’attenzione sulla necessità di investimenti distoglie sottilmente la questione principale di chi sarà il proprietario dell’infrastruttura di base del nostro futuro. Le grandi aziende mirano a controllare la proprietà intellettuale delle tecnologie che influenzeranno ogni aspetto della vita.

Allo stesso tempo, coloro che scrivono sulla quarta rivoluzione industriale riconoscono che potrebbe esserci quella che chiamano “disoccupazione tecnologica. Alcune ricerche sostengono che tra il 30% e il 50% delle attuali forme di lavoro potrebbero scomparire. Alcuni suggeriscono che sia più probabile che accada a circa il 10%, ma nessuno sembra garantire che i posti di lavoro persi saranno sostituiti da altri in settori differenti.

Il messaggio implicito trasmesso dalle società di consulenza, che influirà sulla maggior parte dei settori che compongono il tessuto sociale, è che “il futuro sta arrivando e faresti meglio ad abituarti“.

I messaggi e le politiche dei governi tendono ad assorbire questo punto di vista. Per il governo, le opportunità sono state tradotte in un linguaggio di minacce competitive : “Se non facciamo queste cose, altri lo faranno“. Ciò focalizza sottilmente l’attenzione su inevitabili conseguenze economiche senza fornire spazio per considerare le ramificazioni sociali più ampie che potrebbe essere necessario gestire.

Nel Regno Unito, ad esempio, non esiste ancora alcuna iniziativa governativa per l’educazione pubblica, la consultazione e la deliberazione su un argomento che può comportare profondi cambiamenti nelle nostre società. Solo il comitato ristretto sull’intelligenza artificiale della House of Lords ha segnalato questo problema.

L’attenzione si è concentrata su “occupabilità“. Si presume che potremo generare nuovi posti di lavoro se riqualifichiamo e miglioriamo il nostro capitale umano, competiamo con il capitale dei robot e ci abituiamo a collaborare con le tecnologie.

Eppure le tecnologie della quarta rivoluzione industriale potrebbero mettere a rischio le relazioni funzionali di base di un’economia capitalista. Il lavoro salariato è ciò che consente il consumo, che a sua volta diventa un profitto per le aziende, che a sua volta mantiene le aziende, il lavoro salariato e la capacità di contribuire con le tasse. Se l’adozione di nuove tecnologie è rapida e pervasiva, la disoccupazione potrebbe finire per sopraffare la capacità delle economie di fornire forme alternative di lavoro.

Questa è una possibilità estrema, ma sulla quale l’attuale politica del governo sta facendo ben poco per confrontarsi. Al momento, nel Regno Unito ma è così ovunque, solo una parte dei sindacati sta pensando alla portata inerente le nuove tecnologie per i diversi tipi di società che si prospettano. Questo deve cambiare e in fretta.