Le immagini del Polo Nord di Marte riprese da Mars Express

Il satellite marziano Mars Express dell'ESA ha catturato splendide immagini della calotta ghiacciata del polo nord di Marte, completo di fasce luminose di ghiaccio, depressioni oscure e segni di forti venti e attività tempestose.

0
243
Mars-North-Polar-Ice-Cap
Questa immagine mostra parte della calotta glaciale situata sul polo nord di Marte, completa di fasce luminose di ghiaccio, depressioni e depressioni oscure e segni di forti venti e attività tempestose. Questa immagine comprende i dati raccolti il ​​16 novembre 2006, durante l'orbita 3670. La risoluzione del suolo è di circa 15 m / pixel e le immagini sono centrate a circa 244 ° E / 85 ° N. Questa immagine è stata creata utilizzando i dati dei canali nadir e color della telecamera stereo ad alta risoluzione (HRSC). Il canale del nadir è allineato perpendicolarmente alla superficie di Marte, come se guardasse in basso verso la superficie. Il nord è in alto a destra. Credito: ESA / DLR / FU Berlino, CC BY-SA 3.0 IGO

I poli di Marte sono ricoperti da strati di ghiaccio impilati che si spostano leggermente in estensione e composizione durante tutto l’anno.

Durante l’estate, il polo è permanentemente coperto da spessi strati di ghiaccio d’acqua; durante l’inverno, le temperature precipitano al di sotto di -125 gradi Celsius e l’anidride carbonica inizia a precipitare e si accumula sotto forma di ghiaccio secco, creando uno strato addizionale più sottile spesso un paio di metri. L’inverno porta anche nuvole di biossido di carbonio, che possono oscurare le caratteristiche polari sottostanti e rendere difficile vederle chiaramente dall’orbita.

Questa visione della videocamera stereo ad alta risoluzione (HRSC) di Mars Express approfitta di una copertura nuvolosa molto ridotta e mostra la calotta polare settentrionale durante l’estate del 2006.

Il paesaggio è un increspato mix di colori, dai bianchi luminosi del ghiaccio d’acqua ai rossi scuri e ai marroni della polvere marziana, e mostra una serie di fenomeni interessanti.

Polo Nord di Marte

Questa immagine mostra la calotta di ghiaccio sul polo nord di Marte. L’area delimitata dalla striscia bianca indica l’area ripresa dalla telecamera stereo ad alta risoluzione Mars Express il 16 novembre 2006 durante l’orbita 3670. Credit: NASA MGS MOLA Science Team

Trogoli rosso scuro e color ocra sembrano tagliare la calotta di ghiaccio. Questi fanno parte di un più ampio sistema di depressioni che si snodano verso l’esterno dal centro del polo. Se visto su una scala più ampia, come nella mappa di contesto, questo modello diventa evidente: le depressioni increspate si curvano e si piegano e si dividono verso l’esterno in un orientamento antiorario, avvolgendosi attorno al polo e creando un motivo simile a strisce zebrate.

Si ritiene che queste caratteristiche a spirale si siano formate attraverso un mix di processi, tra i quali il più significativo è l’erosione del vento. Si pensa che i venti ruotino radialmente lontano dal centro del polo nord, spostandosi ciclicamente verso l’esterno per creare il modello a spirale che vediamo.

Questi venti, noti come venti catabatici, spostano verso il basso l’aria fredda e secca sotto la forza di gravità, spesso originando in aree elevate (come ghiacciai o altopiani innevati) e scorrendo verso il basso in aree più calde come valli e depressioni. mentre si muovono la forza di Coriolis li fa deviare da un percorso rettilineo a formare il modello a spirale di cui sopra che vediamo.

A sinistra del fotogramma sono visibili alcune correnti di nuvole estese, allineate perpendicolarmente a un paio di canali. Si pensa che siano causate da piccole tempeste locali che sollevano polvere nell’atmosfera marziana, erodendo scarpate e pendii mentre lo fanno e cambiando lentamente l’aspetto dei canali.

I poli sono aree particolarmente interessanti di Marte. Questi strati di ghiaccio contengono informazioni sul passato di Marte, in particolare riguardo a come il suo clima si è evoluto e cambiato negli ultimi milioni di anni: il ghiaccio si mescola con strati di polvere superficiale e si deposita sui poli nord e sud, fornendo un’istantanea delle caratteristiche del pianeta durante quel periodo storico.

Un obiettivo chiave di HRSC è quello di esplorare i vari fenomeni che si verificano nell’atmosfera marziana, come venti e tempeste, e i molti intriganti processi geologici che si svolgono attraverso – e sotto – la superficie del Pianeta Rosso.

La fotocamera ha restituito viste incredibilmente dettagliate di Marte per molti anni. Mars Express è arrivato sul Pianeta Rosso alla fine del 2003 e ha rivelato molte cose sul pianeta e sulla sua storia, inclusa la mappatura della sua superficie a risoluzioni di 10 m / pixel o superiori, esplorando quanto Marte potesse essere umido all’inizio della sua storia, caratterizzandone gli incredibili vulcani e le caratteristiche bizzarre della superficie, permettendo anche studi più profondi per determinare la struttura e i componenti della sua sottosuperficie.

Mars North Polar Ice Cap 3D

Questa immagine mostra parte della calotta di ghiaccio sul polo nord di Marte in 3D se vista con gli occhiali rosso-verde o rosso-blu. Questo anaglifo è stato derivato da dati ottenuti dai canali nadir e stereo della telecamera stereo ad alta risoluzione (HRSC) su Mars Express dell’ESA durante l’orbita di un’astronave 3670. Copre una parte della superficie marziana centrata a circa 244 ° E / 85 ° N. Il nord è in alto a destra. Credito: ESA / DLR / FU Berlino, CC BY-SA 3.0 IGO

Questo obiettivo di caratterizzare l’intero pianeta e la sua storia sarà proseguito e promosso dall’ESA-Roscosmos ExoMars Trace Gas Orbiter, arrivato su Marte nel 2016, e dal rover ExoMars Rosalind Franklin e dalla relativa piattaforma di scienza di superficie, che arriverà l’anno prossimo.

Questa immagine è stata pubblicata in coincidenza con la settima conferenza internazionale su Marte Polar Science and Exploration, che si è svolta in Argentina dal 13 al 17 gennaio 2020. Questa è l’ultima di una serie di conferenze internazionali e interdisciplinari per condividere le conoscenze sulle intriganti regioni polari del Pianeta Rosso.

Fonte: Scitech daily