Davvero gli uccelli sono dinosauri?

Le origini degli uccelli moderni possono risalire ai teropodi, un ramo di mangiatori di carne posto per lo più sull'albero genealogico dei dinosauri.

0
3711
Gli uccelli discendono dai dinosauri?

Cosa hanno in comune passeri, oche e gufi con un velociraptor o con il potente Tyrannosaurus rex? Tutti possono far risalire le loro origini a un gruppo di dinosauri bipedi, principalmente mangiatori di carne, chiamati teropodi che apparvero circa 231 milioni di anni fa, durante il tardo periodo triassico.

I primi uccelli avevano molto in comune con i loro parenti teropodi, tra cui le piume e la deposizione delle uova. Tuttavia, alcuni tratti – come il volo prolungato e potenziato – distinguevano gli uccelli antichi da altri teropodi e alla fine arrivarono a definire la discendenza degli uccelli moderni (anche se non tutti gli uccelli moderni volano).

Oggi, tutti i dinosauri non aviari sono estinti da tempo. Ma gli uccelli sono ancora da considerare veri dinosauri?

In una parola: .

Gli uccelli sono dinosauri viventi, proprio come noi siamo mammiferi“, spiega Julia Clarke, paleontologa che studia l’evoluzione del volo e professore presso il Dipartimento di Scienze geologiche dell’Università del Texas ad Austin.

Nonostante le differenze fisiche che distinguono tutti i mammiferi dalle altre specie, ogni animale in quel gruppo – vivente ed estinto – può far risalire determinate caratteristiche anatomiche a un antenato comune. E lo stesso vale per gli uccelli, ha detto Clarke a Live Science.

Sono fermamente nidificati in quella parte dell’albero dei dinosauri“, ha detto. “Tutte le specie di uccelli che abbiamo oggi sono discendenti di un lignaggio di dinosauro: i dinosauri teropodi“.

Cosa rende un uccello, un uccello?

Gli uccelli moderni hanno code e corpi piumati, ossa delle spalle non utilizzate, becchi senza denti e arti anteriori che sono più lunghi dei loro arti posteriori. Hanno anche un osso piatto vicino alla coda chiamato piggostilo. Altri tipi di teropodi estinti avevano una o più di queste caratteristiche, ma solo gli uccelli moderni le hanno tutti, secondo Takuya Imai, un assistente professore presso il Dinosaur Research Institute dell’Università di Prefettura di Fukui, in Giappone.

In un primitivo uccello giapponese chiamato Fukuipteryx – un aviario di 120 milioni di anni che Imai ha descritto a novembre 2019 e primo uccello conosciuto con un piggostilo – la struttura conservata assomigliava molto al pigmeo di un pollo moderno. In altre parole, alcune strutture negli uccelli moderni possono essere fatte risalire ad alcuni dei loro primi antenati.

Tuttavia, gli uccelli primitivi avevano ancora molto in comune con i teropodi non aviari, ha detto Jingmai O’Connor, un paleontologo specializzato in uccelli dell’era dei dinosauri e nella transizione dai dinosauri non aviari, presso l’Istituto di paleontologia dei vertebrati e paleoantropologia a Pechino, Cina.

In effetti, i primi uccelli erano “molto simili ai dinosauri” rispetto agli uccelli moderni, “Alcuni avevano lunghe code, denti e artigli da rettile sulle loro mani. E molti dinosauri teropodi che non erano uccelli avevano piume vere, “che sono piume che hanno una parte centrale lungo il centro e le barbe ramificate“, secondo Clarke.

I paleontologi distinguono i gruppi animali attraverso misurazioni precise di minuscole variazioni delle ossa e di altri tessuti fossili del corpo, tra cui “piccoli dossi e tubercoli [un rigonfiamento arrotondato su un osso] che sono correlati alla riorganizzazione di diversi gruppi muscolari“, ha detto Clarke. Questi dati morfologici vengono tradotti in numeri che vengono poi elaborati da algoritmi per individuare la relazione tra animali, spiega O’Connor. Usando questi algoritmi in un sistema noto come cladistica, gli esperti possono differenziare gli uccelli antichi dai loro parenti teropodi.

Il primo uccello conosciuto è l’Archaeopteryx, che visse circa 150 milioni di anni fa nell’attuale Germania meridionale. La creatura pesava circa 1 kg e misurava circa 50 cm di lunghezza; prove fossili dimostrano che sfoggiava piumaggio su coda e corpo. La forma dei suoi arti anteriori e delle piume suggerisce anche che l’Archaeopteryx era in grado di volare, un tratto associato alla maggior parte degli uccelli moderni. Tuttavia, a differenza degli uccelli di oggi, l’Archaeopteryx manteneva ancora dita simili ad artigli sulla punta delle ali.

Fossili di uccelli del primo periodo Cretaceo (da 145,5 a 65,5 milioni di anni fa) sono stati trovati nella Cina nord-orientale, come il Confuciusornis, che visse circa 125 milioni di anni fa e aveva un becco e lunghe piume di coda. Alcuni fossili di Confuciusornis , descritti nel 2013, includevano persino l’osso midollare, un tessuto spugnoso trovato in uccelli femmine sessualmente mature.

Un altro pezzo di prova fossile collega gli uccelli antichi ai loro parenti moderni attraverso la loro digestione, sotto forma di una massa di ossa di pesce indigeribili tossite da un aviario del cretaceo in Cina circa 120 milioni di anni fa.

Una caratteristica distintiva degli uccelli è la loro capacità di volare, che richiede grandi arti anteriori coperti con piume di forma asimmetrica provvisti di muscoli potenti.

Nel lignaggio che si evolve verso gli uccelli, molto probabilmente un lignaggio all’interno dei Troodontidae [una famiglia di teropodi simili agli uccelli], il volo è ciò che separa gli uccelli dal loro parente più vicino tra i dinosauri non aviari (probabilmente un troodontide)“, ha detto O’Connor.

Quindi, dopo l’evoluzione del volo, le piccole ossa nelle mani degli uccelli “si riducono e si fondono per creare questo tipo di struttura irrigidita che sostiene le piume dell’ala“, ha detto Clarke.

Dopo l’estinzione dei dinosauri non aviari alla fine del periodo Cretaceo, gli uccelli hanno continuato ad evolversi e diversificarsi, sviluppando caratteristiche più specializzate legate al volo, come una struttura allungata negli steli (chiamata chiglia) e potenti muscoli pettorali.

Vediamo pettorali sempre più grandi che sono associati a questa chiglia pronunciata. E che si sono evoluti dopo l’origine del volo ed è presente negli uccelli viventi“, ha detto.

Oggi ci sono circa 10.000 specie di uccelli in tutto il mondo. Gli uccelli possono essere piccoli come un colibrì o grandi come uno struzzo; possono librarsi come un’aquila o tuffarsi come un pinguino. Tuttavia, appartengono ancora allo stesso gruppo di dinosauri teropodi che hanno covato l’Archaeopteryx 150 milioni di anni fa.

Originariamente pubblicato su Live Science .