Coronavirus, ultimi aggiornamenti: oltre 4.500 infetti, ma gli esperti avvertono che il numero reale potrebbe essere superiore

Aumentano sempre più velocemente i casi accertati di infezione da 2019-nCOV, solo nelle ultime 24 ore, secondo i dati rilasciati dalle autorità cinesi e dall'oms, sono cresciuti di oltre il 60% ed il numnero dei morti ha superato i 100. In Italia, una donna cinese con sintomi sospetti è stata ricoverata per accertamenti a Pistoia.

0
1475
Wuhan
Wuhan, l'epicentro dell'epidemia

In meno di 24 ore i casi acclarati di patologia da 2019-nCOV, il coronavirus emerso a Wuhan in Cina, sono aumentati di quasi il 60% e gli esperti avvisano che tali numeri potrebbero essere sottostimati.

Ad ogni modo, i casi ufficialmente dichiarati sono ora oltre 4515 con 106 morti accertati.

L’OMS nel bollettino emesso nella giornata di ieri si è scusata per avere sottovalutato la portata del rischio globale portandolo ad alto.

In Italia, intanto, si registra un ricovero per un caso sospetto di coronavirus all’ospedale San Jacopo di Pistoia. Accertamenti sono in corso. Si tratta di una donna di 53 anni, originaria della provincia dell’Hubei, nella Cina centrale, che viaggiava insieme ad un’altra ventina di connazionali su un pullman turistico. La donna accusava una sintomatologia simil influenzale con lieve rialzo febbrile.

Almeno 13 paesi hanno affermato che evacueranno i loro cittadini da Wuhan, l’epicentro del conflitto.

Gli operatori sanitari disinfettano una residenza a Ruichang, in Cina, una città nella provincia di Jiangxi. Un focolaio di coronavirus che ha causato la morte di oltre 100 persone è iniziato nella vicina provincia di Hubei. Credito: Agence France-Presse – Getty Images

Il virus si sta diffondendo rapidamente, hanno dichiarato stamattina le autorità cinesi, poiché il resoconto ufficiale di casi noti è balzato di quasi il 60% durante la notte e il bilancio delle vittime ha superato i 100 per la prima volta.

Il numero di casi confermati è aumentato nelle ultime 24 ore da 2.835 di lunedì a 4.515 di martedì, secondo la National Health Commission. La maggior parte dei casi è stata confermata nella provincia cinese centrale di Hubei, l’epicentro dell’epidemia, in cui diverse città, tra cui Wuhan, sono state poste in quarantena. Del totale dei casi, 2.714 sono in Hubei.

Coronavirus di Wuhan: la diffusione dell’epidemia
Una paziente all’ospedale della Croce rossa di Wuhan domenica. Credito: Hector Retamal / Agence France-Presse – Getty Images

L’improvvisa epidemia sta mettendo a dura prova il sistema sanitario cinese già sovraccarico e insufficiente.

Nelle principali città, come Pechino e Shanghai, molte persone devono mettersi in fila nelle prime ore del mattino per fissare appuntamenti con i medici. La Cina non ha un sistema di assistenza primaria molto efficiente, quindi la maggior parte delle persone si affolla negli ospedali. In condizioni normali imedicini possono arrivare a visitare oltre 200 persone al giorno.

L’inefficienza del sistema sanitario è più evidente nelle aree più povere della Cina – come Wuhan, l’epicentro del coronavirus. Gli abitanti della città in preda al panico affollano gli ospedali al primo segno di raffreddore o tosse. I video che circolano sui social media cinesi mostrano che i medici si sforzano di gestire l’enorme carico di lavoro e i corridoi degli ospedali carichi di pazienti, alcuni dei quali sembrano morti. Nonostante abbiano affrontato il coronavirus della SARS meno di due decenni fa, molti ospedali cinesi nelle città più piccole non sono completamente preparati ad affrontare un grave focolaio come l’attuale virus. Gli ospedali di Wuhan hanno pubblicato online messaggi di richieste d’aiuto per apparecchiature mediche, maschere, occhiali, maschere chirurgiche e camici chirurgici N95. La situazione è ancora più disperata nelle aree rurali più povere nelle vicinanze.

 

Per ovviare alla scarsità di strutture mediche, il governo locale si è impegnato a costruire un nuovo ospedale da 1.000 posti letto in 10 giorni e ha promesso che un altro nuovo ospedale da 1.300 posti letto sarà pronto entro la metà del prossimo mese.

Una carenza di kit medici necessari per diagnosticare rapidamente la nuova forma di coronavirus che si sta diffondendo in tutta la Cina ha rallentato la capacità del paese di rispondere all’epidemia e alimentato i timori che il numero totale di casi sia stato sottostimato.

La China Products Medical Administration ha dichiarato domenica di aver approvato quattro nuovi kit di rilevazione dei virus, incluso uno che sequenzia la struttura genetica della malattia.

Agli abitanti della città di Wuhan, nella Cina centrale, che sono arrivati ​​negli ospedali per sottoporsi ai test, è stato detto che gli operatori sanitari non disponevano dei kit necessari per confermare una diagnosi.

Una donna di Wuhan ha riferito al South China Morning Post che suo zio ha appreso che aveva una polmonite virale dopo una scansione CAT, ma il medico non ha potuto confermare che si trattava del nuovo virus perché non erano disponibili kit.

La Cina potrebbe dover fare affidamento su un supporto tecnico esterno. La Bill e Melinda Gates Foundation ha annunciato domenica che impegnerà $ 5 milioni per aiutare la risposta della Cina alla crisi, compresi “gli sforzi per identificare e confermare i casi“.

Wuhan, Cina, epicentro dell’epidemia di martedì. Credito: Hector Retamal / Agence France-Presse – Getty Images

Sull’onda dei timori dell’impatto del virus sull’economia globale continuano a calare le borse.

Gli investitori stanno vendendo le azioni delle società ritenute più colpite dagli effetti dell’epidemia e hanno iniziato a cercare di determinare gli effetti economici a lungo termine dell’epidemia.

Il denaro si sta riversando sui beni rifugio come l’oro e sta crescendo il valore del dollaro.

Stamattina il ministro dell’economia giapponese ha dichiarato che l’epidemia cinese influenzerà l’industria turistica giapponese e ha avvertito che potrebbe anche danneggiare le esportazioni giapponesi e i profitti delle imprese.

Ci sono preoccupazioni per l’impatto sull’economia cinese e globale a causa della diffusione dell’infezione in Cina, interruzioni dei trasporti, cancellazione di viaggi di gruppo dalla Cina e un’estensione durante le festività lunari“, ha detto il ministro Yasutoshi Nishimura.

Il coronavirus è attualmente la minaccia n. 1 per i mercati finanziari poiché gli investitori globali stanno diventando nervosi per l’incertezza“, ha affermato Nigel Gre, fondatore del gruppo di investimento deVere Group.

Questa è una situazione preoccupante e grave e gli investitori devono essere vigili“, ha detto.