Il Voyager 2 ha problemi di alimentazione; si sta lavorando per ripristinare la normale operatività

Il sistema di alimentazione del Voyager 2 è andato in sovraccarico e le routine automatiche di protezione hanno spento tutti gli strumenti. I tecnici del JPL stanno lavorando per ripristinare l'operatività

1530
Voyager 2
Artist's concept of Voyager in flight.

Il team di missione delle sonde Voyager della NASA sta lavorando per riportare la missione alle condizioni operative dopo l’attivazione di una delle routine autonome di protezione dai guasti del Voyager 2. Routine multiple di protezione dai guasti sono state programmate sia nel Voyager 1 che nel Voyager 2 per consentire al veicolo spaziale di agire automaticamente per proteggersi in caso di circostanze potenzialmente dannose. Al Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California, gli ingegneri sono ancora in comunicazione con il Voyager 2 e stanno ricevendo la telemetria.

Lanciati nel 1977, Voyager 1 e Voyager 2 sono entrambi . Sabato 25 gennaio, il Voyager 2 non ha eseguito una manovra programmata in cui il veicolo spaziale ruota di 360 gradi per calibrare il suo strumento di campo magnetico di bordo. L’analisi della telemetria dal veicolo spaziale ha indicato che un ritardo inspiegabile nell’esecuzione a bordo dei comandi di manovra ha lasciato attivi due sistemi che consumano livelli relativamente elevati di potenza operativa contemporaneamente. Ciò ha causato un sovraccarico nel sistema di alimentazione.

La routine del software di protezione dai guasti è stata progettata per gestire automaticamente un evento del genere e, in base alla progettazione, sembra aver disattivato gli strumenti scientifici del Voyager 2 per compensare il deficit di alimentazione. Il 28 gennaio, gli ingegneri Voyager sono riusciti a spegnere uno dei sistemi ad alta potenza e riacceso gli strumenti scientifici, ma non hanno ancora ripreso a prendere i dati. Il team sta ora rivedendo lo stato del resto del veicolo spaziale e sta lavorando per riportarlo alla normale operatività.

L’alimentazione del Voyager 2 proviene da un generatore termoelettrico radioisotopico (RTG), che trasforma il calore generato dal decadimento di un materiale radioattivo in elettricità per alimentare il veicolo spaziale.

A causa del naturale decadimento del materiale all’interno dell’RTG, il budget energetico del Voyager 2 diminuisce di circa 4 watt all’anno. L’anno scorso, gli ingegneri hanno spento il riscaldatore primario per lo strumento del sottosistema di raggi cosmici Voyager 2 al fine di compensare questa perdita di potenza e lo strumento continua a funzionare.

Oltre a gestire l’alimentazione di ciascun Voyager, gli operatori di missione devono anche gestire la temperatura di alcuni sistemi sul veicolo spaziale. Se, ad esempio, le linee del carburante del veicolo spaziale dovessero congelarsi e rompersi, Voyager non sarebbe più in grado di puntare la sua antenna verso la Terra per inviare dati e ricevere comandi. La temperatura del veicolo spaziale viene mantenuta mediante l’uso di riscaldatori o sfruttando il calore in eccesso proveniente da altri strumenti e sistemi di bordo.

Il team ha impiegato diversi giorni per valutare la situazione attuale principalmente a causa della distanza del Voyager 2 dalla Terra, calcolata attualmente in circa 18,5 miliardi di chilometri. Le comunicazioni, che viaggiano alla velocità della luce, impiegano circa 17 ore per raggiungere in veicolo spaziale e occorrono altre 17 ore affinché una risposta dell’astronave ritorni sulla Terra. Di conseguenza, gli ingegneri di missione devono attendere circa 34 ore per scoprire se i loro comandi hanno avuto l’effetto desiderato sul .