Il gin fatto con sterco di elefante – e per una buona ragione

L'Indlovu Gin è realizzato con prodotti vegetali provenienti dallo sterco di elefante.

Il gin prodotto con sterco di elefante
Una vacanza è spesso un’esperienza stimolante, ma a volte un’ispirazione può assumere una forma inaspettata. Paula Ansley dopo una vacanza all’interno di una riserva di caccia, circa due anni fa, ha posto al marito Les una domanda un po insolita: “si potrebbe produrre gin utilizzando lo sterco di elefante”?

Questa strana domanda è arrivata dopo che un ranger aveva spiegato alla coppia come gli elefanti si nutrono con grandi quantità di vegetazione, ma ne assorbono meno della metà. Il che significa che gran parte della loro alimentazione, composta da piante, finisce nel loro letame.

Les è un sudafricano trasferitosi da svariati anni nel Regno Unito, dove ha conosciuto Paula. Entrambi hanno lavorato come docenti in diversi campi della biologia, ma dopo aver lasciato il mondo accademico hanno escogitato un modo per trasferirsi in Sudafrica, e per cercare di avviare un attività che potrebbe contribuire alla conservazione delle comunità di elefanti.
Paula dopo aver visitato la riserva di caccia e avendo la passione per il gin ha ragionato sulla questione, arrivando a formulare una domanda: “Perché non lasciare che gli elefanti facciano il duro lavoro della raccolta delle piante, una vasta gamma di ingredienti naturali, per aromatizzare il gin?”.
Nessuno dei due aveva alcuna esperienza nella distillazione, ma la coppia ha fatto una scommessa e nel 2018 hanno creato l’Indlovu Gin, un infuso realizzato con piante che servono da foraggio degli elefanti e quindi provenienti dal loro letame. 
Una guida al Knysna Elephant Park con una bottiglia di Indlovu Gin.
Nell’immagine si vede una guida del Knysna Elephant Park con una bottiglia di Indlovu Gin in mano.

Abbiamo contattato Botlierskop [Game Reserve nel Western Cape] e abbiamo detto, pensi che potresti mandarci del letame di elefante?” spiega Les Ansley. “Hanno detto, sì certo, nessun problema, e ci hanno spedito un po‘ di sterco di elefante e abbiamo iniziato a studiare come prepararlo.”

Lo sterco viene essiccato e passa attraverso un processo di sanificazione, prima di essere sciacquato e asciugato di nuovo, dice Ansley, rendendolo completamente sicuro da bere. Il prodotto secco finale viene quindi infuso nel gin.
Ogni bottiglia è contrassegnata con le coordinate GPS di dove è stato trovato lo sterco e la data di raccolta, ha aggiunto Ansley. “Puoi vedere che è l’inverno a Kruger o l’estate a Botlierskop“, ha detto. “È una storia aggiuntiva“.
Ma il gin non sa di… sterco?
Ha un sapore di tipo terroso ed erboso“, ha detto Ansley. “A seconda di dove raccogliamo i vegetali o da quali elefanti raccogliamo i vegetali, il sapore del gin cambierà leggermente“.
Oltre a includere aromi classici del gin come ginepro e coriandolo, l’Indlovu Gin trae il suo sapore dagli estratti della dieta degli elefanti basata su radici, erbe, frutta e corteccia – tra cui l’aloe e l’acacia.
Dal suo primo lotto nel novembre dello scorso anno, la società sudafricana ha prodotto 6.000 litri e ora esporta in Europa e in altri paesi africani.
Raccomanda un prezzo al dettaglio di circa $ 34 a bottiglia e dona il 15% dei suoi profitti alla Fondazione Africa per sostenere la conservazione degli elefanti.
Mentre Les Ansley riconosce che l’accoglienza del gin di sterco di elefante è stata controversa, dice che alcuni clienti sono rimasti piacevolmente sorpresi dal suo gusto. “Eravamo consapevoli del fatto che se stiamo facendo un gin dallo sterco, dobbiamo fare un buon gin“, ha detto Ansley. “Altrimenti sarà sempre solo ingannevole“.
Les Ansley raccoglie lo sterco di elefante in Botlierskop, una riserva di caccia in Sudafrica.
Les Ansley raccoglie lo sterco di elefante in Botlierskop, una riserva di caccia in Sudafrica.
Il gin di sterco di elefante è uno dei sempre più numerosi gin artigianali in Sudafrica.
All’inaugurazione del South Africa Craft Gin Awards, lo scorso agosto, c’erano oltre 110 voci, molte delle quali utilizzavano ingredienti locali come rooibos e prodotti botanici del deserto del Karoo.
Iniziando come produttori di gin alle prime armi, gli Ansley hanno arruolato l’esperienza del distillatore Roger Jorgensen. Joorgensen afferma che la sua distilleria ha prodotto il primo gin artigianale del Sudafrica nel 2007, prima che il boom del gin del paese iniziasse intorno al 2013. “Sono stato da solo per un paio d’anni, ma altri presto si sono uniti con alcuni gin interessanti“, ha detto Jorgensen. “Ora ci sono almeno 280 marchi di gin nella sola Città del Capo“.
La società di ricerca sulle bevande ISWR stima che il consumo di gin sudafricano sia aumentato a quasi 1,8 milioni nel 2018. A livello globale, prevede che il consumo di gin aumenterà a oltre 10 milioni entro il 2023.
Jorgensen prevede che il gin continuerà a essere popolare dopo l’esplosione di nuovi gin artigianali, anche se è probabile che un numero minore di nuovi distillatori entrerà nel mercato.
Il mercato è un po ‘affollato ma sembra che ci sia una domanda continua“, ha detto Jorgensen. “Ora è un settore importante“.