Teoria dell’universo a blocchi: e se il trascorrere del tempo fosse solo un’illusione?

Alcuni scienziati teorizzano che il presente è semplicemente l'equivalente nel tempo di una singola posizione nello spaziotempo.

0
10847
l'universo a blocchi ed il concetto di tempo

È possibile viaggiare nel tempo? L’avanzamento lineare del tempo è solo un’illusione dei nostri cervelli?

Secondo i sostenitori della teoria dell’universo a blocchi, la risposta a entrambe queste domande è semplicemente sì.

La teoria dell’universo a blocchi descrive “adesso” come un luogo arbitrario nel tempo e afferma che il passato, il futuro e il presente esistono tutti contemporaneamente.

Più o meno allo stesso modo in cui la posizione corrente non esclude l’esistenza di altre posizioni, la teoria dell’universo a blocchi afferma che essere nel presente non significa che il passato e il futuro non stiano attualmente avvenendo.

Diamo un’occhiata alle diverse versioni della teoria e al modo in cui questa percezione statica attraversabile dello spaziotempo significa che il viaggio nel tempo, in teoria, è possibile.

Tempo e spazio e spazio e tempo

La teoria dell’universo a blocchi, come spiegato dalla dott.ssa Kristie Miller l’anno scorso,  ipotizza che il nostro universo potrebbe essere un gigantesco blocco quadridimensionale dello spaziotempo, contenente tutte le cose che sono mai accadute e accadranno nella nostra tradizionale percezione del tempo.

Block Universe Theory: The Passing of Time è un'illusione?
Un’illustrazione dell’ipotetico universo a blocchi, Fonte: ABC Science

La dott.ssa Kristie Miller, che è la direttrice congiunta del Center for Time dell’Università di Sydney, ha spiegato la teoria in un pezzo pubblicato da ABC Science. Miller ha descritto come tutti i momenti esistenti siano l’uno rispetto all’altro all’interno di tre dimensioni spaziali e una singola dimensione temporale.

La teoria dell’universo a blocchi è conosciuta in alcuni circoli scientifici anche come “Eternalismo“, in cui il passato, il presente e il futuro coesistono tutti “ora”. Ciò si oppone al presentismo, che afferma che il passato non esiste più e scompare costantemente grazie a quella fastidiosa nozione di tempo “presente”.

Il viaggio nel tempo potrebbe essere possibile?

Secondo Miller, ipoteticamente parlando, sì, è possibile.

Ma c’è una importante premessa: dovremmo prima capire come viaggiare ad una velocità vicina alla velocità della luce e riuscire ad usare un wormhole come scorciatoia per viaggiare in un’altra “posizione” nello spaziotempo.

Ciò sarebbe possibile a causa di un fenomeno noto come dilatazione del tempo.

Tuttavia, “se fossimo in grado di creare la tecnologia per permetterci di viaggiare nel tempo, non saremmo in grado di influenzare il nostro presente cambiando il passato“, spiega Miller. Questo perché il presente esiste contemporaneamente al passato e sono quindi indissolubilmente legati. Non c’è bisogno di preoccuparsi che uccidere un insetto nel passato possa scatenare una serie di eventi che sfocino in un’altra guerra mondiale o altro nel presente.

Se viaggio nel passato, faccio parte del passato. Soprattutto, sono sempre stato parte del passato“, afferma Miller. In altre parole, andare nel passato significherebbe semplicemente che stiamo semplicemente compiendo azioni preordinate che sono già scritte nel blocco che è lo spaziotempo.

Confuso?

L’universo a blocchi ha, ovviamente, i suoi detrattori, come sottolinea Big Think. Il fisico  Lee Smolin, per esempio, ha scritto che “Il futuro non è reale adesso e non possono esserci fatti definiti sulla questione del futuro“. In  una conferenza del 2017 ha anche  aggiunto che ciò che è reale è solo “il processo mediante il quale gli eventi futuri vengono generati dagli eventi presenti“.  

L’ipotesi, se fosse vera, darebbe peso anche all’idea filosofica del predeterminismo, che afferma che tutto è preordinato e quindi un individuo non ha alcuna azione sul risultato della propria vita e potrebbe anche lasciarla andare avanti senza farsi tanti problemi. Non è un’idea del 21° secolo.

Block Universe Theory: The Passing of Time è un'illusione?
L’impressione di un artista di un wormhole, Fonte: Genty / Pixabay

In contrapposizione all’associazione con il predeterminismo è un’altra teoria, il blocco-ismo crescente – nome ridicolo, lo so – che postula che il blocco dello spaziotempo è in realtà un’entità in crescita che può essere cambiata. Il passato e il presente esistono sempre, ma il futuro sarebbe più un’entità che cambia.

Quindi, una vita preordinata potrebbe essere strettamente legata alla nostra capacità di viaggiare nel tempo? La verità è che non siamo assolutamente vicini a questo. La teoria dell’universo a blocchi per il momento è proprio quello, una teoria. Avremmo bisogno di una macchina del tempo per testare l’ipotesi.

Confermare se tutta la storia sta accadendo allo stesso tempo è qualcosa che potrebbe non succedere mai.

D’altra parte, potrebbe accadere proprio ora.