“Spacetime Magic”: il cosmismo scientifico-esoterico

l "destino manifesto" della nostra specie sia la colonizzazione dell'universo e lo sviluppo dell'ingegneria dello spazio-tempo e della "magia futura", una tecnologia scientifica molto al di là della nostra attuale comprensione e immaginazione.

0
166
Cosmismo esoterico russo

In futuro esisteranno esseri con capacità scientifiche e tecnologiche quasi divine e potrebbero essere in grado di influenzare il loro passato – il nostro presente – mediante l’ingegneria dello spazio-tempo.

Probabilmente altre civiltà là fuori, forse milioni o miliardi di anni più vecchie di quelle della Terra, hanno già raggiunto poteri simili a Dio, sostiene Giulio Prisco. esperto di tecnologia, futurista e autore di Tales of the Turing Church, che crede che il “destino manifesto” della nostra specie sia la colonizzazione dell’universo e lo sviluppo dell’ingegneria dello spazio-tempo e della “magia futura”, una tecnologia scientifica molto al di là della nostra attuale comprensione e immaginazione.

È almeno concepibile che una tecnologia del futuro straordinariamente avanzata possa consentire risposte positive alla possibilità che i nostri discendenti avranno la capacità divina di ricrearci, dandoci una prospettiva inattesa per l’immortalità“, afferma il futurista David Wood, che crede che l’evoluzione dell’intelligenza innescata dalla tecnologia nelle macchine ci ha portato alle soglie della singolarità.

“Una radicale concezione futurista del futuro sviluppo dell’umanità, può darci l’ottimismo positivo e la disponibilità ad affrontare i sacrifici per superare i nostri problemi attuali e intraprendere il nostro viaggio cosmico”, osserva Prisco.

Le idee di Prisco furono sviluppate per la prima volta alla fine del XIX secolo dal cosmismo scientifico-esoterico russo, la filosofia scientifica di Konstantin Tsiolkovsky e Nikolai Fedorov, che consideravano la scienza come uno strumento che ci ha dato Dio per permetterci di resuscitare i morti e, come promesso, godere della vita immortale.
Secondo questa concezione, la tecnologia del futuro, che oggi ci apparirebbe molto simile alla magia, ci consentirà di raggiungere, con mezzi scientifici, la maggior parte delle promesse delle religioni – e molte cose straordinarie che nessuna religione umana ha mai sognato.
I futuri esseri simili a Dio potrebbero resuscitare i morti “copiandoli nel futuro”.