Ricerca della vita: è tempo di ascoltare la nostra galassia

"La ricerca di intelligenza extraterrestre è appena iniziata. Se gli oceani del mondo rappresentassero ogni luogo e lunghezza d'onda dove potremmo cercare segnali intelligenti, fino ad oggi abbiamo esplorato solo l'equivalente di una vasca idromassaggio"

0
140
Breakthrough Listen

C’è vita intelligente là fuori nell’universo?

Per ora possiamo solo dire: potrebbe esserci stata.

Il radiotelescopio canadese Hydrogen Intensity Mapping Experiment (CHIME) nella British Columbia, in Canada, è stato tra i protagonisti delle notizie di scienza dell’ultima settimana  dopo che è stato pubblicato un articolo che presentava i dettagli su un lampo di onde radio che si ripete con una ciclicità di 16 giorni che arriva fino a noi da una grande galassia posta 500 milioni di anni luce di distanza.

Si tratta di un messaggio inviato da qualche intelligenza aliena?

Non sembra probabile e, anche se lo fosse, sarebbe improbabile che stiano aspettando la nostra risposta; la galassia a spirale in questione, come detto, è distante 500 milioni di anni luce, quindi anche se il lampo radio veloce (FRB) che si è ripetuto col suo ciclo di sedici giorni 28 volte tra il 16 settembre 2018 al 30 ottobre 2019 – fosse un messaggio inviato da  una civiltà intelligente, è estremamente probabile che dopo tutto questo tempo, mezzo miliardo di anni, ripetiamo, probabilmente questa non esiste più. E questo è il segnale FRB più vicino mai scoperto.

Non sarebbe il caso di cercare molto più vicino a noi, nella nostra galassia, la Via Lattea?

Questo è proprio ciò che cerca di fare la Breakthrough Listen Initiative che ha recentemente pubblicato i dati del più completo sondaggio mai fatto delle emissioni radio provenienti dal piano della galassia della Via Lattea e dalla regione intorno al suo buco nero centrale.

Durante un briefing con i media tenutosi venerdì scorso a Seattle nell’ambito dell’incontro annuale dell’American Association for the Advancement of Science (AAAS), il rilascio dei dati è stato annunciato da Andrew Siemion, Bernard M. Oliver, Presidente SETI presso il SETI Institute e principale Ricercatore per Breakthrough Listen Initiative presso l’Università della California, Berkeley.

È il secondo dump di dati rilasciato sulla ricerca di intelligenza extraterrestre (SETI), dal giugno 2019. “La nostra speranza è che questi set di dati rivelino qualcosa di nuovo e interessante, sia che si tratti di un’altra vita intelligente nell’Universo o un fenomeno astronomico naturale non ancora scoperto“, ha dichiarato Matt Lebofsky, amministratore principale di Breakthrough Listen.

Da dove provengono i dati?

I dati, per lo più non ancora analizzati dagli astronomi, provengono da un’indagine sullo spettro radio tra 1 e 12 gigahertz (GHz) effettuato dal radiotelescopio Parkes nel Nuovo Galles del Sud, Australia (situato perfettamente per scansionare l’intero disco galattico e il centro galattico), il Green Bank Observatory nella Virginia dell’Ovest (la più grande parabola radio orientabile del mondo) e il telescopio automatizzato Planet Finder all’Osservatorio Lick fuori San Jose, California.

Per l’intera storia umana abbiamo avuto una quantità limitata di dati per cercare la vita oltre la Terra“, ha affermato Yuri Milner, fondatore di Breakthrough Listen. “Quindi, finora tutto ciò che abbiamo potuto fare è stato speculare. Ora, poiché stiamo ottenendo molti dati, possiamo fare scienza reale e, con la messa a disposizione di questi dati al pubblico, chiunque può aiutarci a trovare la risposta a questa profonda domanda“.

La chiave, secondo gli astronomi, è cercare gli alieni nella “Zona di transito terrestre”.

Cos’è la “Zona di transito terrestre?”

È la fetta della nostra galassia allineata con il piano dell’orbita terrestre. Qualsiasi civiltà avanzata che si trovasse attorno alle stelle in questa regione potrebbe vedere la Terra passare davanti al Sole, con la stessa tecnica che gli astronomi usano sulla Terra per cercare esopianeti in altri sistemi stellari.

Il Green Bank Telescope ha “Sondato la zona di transito terrestre” per cercare emissioni luminose a una singola lunghezza d’onda radio o una banda stretta attorno a una singola lunghezza d’onda. “Questa è una geometria unica“, ha detto Sofia Sheikh, una studentessa laureata presso la Pennsylvania State University. “È così che abbiamo scoperto altri esopianeti, quindi ha senso estrapolare e dire che potrebbe essere anche il modo in cui altre specie intelligenti trovano i pianeti. Questa regione è stata discussa in precedenza, ma non c’è mai stata una ricerca mirata di quella regione del cielo“.

Il piccolo sottoinsieme dei dati rilasciati oggi include le emissioni radio di 20 stelle vicine nella cosiddetta “zona di transito terrestre”.

Sono stati trovati alieni nella “Zona di transito terrestre?”

Non abbiamo trovato alieni, ma stiamo ponendo limiti molto rigorosi alla presenza di una specie tecnologicamente avanzata, con i dati analizzati nella parte dello spettro radio tra 4 e 8 gigahertz“, ha detto Siemion. “Questi risultati costituiscono un nuovo tassello nel mosaico che stiamo costruendo che potranno essere utilizzati dalla prossima persona che vorrà migliorare l’esperimento“.

Quanto sarà lunga la ricerca di alieni?

La ricerca di intelligenza extraterrestre è appena iniziata. Se gli oceani del mondo rappresentassero ogni luogo e lunghezza d’onda dove potremmo cercare segnali intelligenti, fino ad oggi abbiamo esplorato solo l’equivalente di una vasca idromassaggio“, spiega Jason Wright del Penn State, mentore di Sheikh.

Cosa stiamo cercando esattamente?

Breakthrough Listen cerca radiazioni elettromagnetiche coerenti con un segnale che sappiamo che la tecnologia produce – e specificamente diverso dal rumore di fondo causato da eventi astrofisici naturali. “La mia ricerca è stata abbastanza sensibile da vedere un trasmettitore sostanzialmente uguale ai trasmettitori più potenti che abbiamo sulla Terra, perché ho guardato di proposito gli obiettivi vicini“, ha detto Sheikh. “Quindi, sappiamo che non c’è niente di più forte del nostro telescopio Arecibo che irradia verso di noi qualcosa. Anche se questo è un progetto molto piccolo, stiamo iniziando ad arrivare a nuove frequenze e nuove aree del cielo“.

La ricerca di “tecnosignature” aliene

La ricerca di segnali radio generati in modo intelligente è al centro di ciò che l’Istituto SETI, finanziato privatamente, ha fatto dal Progetto Ozma di Frank Drake nel 1960, ma stanno emergendo nuove tecniche. Una tecnica chiave ci permette di cercare “tecnosignature” – prove della tecnologia extraterrestre – come strutture in orbita attorno ad altre stelle, emissioni laser e persino la presenza di ossigeno e / o metano nell’atmosfera di un pianeta.

Il National Radio Astronomy Observatory (NRAO) e il SETI Institute hanno annunciato un accordo per sviluppare un’interfaccia sul radiotelescopio Very Large Array (VLA) per la ricerca di tecno-firme in background mentre i telescopi svolgono le normali attività attività. “L’Istituto SETI svilupperà e installerà un’interfaccia sul VLA che consentirà un accesso senza precedenti al ricco flusso di dati continuamente prodotto dal telescopio mentre scansiona il cielo“, ha detto Siemion. “Questa interfaccia ci consentirà di condurre un potente sondaggio SETI su vasta area che sarà di gran lunga più completo di qualsiasi precedente ricerca di questo tipo“.

Inoltre, potrebbe essere in arrivo una nuova “macchina per la ricerca della tecnologia radio“.

Il prossimo decennio potrebbe vedere la costruzione di un VLA di nuova generazione, che sarà in grado di scansionare un volume dell’Universo mille volte più grande di quello accessibile agli attuali telescopi.

La ricerca di segni di vita si sta espandendo, ma nonostante le speranze e i progressi tecnologici, è una ricerca che potrebbe non finire mai.