Il primo incrocio tra “Homo” si verificò 700.000 anni fa

Le prove di scambi genetici tra popolazioni di ominidi distinte, circa 400.000 anni prima dell'evoluzione di Homo Sapiens, evidenziano come vi sia stata un'evoluzione dell'Homo molto prima che si verificassero accoppiamenti occasionali con Neanderthal e Denisovans

0
1118

I Neanderthal-Denisovan emigrarono in Eurasia e presero contatto con un gruppo Homo del posto.

Un nuovo studio genetico rivela che gli antenati di Neanderthal e Denisovans hanno lasciato l’Africa per spostarsi in Eurasia circa 700.000 anni fa e poi si sono incrociati con una popolazione di Homo che aveva lasciato l’Africa molto prima. La scoperta svela che il più antico caso noto di incroci tra i membri di questi due generi, ha dato vita all’Homo Sapiens.

Le prove di scambi genetici tra popolazioni di ominidi distinte, circa 400.000 anni prima dell’evoluzione di Homo Sapiens, evidenziano come vi sia stata un’evoluzione dell’Homo molto prima che si verificassero accoppiamenti occasionali con Neanderthal e Denisovans.

Tutto inizia con una prima specie di Homo che si fa strada in Eurasia circa 1,9 milioni di anni fa, in quella che fu probabilmente la prima migrazione di Homo dall’Africa, secondo ciò che hanno scritto i ricercatori su Science Advances.

Quei viaggiatori ormai estinti potrebbero essere stati membri dell’Homo Erectus, una specie che include fossili eurasiatici risalenti a circa 1,8 milioni di anni fa, o Homo Antecessor, una controversa designazione di specie basata su fossili di 1,1 milioni di anni ritrovati in Spagna. Oppure avrebbero potuto far parte di un’altra popolazione di Homo sconosciuta a qualsiasi fossile.

Quindi gli antenati di Neanderthal e Denisovans sono usciti dall’Africa circa 700.000 anni fa, affermano i ricercatori, guidati dall’antropologo e genetista della popolazione Alan Rogers dell’Università dello Utah a Salt Lake City. Tale tempistica avrebbe anche permesso l’evoluzione dei Neanderthal o dei loro antenati diretti nell’attuale Spagna settentrionale, circa 430.000 anni fa. Alcune ricerche precedenti avevano suggerito che i Neanderthal avevano avuto origine circa 300.000 anni fa, sollevando domande sull’identità evolutiva di fossili più antichi, simili a quelli dei Neanderthal in Spagna.

Rogers si riferisce agli antenati di Neanderthal e Denisovans come “Neandersovans“. “Quella popolazione geneticamente distinta è esistita per un breve periodo di forse 15.000 anni”, ha stimato Rogers. Egli sospetta che il numero dei neandersovani sia fortemente diminuito dopo aver lasciato l’Africa circa 700.000 anni fa. I sopravvissuti si incrociarono con membri della popolazione dell’Homo che avevano abitato a lungo l’Eurasia ovvero Denisovans e Neanderthal. Rogers afferma che Neandersovans ha ereditato almeno il 2% del loro DNA dalla popolazione di Homo eurasiatica più anziana.

È interessante notare che nei nostri genomi sono visibili segnali di incroci molto lontani“, afferma il genetista dell’UCLA Sriram Sankararaman. “Ulteriori ricerche devono cercare legami genetici tra i membri di quella probabile prima partenza dell’Homo dall’Africa, identificata nello studio di Rogers, e una popolazione dell’Homo precedentemente sconosciuta che visse 1 milione di anni fa e che lasciò un segno genetico sugli attuali Africani occidentali” , sostiene Sankararaman. Un’analisi genetica del team di ricercatori dell’UCLA ha identificato quest’ultimo gruppo Homo.

Le nuove scoperte si basano su una nuova analisi di particolari insiemi di varianti genetiche presenti oggi nelle persone, così come nei fossili di Neanderthal e Denisovan. In precedenza, Rogers aveva stabilito che queste forme geniche non avevano subito cambiamenti recenti e che quindi potevano essere ricondotte a popolazioni antiche.

Un programma software ha confrontato le frequenze delle varianti geniche nel DNA di tre moderni yorubani dell’Africa occidentale, cinque individui francesi, due inglesi, un Neanderthal dalla cava Vindija della Croazia, un Neanderthal dalla cava Denisova della Siberia e un Denisovan dallo stesso sito siberiano.

I ricercatori hanno identificato la migliore delle otto simulazioni di come l’incrocio tra le specie avrebbe potuto produrre le varianti genetiche condivise e osservate sia negli individui moderni che in quelli antichi. Le stime della velocità con cui si accumulano le mutazioni genetiche hanno permesso agli scienziati di valutare i tempi dei precedenti spostamenti dall’Africa.

Sebbene questi studi sembrino ragionevoli, i dati genetici di Rogers meritano un esame più attento con tecniche statistiche alternative”, afferma lo zoologo e genetista evoluzionista Peter Waddell del Ronin Institute, un centro di ricerca senza scopo di lucro a Montclair. Waddell ha precedentemente trovato segni di una piccola quantità di dati genetici nel DNA di Denisovan da una specie Homo molto più antica, probabilmente Homo Erectus.

Rogers e il suo team rivelano anche che una terza grande espansione dall’Africa, che coinvolge l’Homo Sapiens, avvenne circa 50.000 anni fa. Come con l’espansione Neandersovan, l’evidenza genetica è coerente con l’Homo Sapiens che arriva in Eurasia e quindi si incrocia con Neanderthal e Denisovans.

Altri studi sul DNA fossile e antico, tuttavia, indicano che alcuni Homo Sapiens hanno raggiunto le isole del sud-est asiatico oltre 60.000 anni fa.

FONTE: Science News