Gli astronomi hanno registrato la più grande esplosione mai vista nell’universo

L'esplosione più potente mai osservata nell'universo

A centinaia di milioni di anni luce di distanza, vi è un buco nero supermassiccio che si trova al centro di un ammasso di galassie chiamato Ofiuco. Sebbene i buchi neri siano famosi per assorbire il materiale circostante, a volte espellono il materiale attraverso dei getti. Questo buco nero è il luogo di un’esplosione quasi inimmaginabile, avvenuta quando venne espulsa un’enorme quantità di materiale.

L’ammasso di galassie di Ofiuco è a circa 390 milioni di anni luce di distanza. Al centro dell’ammasso c’è una galassia con un buco nero supermassiccio. Gli astronomi che utilizzavano i dati dell’Osservatorio a raggi X Chandra e del veicolo spaziale XMM Newton dell’ESA hanno assistito all’esplosione del buco nero. Per questi studi si sono anche serviti delle osservazioni radio del Murchison Widefield Array (MWA) in Australia e del Giant Metrewave Radio Telescope (GMRT) in India.

Il team che ha condotto questo studio, ha pubblicato i risultati su The Astrophysical Journal. Il loro articolo è intitolato “Scoperta di un gigantesco radio fossile nel cluster della galassia di Ofiuco“. L’autore principale del documento è Simona Giacintucci del Naval Research Laboratory di Washington, DC.

Questa esplosione ha avuto una potenza enorme, un po’ come la potenza dell’eruzione del monte Sant’Elena nel 1980 ha distrutto la cima della montagna “, ha dichiarato la Giacintucci, autrice principale di questo studio.

Il buco creato dall’esplosione si chiama radio fossile. È stato generato dai getti di materiale surriscaldato espulsi dal buco nero e scontratisi con il materiale circostante. Questi getti sono il risultato di ciò che gli astronomi chiamano nuclei galattici attivi, o AGN. In questo caso, l’area coinvolta è stata individuata per la prima volta nelle immagini di Chandra, dalle quali si poteva osservare un insolito bordo curvo; queste immagini sono state inserite in un documento del 2016.

Gli autori di quel documento si chiedevano se un buco nero potesse produrre un bordo curvo. L’idea venne successivamente scartata poiché pensarono che nessun buco nero potesse essere così potente da creare un bordo di quel tipo. In quel documento, affermavano: “Concludiamo che questa caratteristica è molto probabilmente dovuta alla dinamica del gas associata a una fusione“.

Nel lavoro pubblicato di recente, invece, gli autori sono giunti ad una conclusione diversa. “Sembra essere un fossile molto vecchio del più potente sfogo di AGN visto in qualsiasi ammasso di galassie“.

La quantità di energia liberata nell’esplosione è sbalorditiva. Ha rilasciato cinque volte più energia rispetto al precedente detentore del record e centinaia di migliaia di volte in più rispetto ai tipici cluster.

Secondo questo nuovo documento, “L’AGN è attualmente “affamato” di gas fresco perché il picco di densità del gas viene spostato dallo sloshing del nucleo“, affermano gli autori. “Lo sloshing stesso avrebbe potuto essere scatenato da questa straordinaria esplosione se si fosse verificato in un nucleo di gas asimmetrico“.

Gli astronomi usano il termine “sloshing” per descrivere lo spostamento del gas. È simile a un liquido che scorre in un contenitore. Lo sloshing è di solito innescato dalla fusione di due ammassi di galassie, ma gli astronomi pensano che in questo caso potrebbe averlo causato l’esplosione.

Mentre il precedente documento del 2016 era basato esclusivamente sui dati dei raggi X di Chandra, il nuovo documento ha utilizzato i dati dei raggi X dell’XMM Newton dell’ESA per individuare e confermare l’insolita caratteristica curva. Sono stati anche usati i dati radio di due osservatori per esaminare ulteriormente la regione.

Questi dati hanno confermato che il bordo curvo è davvero il bordo di un gigantesco buco fossile radio. Le chiavi di ciò sono le emissioni radio fuori del buco, che sono state accelerate a velocità quasi relativistiche. Una fusione non avrebbe potuto farlo.

Come spesso accade in astrofisica, abbiamo davvero bisogno di osservazioni a più lunghezze d’onda per comprendere veramente i processi fisici in atto“, ha affermato Melanie Johnston-Hollitt, coautrice del documento e membro dell’International Center for Radio Astronomy in Australia. “Grazie alle informazioni combinate dai raggi X e dai radiotelescopi abbiamo osservato questi dati straordinari, ma saranno necessari più elementi per rispondere alle molte domande riguardanti questo tema“.

Fonte: https://www.universetoday.com/145196/astronomers-have-recorded-the-biggest-explosion-ever-seen-in-the-universe/