Nuovo coronavirus, oltre 2000 nuovi contagiati e quasi 200 morti in Italia nelle ultime 24 ore. L’OMS proclama la pandemia globale

Mentre l'OMS proclama la pandemia globale l'Italia vive il giorno peggiore dall'inizio dell'epidemia: quasi 12.500 i casi di infezione da COVID-19, con 2.313 nuovi contagiati nelle ultime 24 ore e 196 decessi. Intanto, circolano voci secondo le quali il governo si prepara a varare il lockdown totale, cioè il blocco totale dei movimenti.

1716
maschere protettive per il coronavirus

Dopo il miglioramento di ieri, con nessun nuovo contagio verificatosi a Codogno, l’epicentro iniziale dell’epidemia, e il drastico calo dei nuovi contagi, complice però la mancanza dei dati lombardi, oggi il nuovo coronavirus torna a fare molta paura: nelle ultime 24 ore sono stati registrati 2.313 nuovi contagi, per un totale di 12.462 casi confermati registrati in Italia (si tratta solo dei caso con sintomi, ai soggetti asintomatici non viene fatto il test). I casi attivi sono al momento 10.590, con 1.045 persone dichiarate guarite. Purtroppo, nella giornata di ieri si è registrato il nuovo record di morti in sole 24 ore, 196, che ha portato il totale dei decessi in Italia a 827.

Dai numeri della protezione civile, emerge che i pazienti attualmente malati di Covid-19 sono:

  • 5763 in Lombardia
  • 1588 in Emilia Romagna
  • 940 in Veneto
  • 461 nelle Marche
  • 480 in Piemonte
  • 314 in Toscana
  • 125 in Lazio
  • 149 in Campania
  • 181 in Liguria
  • 110 in Friuli Venezia Giulia
  • 81 in Sicilia
  • 71 in Puglia
  • 44 in Umbria
  • 16 in Molise
  • 149 in Trentino Alto-Adige
  • 37 in Abruzzo
  • 37 in Sardegna
  • 8 in Basilicata
  • 17 in Calabria
  • 19 in Valle d’Aosta

Circolano voci secondo le quali il governo si prepara a varare il lockdown totale, cioè il blocco totale dei movimenti.

A livello globale siamo arrivati a 124.775 casi confermati, con 4.585 decessi e 67.050 pazienti guariti.

Intanto, il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha dichiarato oggi durante un briefing stampa che l’agenzia è “profondamente preoccupata sia dai livelli allarmanti di diffusione e gravità, sia dai livelli allarmanti di inazione” quando ha affermato che il nuovo coronavirus ha ormai raggiunto il livello di pandemia. “Non possiamo dirlo abbastanza forte, o abbastanza chiaramente, o abbastanza spesso: tutti i paesi possono ancora cambiare il corso di questa pandemia“.

Se i paesi rilevano, testano, trattano, isolano, rintracciano e mobilitano le loro persone nella risposta, ha aggiunto, quelli con una manciata di nuovi casi di coronavirus possono impedire che quei casi diventino ammassi e questi ammassi diventino epidemia.

Descrivere la situazione come una pandemia non cambia la valutazione dell’OMS sulla minaccia rappresentata da questo coronavirus. Non cambia ciò che l’OMS sta facendo e non cambia ciò che i paesi dovrebbero fare“, ha aggiunto.

I criteri specifici per una pandemia non sono universalmente definiti, ma ci sono tre criteri generali: un virus che può causare malattia o morte; trasmissione da persona a persona sostenuta di quel virus; e prove di diffusione in tutto il mondo.

L’Irlanda ha avuto oggi la sua prima morte correlata al coronavirus, ha comunicato il governo.

Anche la Svezia ha annunciato la sua prima morte per coronavirus.

Ecco, infine, i dati attuali della diffusione del virus nei paesi a maggiore diffusione: