Il nuovo coronavirus potrebbe essere più contagioso nella fase iniziale dell’infezione, quando i sintomi sono più lievi

Secondo uno studio pubblicato su medRxiv, non ancora sottoposto a peer review, i soggetti colpiti da COVID-19 sarebbero più infettivi nella fase iniziale della malattia, quando ancora presentano sintomi lievi.

0
590

Le persone infette dal nuovo coronavirus rilasciano grandi quantità di virus all’inizio della loro malattia e probabilmente diventano meno infettivi man mano che la malattia procede, secondo uno studio realizzato su un numero limitato di soggetti.

La ricerca, pubblicata l’8 marzo nel database di prestampa medRxiv, è ancora preliminare, perché non è ancora stata sottoposta a revisione paritaria e perché include solo nove partecipanti. Tuttavia, può suggerire il motivo per cui il nuovo virus si diffonde così facilmente: molte persone possono essere più contagiose quando mostrano solo sintomi lievi, simili a quelli del raffreddore o dell’influenza.

Si tratta di ubn comportamento in netto contrasto con la SARS“, una malattia correlata causata da un diverso coronavirus, osservano gli autori. Nei pazienti affetti da SARS, la diffusione virale ha raggiunge il picco da circa 7 a 10 giorni dall’infezione, dopo che l’infezione si è diffusa dal tratto respiratorio superiore al tessuto polmonare profondo. In sette pazienti con COVID-19, la malattia causata dal nuovo virus, “le concentrazioni di picco sono state raggiunte prima del 5 ° giorno ed erano più di 1.000 volte superiori rispetto a quelle osservate nei pazienti con SARS“, hanno scritto gli autori.

Questo picco è apparso in due pazienti le cui infezioni erano progredite nei polmoni, provocando i primi segni di polmonite. In questi casi gravi, l’infettività ha raggiunto i livelli massimi intorno al 10° o 11° giorno. Nei casi lievi, lo spargimento virale è diminuito costantemente dopo il 5° giorno e, al 10° giorno, i pazienti probabilmente non erano più contagiosi, hanno osservato gli autori.

In base ai questi risultati, la dimissione precoce con conseguente isolamento domiciliare potrebbe essere scelta per i pazienti che vanno oltre il giorno 10 dei sintomi“, a condizione che i campioni di tampone dalla gola contengano meno di 100.000 copie di materiale genetico virale per millilitro, hanno scritto gli autori.

Questo è un contributo molto importante per comprendere sia la storia naturale della malattia clinica COVID-19 sia le implicazioni per la salute pubblica della diffusione virale“, ha dichiaratoMichael Osterholm, direttore del Center for Infectious Disease Research and Policy dell’Università del Minnesota.

I ricercatori hanno condotto le loro analisi prendendo i tamponi dal naso e dalla gola dei pazienti, esaminando anche il loro sangue, urina, feci e espettorato – una miscela di saliva e muco che si accumula nel tratto respiratorio durante l’infezione. Il team ha esaminato ciascun campione alla ricerca di frammenti di materiale genetico virale per determinare la quantità di virus presente nelle diverse fasi della malattia.

I ricercatori hanno monitorato l’ascesa e la caduta del virus nel tempo. Tuttavia, la carica virale non può rivelare se i pazienti sono rimasti infettivi, poiché l’RNA del virus può essere presente nel tessuto umano ma non funzionale. Per scoprire chi era contagioso e quando, i ricercatori hanno isolato campioni del virus durante lo studio e hanno tentato di farli crescere in laboratorio.

I ricercatori hanno scoperto di poter far crescere virus dalla gola, dal naso e dall’espettorato raccolti all’inizio del decorso della malattia, ma dopo l’8° giorno, i campioni prelevati da pazienti con casi lievi non hanno prodotto crescita virale. Questo cambiamento indica che quei pazienti erano diventati meno infettivi. Nonostante il loro miglioramento, sono comunque rimasti “positivi” al test per il virus. La scoperta può aiutare a spiegare i rapporti giunti dalla Cina che suggeriscono che il virus può persistere nel corpo per almeno due settimane dopo che i sintomi di COVID-19 sono regrediti.

Il team del nuovo studio non è riuscito a far riprodurre il virus da campioni di sangue o di urina raccolti durante lo studio, né a far crescere virus dalle feci. L’analisi delle feci si basava su 13 campioni raccolti tra il giorno 6 e il giorno 12 da quattro pazienti, poiché contenevano le maggiori quantità di RNA virale e consentivano ai ricercatori di isolare i campioni. Un precedente rapporto della Cina e dell’Organizzazione mondiale della sanità suggeriva che il “virus vitale” possa essere recuperato dalle feci delle persone infette, ma non era chiaro se questi frammenti contribuissero alla trasmissione della malattia.

Poiché il nuovo studio si basa su un numero selezionato di casi relativamente lievi, saranno necessarie ulteriori ricerche per determinare in che modo le feci potrebbero contribuire alla trasmissione di COVID-19, hanno osservato gli autori.

In particolare, il team ha rilevato anticorpi contro il virus in ciascuno dei pazienti tra il giorno 6 e il giorno 12, suggerendo che il sistema immunitario inizia a costruire una difesa contro l’agente patogeno subito dopo l’esposizione. Gli scienziati non sanno ancora se questa rapida risposta immunitaria appare nella maggior parte dei pazienti, in particolare quelli con infezioni più gravi.