La complessa origine dell’uomo

Le ultime scoperte della paleontologia hanno letteralmente riscritto la storia dell'uomo, demolendo convinzioni che sembravano ormai consolidate.

0
8840
storia dell'uomo

La specie umana non si è evoluta in maniera lineare ma si è sviluppata dal disordinato incrocio tra specie che hanno convissuto in varie epoche, questa è la nuova storia che ci racconta l’antropologia e che oggi viene confermata da nuovi studi.

In passato si riteneva che la nostra specie, chiamata Homo Sapiens, si fosse sviluppata linearmente seguendo un percorso ordinato a partire da specie più primitive. Questo ordine era dettato sia dalle scarse prove paleontologiche e archeologiche a disposizione dagli studiosi che da una visione eccessivamente semplicistica della biologia che vedeva l’evoluzione umana come un percorso lineare dal più semplice al più complesso.

Oggi, gli scienziati che studiano l’evoluzione umana hanno capito che l’origine e l’evoluzione dell’homo sapiens è stata molto complessa e articolata. Questa visione caotica della nostra evoluzione è confermata dagli ultimi tre studi che forniscono prove dell’esistenza di gruppi sovrapposti di specie umane arcaiche alcune delle quali hanno mostrato caratteristiche fisiche coerenti con ciò che vediamo oggi negli esseri umani moderni. Gli studi indicano quanto sia importante il ruolo delle specie e dei gruppi che hanno vissuto in epoche contemporanee nell’instaurare uno scambio genetico.

Un primo studio condotto da Chris Stringer, del Museo di storia naturale di Londra, e Rainer Grün, della Griffith University in Australia, ha preso in esame un teschio di ominide trovato scoperto in una grotta dello Zambia nel 1921.

Conosciuto come il teschio di Broken Hill, che in precedenza era stato datato a circa 299 mila anni fa, ad una nuova analisi è risultato essere circa 200.000 anni più giovane della precedente stima.

Questo cranio fu inizialmente assegnato a una nuova specie chiamata Homo rhodesiensis, ma alla fine è stato classificato come Homo heidelbergensis, un ominide arcaico che emerse circa 600.000 anni fa. Queste due specie sono ora in gran parte equiparate, dando origine all’Homo heidelbergensis / rhodesiensis.

Se la nuova datazione è corretta, “allora, come altre specie umane, la heidelbergensis è durata almeno diverse centinaia di migliaia di anni“, ha spiegato Stringer.

Gli scienziati avevano datato con difficoltà il cranio di Broken Hill a causa dell’assenza di materiale sedimentario nel sito originale in Zambia, che alla fine fu distrutto e trasformato in una cava. I ricercatori hanno usato le tracce di uranio sul cranio per trovare la data corretta. Hanno inoltra analizzato il materiale che era stato raschiato dal cranio anni fa. Stringer ha affermato che questo “sottile rivestimento minerale” è stato scoperto solo di recente nella collezione di mineralogia del Museo di storia naturale di Londra, non nella collezione del suo dipartimento “dove cercavamo da anni“.

La data ricalcolata è interessante per vari motivi. Oltre a farci notare che H. heidelbergensis / rhodesiensis è stata una specie longeva, la nuova datazione coincide con l’emergere dei primi umani moderni durante l’età della pietra media circa 300.000 anni fa.

Il paleoantropologo Katerina Harvati dell’Università di Eberhard Karls di Tubinga ha affermato che il cranio di Broken Hill non sembra mostrare caratteristiche speciali o derivate che sarebbero apparse in seguito nei primi esseri umani moderni, “quindi questo rende meno probabile che sia un antenato diretto” degli uomini moderni.

Come sottolineano gli autori dello studio, H. heidelbergensis / rhodesiensis “potrebbe effettivamente rappresentare una sopravvivenza tardiva di un precedente taxon ancestrale al primo Homo sapiens“, ha affermato Harvati, che non era coinvolta nello studio.

La nuova datazione rende anche improbabile che H. heidelbergensis / rhodesiensis sia stato l’ultimo antenato comune dei Neanderthal e degli esseri umani moderni, poiché queste specie sembrano essersi separate circa 800.000 anni fa, ma non si può escludere neanche questo. La nuova datazione indica la presenza di più specie umane che vivono all’incirca nello stesso momento, come spiega il Museo di storia naturale di Londra in un comunicato stampa:

Ora sembra che l’Africa e l’Eurasia fossero abitate da un’intera gamma di specie di ominidi solo poche centinaia di migliaia di anni fa. Mentre H. naledi viveva in Sudafrica, H. heidelbergensis sopravviveva nell’Africa centro-meridionale e H. sapiens stava emergendo in Marocco ed Etiopia. Allo stesso tempo H. neanderthalensis si stava evolvendo in Europa, i Denisovans stavano emergendo in Asia, H. erectus in Indonesia, e due ominidi, H. floresiensis e H. luzonensis , vivevamo nell’isola nel sud-est asiatico. Questo quadro illustra la complessità e la diversità dei reperti fossili umani dell’età della pietra media”.

Come spiegato da Harvati, la nuova scoperta è “coerente con il quadro emergente dai reperti fossili e dalla paleogenetica, secondo il quale diverse specie hanno convissuto a lungo nella vasta distesa del continente africano, contribuendo in modo vario alle origini degli umani moderni, non solo direttamente come popolazioni ancestrali, ma anche attraverso l’incrocio con specie umane arcaiche sopravvissute.”

Un secondo articolo, pubblicato su Nature, ha studiato una specie umana arcaica: l’homo antomoo. La nuova ricerca, condotta da Frido Welker ed Enrico Cappellini dell’Università di Copenaghen, mostra che H. antecessor, che visse tra 2,5 milioni e 770.000 anni fa durante l’età della prima pietra, è un parente stretto degli uomini moderni e dei Neanderthal, come si riteneva in precedenza.

Secondo quanto riportato nello studio, i ricercatori hanno completato un’analisi proteica scansionando lo smalto dentale da un campione di H. antecessor trovato in Spagna nel 1994 e datato tra 949.000 e 772.000 anni. Questa analisi ha fornito un modo indiretto di studiare il DNA, che non è stato possibile recuperare a causa dell’età avanzata del campione.

I ricercatori hanno scoperto che alcuni tratti del viso visti in H. antecessor sono stati mantenuti nei primi umani moderni, così come nei Neanderthal e Denisovans. Ciò implicherebbe un ruolo importante per H. antecessor nell’ultima evoluzione di questi successivi ominidi.

Il nuovo studio “fornisce la prova che gli Homo antecessor possono essere strettamente correlati con l’ultimo antenato comune di Homo sapiens , Neanderthal, e Denisova,” ha dichiarato José María Bermúdez de Castro, un co-autore dello studio e ricercatore presso l’University College Londra, in un comunicato stampa. I tratti del viso condivisi da questi ominidi “sono apparsi chiaramente molto prima di quanto si pensasse in precedenza“, ha detto, “il che significa che l’ antenato H.antecessor potrebbe essere una specie basale per l’umanità emergente formata da uomini di Neanderthal, Denisovan e umani moderni”.

Harvati ha affermato che è “meraviglioso” che gli autori dello studio siano stati in grado di effettuare un’analisi proteica su un campione così antico, poiché questo è uno dei “maggiori problemi della paleogenetica”.

Tuttavia, non è certo che gli autori abbiano effettivamente fornito nuove intuizioni sulle relazioni tra questi ominidi. “Temo che questo studio non risponda realmente alla domanda principale su H. antecessor, vale a dire se si tratta dell’ultimo antenato comune di Neanderthal e umani moderni“, ha detto Harvati. “L’analisi ha scoperto che l’antenato era un gruppo gemello vicino all’ultimo antenato comune, il che è un risultato interessante, ma era prevedibile data la cronologia di H. antecessor“.

Idealmente, Harvati vorrebbe sapere come H. heidelbergensis / rhodesiensis si inserisce in questo quadro, e se è strettamente legato all’ultimo antenato comune o agli uomini di Neanderthal. “Penso che non abbiamo ancora risolto il puzzle“, ha detto.

Nel terzo articolo, pubblicato su PLOS One, Debra Bolter del Modesto Junior College in California, insieme ai suoi colleghi, ha studiato lo scheletro parziale di un giovane Homo naledi, un ominide arcaico scoperto in Sudafrica sette anni fa. La maggior parte dei fossili di ominidi proviene da adulti, quindi l’opportunità di studiare le ossa di un giovane individuo è importante.

I resti immaturi sono fondamentali per capire come si è evoluta una specie ormai estinta“, ha spiegato Bolter. “Scheletri immaturi parziali rivelano la combinazione di denti da bebè e adulti e i tempi delle loro crescita con la fusione scheletrica delle placche di crescita nelle ossa lunghe e nella pelvi del corpo“.

Studiando questi modelli di crescita e confrontandoli con altre specie estinte, gli scienziati possono ricostruire le pressioni evolutive che hanno portato a determinati adattamenti, insieme a cambiamenti nei processi di sviluppo della nostra stessa specie.

Lo scheletro appena analizzato, chiamato DH7, è costituito da alcune ossa di braccia e gambe e alcuni denti. I resti sono stati ritrovati nella Dinaledi Chamber del Rising Star Cave System in Sudafrica. L’analisi del DH7 ha mostrato un miscuglio di modelli di crescita osservati sia negli ominidi arcaici che nei primi uomini moderni.

I risultati, tuttavia, sono solo un punto di partenza. Studi futuri dovranno confrontare più ossa scheletriche a resti dentali e trovare un modo preciso per determinare l’età della morte. Un fossile di ominide arcaico potrebbe sembrare morto a una certa età rispetto all’anatomia umana, ma le differenze nel tasso di crescita potrebbero falsarne le stime. “Il lavoro futuro potrebbe includere tecniche come la microistologia sullo sviluppo della dentizione, per aiutarci a determinare se l’ Homo naledi è più simile all’uomo nei suoi tempi di sviluppo” e se questo esemplare “è morto all’età di 11-15 anni, o è più primitivo, ed è morto a un’età più avanzata compresa tra 8 e 11 anni“, ha detto Bolter.

Curiosamente, l’Homo naledi visse durante l’Età della pietra media da 335.000 a 236.000 anni fa, contemporaneo con l’uomo moderno. Di conseguenza, potrebbero essere una specie gemella. “Capire se le due specie condividessero caratteristiche come il ritmo della maturità può aiutarci a comprendere le somiglianze nei loro adattamenti o forse fornire indizi sul perché una specie è sopravvissuta e l’altra si è estinta“.

Ora sappiamo che non è esistito un “Giardino dell’Eden” in Africa, poiché l’intero continente africano è stato un crogiuolo da cui sono emerse varie specie umane.

Siamo solo gli ultimi rimasti, per motivi che non sono ancora chiari.

Detto questo, questi ominidi estinti continuano a vivere nel nostro DNA e possiamo ringraziarli per questo, molti dei dei geni che abbiamo ereditato senza dubbio hanno contribuito alla nostra sopravvivenza e ha renderci ciò che siamo.

Fonte: https://gizmodo.com/humanitys-origin-story-just-got-more-complicated-1842616478