Scoperti sotto il ghiaccio antartico i resti della foresta pluviale di 90 milioni di anni fa – video

Tracce fossili di un'antica foresta pluviale sono state appena scoperte nell'Antartide occidentale.

3322
foresta pluviale

Circa 90 milioni di anni fa, l’Antartide occidentale ospitava una fiorente foresta pluviale temperata, in base alle radici fossili, il polline e le spore recentemente scopertevi, come riferisce un nuovo studio.

Il mondo era un posto diverso allora. Durante la metà del periodo Cretaceo (da 145 milioni a 65 milioni di anni fa), i dinosauri erano i padroni incontrastati della Terra e il livello del mare era di 170 metri più alto di quello attuale. Le temperature della superficie del mare ai tropici era di 35 gradi Celsius.

Questo clima torrido ha permesso a una foresta pluviale – simile a quella che vediamo attualmente in Nuova Zelanda – di affermarsi in Antartide.

I resti di questa foresta pluviale sono stati scoperti in un carotaggio eseguito sui sedimenti sotto il ghiaccio che un team di ricercatori internazionali ha raccolto da un fondale marino vicino al ghiacciaio di Pine Island, nell’Antartide occidentale, nel 2017.

Non appena il team ha esaminato il materiale raccolto è stato subito chiaro che era qualcosa di insolito. Lo strato, risalente a circa 90 milioni di anni fa era di un colore diverso. “Era chiaramente diverso dagli strati sopra di esso“, ha dichiarato in una nota il ricercatore capo dello studio Johann Klages, geologo del Centro Helmholtz Institute for Polar and Marine Research Alfred Wegener Institute di Bremerhaven, in Germania .

I laboratorio, il team ha inserito i sedimenti in uno scanner CT (tomografia computerizzata). L’immagine digitale risultante mostrava una fitta rete di radici in tutto lo strato di suolo. Il terreno ha anche rivelato antichi pollini, spore e resti di piante fiorite del periodo Cretaceo.

Analizzando il polline e le spore, il co-ricercatore Ulrich Salzmann, paleoecologo della Northumbria University in Inghilterra, è stato in grado di ricostruire la vegetazione e il clima di 90 milioni di anni nell’Antartide occidentale. “I numerosi resti di piante indicano che la costa dell’Antartide occidentale era, all’epoca, una fitta foresta temperata e paludosa, simile alle foreste trovate oggi in Nuova Zelanda“, ha affermato.

Il nucleo dei sedimenti ha rivelato che durante la metà del Cretaceo, l’Antartide occidentale aveva un clima mite, con una temperatura media annuale dell’aria di circa 12° CLe temperature estive erano più calde, con una media 19° C. Nei fiumi e nelle paludi, l’acqua probabilmente raggiungeva i 20° C.

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che le precipitazioni di allora dovevano essere paragonabili a quelle che colpiscono il Galles attualmente.

Queste temperature sono incredibilmente calde, considerando che anche a quell’epoca l’Antartide aveva una notte polare lunga quattro mesi, il che significa che un terzo di ogni anno non riceveva luce solare. Tuttavia, il mondo era più caldo allora, in parte, perché la concentrazione di anidride carbonica nell’atmosfera era alta, probabilmente anche più alta di quanto si pensasse.

Prima del nostro studio, l’assunto generale era che la concentrazione globale di anidride carbonica nel Cretaceo fosse di circa 1.000 ppm [parti per milione]“, ha affermato il co-ricercatore dello studio Gerrit Lohmann, un modellista del clima presso l’Alfred Wegener Institute. “Ma nei nostri esperimenti basati su modelli, ci sono voluti livelli di concentrazione da 1.120 a 1.680 ppm per raggiungere le temperature medie di allora nell’Antartico“.

Questi risultati mostrano come i potenti gas serra come l’anidride carbonica possano far salire le temperature, tanto che l’Antartide occidentale, ospitava una foresta pluviale. Inoltre, mostra quanto siano importanti sul clima globale gli effetti di raffreddamento delle calotte polari di oggi, hanno cocluso i ricercatori.

Fonte: Live Science