Ecco dove sono finiti un miliardo di anni di documentazione geologica

Gli scienziati hanno forse trovato le tracce dei miliardi di anni scomparsi dalla documentazione geologica.

0
14091

È notizia recente che un team di scienziati abbia una nuova teoria sulla discontinuità geologica, o meglio, affermano di aver smentito una delle teorie esistenti più diffuse e che potrebbe tornare utile negli studi scientifici.

Il pianeta Terra avrebbe affrontato, in epoche molto remote, periodi di drastici cali di temperatura da cui di è sviluppata l’espressione della ” “Terra a palla di neve” (Snowball Earth in inglese). A tal proposito, si legge in una ricerca pubblicata sulla National Academy of Sciences: L’erosione della sezione sottostante nella discontinuità geologica è stata interpretata come un fenomeno globale associato alla Snowball Earth. Suggeriamo che ci siano discontinuità geologiche regionali, diacroniche di origine tettonica ”.

Un colpo di scena, poiché quello che è accaduto realmente, potrebbe essere una combinazione di diverse cause: durante la Snowball Earth (Terra a palla di neve), la Terra sarebbe stata coperta da ghiacciai e soggetta ad una continua erosione glaciale.

Questa è una spiegazione naturale del modo in cui una grande porzione di documentazione geologica sia stata “cancellata” provocando una discontinuità geologica; i ghiacciai hanno eroso un miliardo di anni di roccia accumulata sulla superficie terrestre per poi redistribuirla in modo sistematico sotto forma di sedimenti.

Il ricercatore Francis Macdonald ha dichiarato all’Università della California di Santa Barbara di aver trovato evidenze per la teoria dell’erosione durante il periodo della Snowball Earth. Per esaminare questa ipotesi, scienziati di diverse università americane hanno unito gli sforzi per studiare la discontinuità geologica visibile nel Grand Canyon.

Studiare le ere geologiche remote è difficile per molte ragioni che si sovrappongono: in primo luogo, mentre il Grand Canyon e altre eccezionali caratteristiche di superficie rivelano la documentazione geologica risalente a milioni di anni, questi fenomeni presenti in natura sono rari e dissimili; è difficile studiare una dozzina di grand canyon in tutto il mondo e trarre una conclusione uniforme; in secondo luogo, il modo in cui la Terra si evolve,contribuisce a distruggere gran parte delle prove.

Questo perché la superficie terrestre è una solida crosta fatta di pezzi sovrapposti e, man mano che i pezzi si muovono, i bordi vengono costantemente spinti negli strati sottostanti, fusi e fatti ricircolare come nuova superficie (nel profondo dell’Oceano Atlantico, ogni anno emergono tra i 0,5 e i 4 pollici di nuovi fondali marini). Ma in questa ricerca, gli scienziati hanno sfruttato la temperatura grazie alla quale è stato possibile comprendere meglio gli eventi geologici.

Studiando la termocronologia degli strati rocciosi nel Grand Canyon, gli scienziati sono stati in grado di estrarre dati utilizzando diverse quantità dei tipi di elio presenti nella roccia. Questo perché le rocce a diversi livelli di temperatura sotto la superficie terrestre si degradano in modi specifici in modo tale che il livello di elio codifichi la temperatura massima che la roccia ha sperimentato. Ciò significa che gli scienziati possono decodificare dove nella documentazione geologica ogni sezione della roccia “ha iniziato” il suo percorso.

I nostri studi dimostrano che la maggior parte dell’erosione al di sotto della discontinuità geologica rilevata in Colorado si è verificata prima della prima  Snowball Earth dell’Era Neoprotozoica, e quindi non può essere un prodotto dell’erosione glaciale“.