Fonti idrotermali favorevoli alla vita nel cratere da impatto di Chicxulub

Un nuovo studio rivela che il cratere da impatto di Chicxulub, lasciato dall'enorme asteroide che provocò la fine dei dinosauri non aviari, potrebbe aver ospitato a lungo un vasto sistema idrotermale favorevole alla vita.

0
367
Cratere da impatto

Uno studio recente rivela che il cratere da impatto di Chicxulub potrebbe aver ospitato un vasto sistema idrotermale durato lungamente dopo l’evento catastrofico legato all’estinzione dei dinosauri avvenuta 66 milioni di anni fa.

Il cratere da impatto Chicxulub, di circa 180 chilometri di diametro, è il fenomeno meglio conservato sulla Terra nella sua tipologia ed è un obiettivo imprescindibile per coloro che vogliono approfondire le caratteristiche dei crateri meteoritici. Nel 2016, un gruppo di ricerca supportato dall’International Ocean Discovery Program e dall’International Continental Scientific Drilling Program ha perforato il cratere, raggiungendo una profondità di 1.335 metri sotto il livello del mare

Grazie a questo intervento, i ricercatori hanno potuto prelevare ed analizzare campioni del cratere: lo studio ha evidenziato che Chicxulub ha ospitato un vasto sistema idrotermale che ha modificato chimicamente e mineralogicamente oltre 100.000 chilometri cubi di crosta terrestre.

L’autore principale, David Kring che collabora con il Lunar and Planetary Institute (LPI) della University Space Research Association, ha dichiarato: “Immagina una caldera sottomarina come quella di Yellowstone, ma più grande e prodotta dall’incredibile evento di impatto che ha portato all’estinzione del dinosauri “.

Le ricerche hanno dimostrato che i fiumi sotterranei sono stati riscaldati e spinti verso l’alto in direzione del confine tra il fondo del cratere e il fondo del mare dello Yucatán: l’acqua calda scorreva lungo i bordi di uno stagno lungo circa 3 chilometri ed era composto dal magma generato dall’impatto che filtrava attraverso una feritoia nella roccia per poi risalire e sfociare nel mare.

Sempre dagli stessi referti è stato possibile stabilire che le rocce del cratere sono rivestite di minerali multicolori e in modo particolare alcune di esse sono caratterizzate da un ardente colore rosso-arancio: “L’alterazione del fluido caldo è stata più vigorosa nei detriti di impatto permeabili, ma i cristalli di granato, che indicano alte temperature, sono stati trovati a diversi livelli in tutto il nucleo“, spiega Martin Schmieder che ha recentemente assunto un nuovo incarico presso la Neu-Ulm University in Germania.

I minerali identificati nel nuovo nucleo roccioso indicano che il sistema idrotermale inizialmente raggiungeva temperature da 300 a 400 ° C. Temperature così elevate indicano che il sistema ha impiegato molto tempo per raffreddarsi. Il team ha determinato il tempo di raffreddamento utilizzando un orologio a polarità geomagnetica: “I nostri risultati indicano che nel cratere Chicxulub sono stati creati minuscoli minerali magnetici a causa delle reazioni chimiche prodotte da un sistema idrotermale di lunga durata. Questi minerali sembrano aver registrato cambiamenti nel campo magnetico terrestre mentre si formavano. Le loro memorie magnetiche suggeriscono che l’attività idrotermale all’interno del cratere è persistita per almeno 150.000 anni “, ha sottolineato la coautrice Sonia Tikoo dell’Università di Stanford.

Ulteriori prove della longevità del sistema idrotermico provengono da una concentrazione anomala di manganese nei sedimenti del fondo marino, che è il risultato della ventilazione del fondo marino stesso. Il co-autore Axel Wittmann della Arizona State University spiega: “Simile alle creste dell’oceano centrale, lo sfiato dai crateri da impatto marino genera pennacchi idrotermici che contengono manganese disciolto e che di ossida lentamente; rispetto alle concentrazioni presenti nel substrato, ha prodotto su Chicxulub arricchimenti fino a dieci volte maggiori dei sedimenti del postimpatto per oltre 2,1 milioni di anni”.

Sebbene la spedizione abbia toccato il sistema idrotermale in una sola posizione, Kring afferma che “i risultati suggeriscono che vi era una serie approssimativa di circa 300 chilometri di prese d’aria calda sul cratere e ulteriori prese d’aria sparse sul suo suolo, nel momento in cui si è raffreddato dopo l’impatto. Importante sottolineare che tali sistemi idrotermali possono aver fornito habitat per la vita microbiotica“.

I sistemi vulcanici idrotermali di Yellowstone sono ricchi di organismi microbici e questo significa che i sistemi di acqua calda generati da un meteorite hanno lo stesso potenziale biologico.

Kring conclude: “Il nostro studio del nucleo roccioso fornisce ulteriori prove dell’origine delle vita da un meteorite: essa  potrebbe essersi evoluta in un cratere da impatto”.

L’ampiezza e la longevità del sistema idrotermale di Chicxulub suggeriscono che i sistemi generati da impatto all’inizio della storia della Terra potrebbero aver fornito nicchie ecologiche adatte per la vita.

Migliaia di questi tipi di sistemi sono stati prodotti durante il periodo di bombardamento meteritico avvenuto oltre 3,8 miliardi di anni fa. Man mano che ogni sistema si raffreddava, avrebbe potuto fornire un ambiente ricco di materiali adatti per organismi termofili e ipertermofili.

Fonte: Phys.org