Un nuovo dispositivo può produrre elettricità usando le ombre

Sfrutta il contrasto tra luce e buio per produrre una corrente in grado di alimentare gadgets elettronici.

0
1550
cw_shadows_feat
I generatori di energia ad effetto ombra, come quello illustrato qui, potrebbero un giorno essere utilizzati per produrre energia dalla differenza tra punti luminosi e aree ombreggiate. Maggiore è il contrasto tra luce e buio, maggiore è l'energia che forniscono questi generatori. - ROYAL SOCIETY OF CHEMISTRY

Un giorno, l’ombra e la luce potrebbero unirsi per produrre energia.

Un nuovo dispositivo sfrutta il contrasto tra punti luminosi e ombre per creare una corrente in grado di alimentare piccoli componenti elettronici. “Possiamo produrre energia ovunque“, afferma Swee Ching Tan, scienziato dei materiali presso la National University di Singapore.

Tan e il suo team hanno creato un dispositivo, chiamato generatore di energia ad effetto ombra, posizionando un rivestimento super sottile di oro su uno strato di silicio, un tipico materiale utilizzato per produrre celle solari.

Come in una cella solare, la luce che brilla sul silicio eccita i suoi elettroni. Grazie allo strato d’oro, il generatore di energia a effetto ombra produce una corrente elettrica quando parte del dispositivo giace nell’ombra.

Gli elettroni eccitati passano dal silicio all’oro. Con parte del dispositivo ombreggiata, la tensione del metallo illuminato aumenta rispetto all’area buia e gli elettroni nel generatore scorrono dalla zona ad alta tensione a quella a bassa tensione. Collegando il sistema ad un circuito esterno si ottiene una corrente in grado di alimentare piccoli gadget elettronici, secondo quanto riporta un articolo pubblicato su il team di Tan riferisce il 15 aprile su Energy & Environmental Science.

Con otto generatori, il dispositivo alimenta un orologio elettronico in condizioni di scarsa luminosità.

Questo dispositivi può anche fungere da sensore. Infatti, quando qualcosa fa ombra al generatore, si genera energia sufficiente per accendere un LED.

Maggiore è il contrasto tra luce e buio, maggiore è l’energia fornita dal generatore.

Ora il team sta lavorando per migliorare le prestazioni del dispositivo prendendo in prestito le strategie dalle celle solari per raccogliere la luce. Aumentare la luce assorbita da questi generatori consentirebbe loro di sfruttare meglio le ombre.

Un giorno, questi generatori potrebbero produrre energia nei punti ombrosi di uno schieramento di pannelli fotovoltaici, tra i grattacieli o persino al chiuso. “Molte persone pensano che le ombre siano inutili“, dice Tan. Ma “tutto può essere utile, anche le ombre“.

Fonte: ScienceNews