“Grazie per avere volato con SpaceX”

È iniziata l'era del volo spaziale privato, durante il quale i voli turistici e commerciali per l'orbita bassa, e poi per la Luna, diventeranno una consuetudine. All'inizio saranno alla portata solo dei più ricchi ma si prevede che in pochi anni i prezzi scenderanno a livelli più abbordabili.

0
4705
starship

Viaggi spaziali turistici, stazioni spaziali private, fabbriche orbitali, set di film di fantascienza oltre l’atmosfera terrestre: questo è il futuro che si va delineando mentre l’uomo si prepara ad uscire di nuovo dall’orbita bassa e punta verso la Luna dove costituirà una testa di ponte verso Marte.

Insomma, quel futuro che stiamo aspettando da 50 anni, perennemente frenato dai bilanci limitati delle agenzie spaziali, or, sotto la spinta di visionari imprenditori privato sembra finalmente cominciare a materializzarsi. Ci aspettano tante emozioni.

Sto ancora aspettando il mio jetpack personale. Ma il futuro è incredibilmente eccitante”, ha confidato l’astronauta della NASA Kjell Lindgren il giorno prima dello storico lancio della capsula Dragon Crew di SpaceX.

L’astronauta della NASA Nicole Mann, che testerà la capsula spaziale Starliner della Boeing il prossimo anno, immagina già scienziati, medici, poeti e giornalisti fare la fila per un posto verso lo spazio.

Per me è una possibilità reale“, ha detto. “L’orbita bassa si aprirà anche alla gente comune“.

I sentieri che portano allo spazio non sono mai stati così affollati, con SpaceX ed il suo fondatore, Elon Musk, a guidare il gruppo dei privati e non è solo una questione di speculazioni in prospettiva commerciale, è un vecchio sogno dell’umanità che inizia a reaalizzarsi.

Una settimana fa, SpaceX è diventata la prima azienda privata a mandare esseri umani in orbita, un’impresa in precedenza realizzata solo dagli Stati Uniti, dall’Unione Sovietica (oggi Russia) e dalla Cina in quasi 60 anni di corsa allo spazio.

Miniatura video di Youtube

Questo è il primo passo verso la trasformazione dell’umanità in una specie interplanetaria e chissà dove ci porteranno nei prossimi decenni i progressi scientifici e tecnologici

È quasi impensabile rendersi conto che, entro un anno, la NASA e SpaceX contribuiranno con l’industria cinematografica per la realizzazione di un film di fantascienza con Tom Cruise ambientato sulla Stazione Spaziale Internazionale che diventerà il più realistico set di un film di fantascienza.

Ecco, per SpaceX si stanno spalancando le porte del futuro, un futuro in cui i voli verso stazioni spaziali, industrie e alberghi orbitanti saranno una disarmante abitudine, così come i viaggi verso la Luna. Un futuro in cui i clienti delle compagnie spaziali non saranno più solo le agenzie spaziali nazionali o le grandi compagnie di telecomunicazioni ma saranno moltissimi i soggetti interessati a volare verso l’orbita bassa o la Luna per ragioni commerciali o turistiche.

“Per quanto riguarda il volo spaziale umano sta cambiando tutto”, ha commentato Mike Suffredini, un ex responsabile del programma della stazione Spaziale della NASA che ora guida la società Axiom Space di Houston.

Axiom ha stretto una partnership con SpaceX per portare tre turisti alla stazione spaziale nell’autunno del 2021. Un astronauta esperto li accompagnerà, fungendo da guida. Insomma, anche per gli astronauti inizia a prospettarsi una carriera nel provato. Al momento sono previsti due voli privati ​​all’anno verso la Stazione Spaziale Internazionale, da quest’anno aperta ufficialmente al turismo, che utilizzeranno le capsule completamente automatizzate appartenenti a SpaceX o Boeing.

Il prezzo del biglietto – che include 15 settimane di allenamento e più di una settimana alla stazione spaziale – è di circa $ 55 milioni. Oltre ai tre già iscritti, diverse altre persone hanno manifestato un serio interesse“, ha detto Suffredini.

Il successo del lancio della scorsa settimana ha fornito una pubblicità enorme al nascente turismo spaziale, “Sono in tanti a cominciare a chiedersi dove sia il loro posto in fila“, ha detto Suffredini in un’intervista rilasciata all’Associated Press. “È davvero fantastico essere in questa posizione in questo momento“.

Anche la Space Adventures Inc. di Vienna, in Virginia, sta collaborando con SpaceX. Il suo viaggio turistico , però, non avrà come meta la Stazione Spaziale Internazionale: per la fine del prossimo anno, SpaceX trasporterà i clienti di Space Adventures inc. su un’orbita superiore ai mille chilometri di quota, da dove i turisti potranno ammirare il globo della Terra. Il costo: circa $ 35 milioni. Questa società sta anche pubblicizzando corse verso la stazione spaziale tramite la Starliner e capsule Soyuz russe.

Blue Origin di Jeff Bezos e Virgin Galactic di Richard Branson stanno invece programmando voli turistici in orbita bassa. Questi voli spaziali dureranno minuti, non giorni, e costano molto meno. Virgin Galactic ha già centinaia di prenotazioni.

Viaggiare con la compagnia di Branson per un volo orbitale costerà $ 250.000. La sua nave spaziale alata è progettata per decollare agganciata ad un areo da due spazioporti, uno in New Mexico e uno, gestito in collaborazione con l’ASI, in Italia.

I clienti di Blue Origin partiranno dal Texas occidentale; le capsule di Jeff Bezos sfoggiano finestre finestre panoramiche, le più grandi mai costruite per un veicolo spaziale.

Ma le aziende private hanno programmi ancora più ambiziosi.

Nel 2024, Axiom aggancerà un proprio modulo abitativo alla Stazione Spaziale Internazionale, un modulo progettato per accogliere i suoi astronauti privati. Un modulo che, quando la ISS sarà deorbitata per raggiunti limiti di età operativa, si staccherà e continuerà ad operare in modo indipendente.

Space Adventures ha raggiunto un accordo con la russa ROSCOSMOS per effettuare in futuro voli turistici circumlunari a bordo di una nave spaziale russa.

La Luna è considerata il terreno ideale per testare le tecnologie destinate a portre uomini su Marte nei prossimi anni ’30. La NASA intende riportare gli astronauti sulla superficie lunare entro il 2024 e stabilirvi una base permanente.

La compagnia di Musk ha recentemente vinto contratti per trasportare merci sulla luna e sviluppare un lander lunare per gli astronauti.

Ma l’obiettivo più grande per Musk, come è noto, resta Marte. Marte è la ragione per cui ha fondato SpaceX 18 anni fa.

Non posso che sottolinearlo ancora una volta. Questa è la cosa che dobbiamo fare. Dobbiamo rendere la vita umana sostenibile e multi planetaria. Non si tratta di trovare un’alternativa per il nostro pianeta ma di estendere la vita oltre la Terra“, ha detto Musk dopo il lancio dello scorso fine settimana.

Chiedo al pubblico di sostenere questo obiettivo“, ha aggiunto, facendo cenno alle telecamere della NASA.

Per soddisfare questa visione, SpaceX sta usando i propri soldi per sviluppare un enorme veicolo spaziale in acciaio a forma di proiettile chiamato Starship nel suo stabilimento di Boca Chica, in Texas.

Secondo Jim Bridenstine, amministratore della NASA, lo spazio oggi rappresenta attualmente un mercato di $ 400 miliardi, compresi i satelliti. L’apertura del volo spaziale ai clienti paganti, potrebbe espandere il mercato fino ad oltre 1 trilione di dollari.

L’obiettivo è ridurre i costi di lancio e accelerare l’innovazione, attirando più persone e più business. Secondo il conteggio della NASA, fino ad oggi sono 576 le persone che hanno volato nello spazio, tra queste pochi ricchi che hanno pagato per poterlo fare.

Il primo turista spaziale del mondo, l’uomo d’affari californiano Dennis Tito, pagò 20 milioni di dollari ai russi per volare alla stazione spaziale nel 2001, contro i desideri della NASA. Guy Laliberte, fondatore canadese del Cirque du Soleil, spese 35 milioni di dollari per un biglietto russo nel 2009. Space Adventures organizzò entrambe le imprese.

È davvero un club dei miliardari“, ha detto l’ex astronauta dello space shuttle Leland Melvin durante la trasmissione del lancio dello scorso sabato. Una volta che i prezzi scenderanno, Leland vorrebbe tornare nello spazio, ma non senza i suoi cani.

Sono pronti a partire, hanno solo bisogno di tute SpaceX apposite“, ha scherzato.

Una volta stabilite le basi lunari, il prossimo passo sarà Marte negli anni 2030, secondo Bridenstine.

Queste sono le cose che ispireranno il prossimo Elon Musk, il prossimo Jeff Bezos, il prossimo Sir Richard Branson. Ed è quello a cui dobbiamo puntare come agenzia“, ha detto.

SpaceX deve ancora riportare gli astronauti della NASA Doug Hurley e Bob Behnken sulla Terra, ma la compagnia sta già aspettando il prossimo equipaggio di astronauti. Il direttore di missione Benji Reed ha dato un breve assaggio di questo futuro chiudendo la comunicazione con gli astronauti dopo che la capsula si era agganciata alla ISS.

“Grazie per aver volato con SpaceX”, ha detto.

Fonte: AP