Trovati in Australia i fossili di una specie di Vombati enormi

Gli scienziati dell'Università di Salford hanno scoperto una nuova famiglia di marsupiali dopo aver studiato una porzione di cranio parziale e parte di uno scheletro raccolto in una spedizione durante gli anni '70 in sud Australia

0
8897

Gli scienziati dell’Università di Salford hanno scoperto una nuova famiglia di marsupiali dopo aver studiato una porzione di cranio parziale e parte di uno scheletro raccolto in una spedizione durante gli anni ’70 in sud Australia: si tratterebbe di una creatura simile a un vombato, delle dimensioni di un orso nero e del peso di oltre 150 chili, che vagava per la terra circa 25 milioni di anni fa.

I ricercatori hanno chiamato l’animale “Mukupirna“, che significa “grandi ossa” in Dieri e Malyangapa, le lingue indigene parlate nella regione del Sud Australia dove fu scoperto per la prima volta il fossile. In un articolo pubblicato su Scientific Reports, i ricercatori hanno confermato che il mammifero apparteneva a una famiglia di marsupiali ancora sconosciuta, mammiferi caratterizzati da parto prematuro e dal continuo sviluppo del cucciolo mentre è ancora allattato dalla madre.

l’autore principale, Robin Beck, dell’Università di Salford, ha raccontato in una intervista alla CNN: “È sorprendentemente grande, una particolarità per quel periodo. Era uno dei più grandi animali in Australia a quel tempo”. Beck ha spiegato che nonostante la creatura rinvenuta somigli ai vombati, era circa cinque volte più grande.

Gli scienziati hanno studiato come le dimensioni del corpo si siano evolute nei vombatiformi – il gruppo che comprende Mukupirna, wombat, koala e loro parenti fossili – e hanno scoperto che il peso corporeo di 100 chili o più si è evoluto almeno sei volte negli ultimi 25 milioni di anni. Il più grande vombatifome conosciuto, chiamato “Diprotodon“, pesava più di 2 tonnellate e sopravvisse fino a circa 50.000 anni fa.

Parlando del Mukupirna, Beck ha dichiarato che “Questo fossile non ha denti che sono ricresciuti durante la sua vita, quindi probabilmente non si nutriva di erba“, aggiungendo che i ricercatori non sono sicuri di quando l’animale si sia estinto. “Circa 23 milioni di anni fa, l’ambiente è cambiato per diventare più simile a una foresta pluviale in Australia, e quindi ci sono stati cambiamenti ambientali che potrebbero aver agevolato l’estinzione“, ha suggerito.

“Il Mukupirna rivela un affascinante mix di caratteristiche e fornisce la prova di uno stretto legame tra i vombati e un gruppo estinto di marsupiali chiamati wyyyardiids”, ha aggiunto in una nota il co-autore Pip Brewer, del Museo di storia naturale di Londra.

L’ adattamento allo scavare per il cibo potrebbe essersi manifestato nei primissimi esemplari della famiglia dei vombati e probabilmente questo ha portato alla loro eventuale sopravvivenza fino ai giorni nostri. Sebbene suggerito in precedenza, non è stato possibile testarlo, poiché il più antico fossile di vombati scoperti è noto solo dai denti e da alcuni frammenti del cranio “, ha concluso Brewer.

Fonte: CNN