I delfini sono capaci di trasmettersi nuove conoscenze come i primati

I delfini tursiopi di Shark Bay nell'Australia occidentale hanno un modo insolito di procurarsi il cibo e con tutta probabilità hanno appreso la nuova abilità dai loro pari

Che i delfini fossero creature straordinariamente intelligenti non sorprenderà nessuno, ma un nuovo studio, condotto dai ricercatori dell’Università di Zurigo e pubblicato sulle pagine della rivista Current Biology, ha individuato in loro una modalità di apprendimento molto simile a quella dei primati come i gorilla e gli scimpanzé.

Il biologo evoluzionista Michael Krützen, osservandoli durante una sessione di caccia, ha notato che questi mammiferi, provenienti dalla Shark Bay australiana, hanno sviluppato la capacità di assimilare dai loro pari delle tecniche innovative per procacciarsi il cibo: recuperano i gusci di alcuni molluschi, i gasteropodi, grazie ai quali catturano la preda e, una volta risaliti in superficie, li agitano per espellere l’acqua e far cadere il frutto della caccia in bocca.

“Questa è una pietra miliare importante” ha spiegato Krützen “Mostra che il comportamento culturale dei delfini e delle altre balene dentate è molto più simile al comportamento delle grandi scimmie, compresi gli umani, di quanto si pensasse in precedenza”.

Inizialmente, circa 20 anni fa, si era osservato come le tecniche di caccia si trasmettessero per via matrilineare, e cioè da madre a figlia: un tipo di apprendimento chiamato trasmissione verticale. Ma c’è un altro tipo di apprendimento, la transizione sociale orizzontale, in cui gli individui acquisiscono abilità dai loro coetanei sociali: i loro amici. Ciò è più evidente nelle specie con estesi repertori culturali, come le grandi scimmie.

Ci sono somiglianze tra i delfini e le grandi società di scimmie che hanno portato gli scienziati a credere che i delfini dovrebbero essere in grado di apprendere in orizzontale. “Nonostante le loro divergenti storie evolutive e il fatto che occupano ambienti così diversi, sia i delfini che le grandi scimmie sono mammiferi di longevi, dal cervello grande con elevate capacità di innovazione e trasmissione culturale dei comportamenti” Ha specificato Krützen.

Precedenti studi sul fatto che i delfini possano imparare dai loro amici erano stati promettenti, ma inconcludenti. Ora un team di ricercatori guidato dall’ecologa comportamentale Sonja Wild dell’Università di Costanza in Germania l’ha finalmente confermato. Gli studi si sono basati su oltre un decennio di osservazioni. Tra il 2007 e il 2018, i ricercatori hanno documentato oltre 1.000 singoli delfini in quasi 5.300 incontri.

Tra questi incontri, il comportamento di bombardamento (la pesca col guscio dei molluschi) è stato osservato in 19 individui provenienti da tre diversi lignaggi genetici, in 42 diverse occasioni. È un numero relativamente basso rispetto al numero totale di incontri, ma è stato sufficiente eseguire un’analisi per determinare come il comportamento è stato appreso.

Sono stati impiegati dati genetici, comportamentali e ambientali per individuare le probabili vie di trasmissione e i ricercatori hanno rilevato che i bombardamenti erano probabilmente diffusi tra simili, piuttosto che trasmessi dai genitori.

Questi risultati sono stati abbastanza sorprendenti, dal momento che i delfini tendono ad essere conservatori, tuttavia, i nostri risultati mostrano che i delfini sono sicuramente in grado, e nel caso del bombardamento, anche motivati ​​ad apprendere nuove tattiche di foraggiamento al di fuori del legame madre-figlia. Questo apre le porte a una nuova comprensione di come i delfini possono essere in grado di adattarsi comportamentalmente a cambiare gli ambienti, poiché l’apprendimento dai propri pari consente una rapida diffusione di nuovi comportamenti tra le popolazioni “. Ha dichiarato Wild.

Ad esempio, nel 2011, una grande ondata di calore ha devastato l’habitat marino della Shark Bay, in cui i delfini cercano cibo. Ciò ha provocato la morte di pesci e invertebrati che vivono nelle conchiglie giganti che i delfini usano per la loro pesca e, successivamente, c’è stato un immediato aumento del comportamento di sgusciatura dei delfini. Secondo gli studiosi è possibile che sia la riduzione dei pesci che l’aumento delle conchiglie avrebbero potuto avere un ruolo in questa nuova condizione.

Mentre possiamo solo ipotizzare che questa deplezione delle prede abbia dato una spinta ai delfini per adottare nuovi comportamenti di foraggiamento dai loro pari“, ha detto Wild , “sembra possibile che l’abbondanza di gusci di gasteropodi giganti morti possa avere fornito maggiori opportunità di apprendimento per i bombardamenti“.

Fonte: Current Biology.