Una collana di 120.000 anni racconta l’origine della corda

È molto probabile che l'utilizzo della corda risalga a circa 120.000 anni fa. Gli archeologi sono impegnati in uno studio che sveli la paternità dell'invenzione

0
1096

Secondo un recente studio in cui gli archeologi hanno esaminato microscopiche tracce di usura all’interno di buchi naturali presenti in alcune conchiglie, le persone che vivevano sulla costa israeliana 120.000 anni fa le infilavano su un filo di lino dipingendole di ocra. Questa informazione potrebbe aiutare a risalire al momento in cui la corda è stata introdotta nella vita di tutti giorni ed utilizzata per creare abiti, reti da pesca e forse persino i marinai stessi.

Raccogliere conchiglie è un’usanza umana conosciuta da sempre: gli archeologi hanno scoperto conchiglie di vongole mescolate ad altri manufatti nella grotta israeliana di Misliya, sepolte in strati di sedimenti risalenti ad un periodo che va da 240.000 a 160.000 anni fa. Le conchiglie chiaramente non erano i resti delle cene a base di pesce del Paleolitico; le loro condizioni malandate significavano che erano state sepolte dopo la morte dei loro ex proprietari.

I collezionisti di conchiglie di Misliya sembravano per lo più interessati alle conchiglie intatte, e non c’è alcun segno che abbiano decorato o modificato i loro reperti. Ma 40.000 anni dopo, a 40 km di distanza, le persone che abitavano caverna di Qafzeh sembravano preferire la raccolta di conchiglie con piccoli fori vicino alle loro cime.

Quei fori erano danni naturali causati dalla raschiatura del fondo del mare, ma la gente li usava per mettere insieme i gusci per creare gioielli o decorazioni. L’archeologa Daniella Bar-Yosef Mayer dell’Università di Tel Aviv e i suoi colleghi hanno esaminato cinque conchiglie di Qafzeh e hanno trovato striature microscopiche attorno ai bordi dei fori, segni che suggeriscono che esse fossero disposte su una corda.

I segni di usura attorno ai fori suggeriscono che le conchiglie fossero appunto infilate in una corda e altri segni di usura sui bordi delle conchiglie fanno ipotizzare che le conchiglie si sfregassero l’una contro l’altra: quattro delle conchiglie portavano ancora tracce di pigmento rosso ocra; purtroppo mancava la corda.

Per trovare quel pezzo mancante, Bar-Yosef Mayer e i suoi colleghi hanno raccolto alcune conchiglie per conto proprio. Gli archeologi hanno sfregato gusci di vongole appena raccolti contro sabbia, legno, argilla, pietra, cuoio, canne e diversi tipi di fibre, quindi hanno usato un microscopio elettronico a scansione per esaminare gli schemi di fosse, lucidatura e striature che si erano formati. Hanno anche creato corde di lino e ci hanno infilato delle conchiglie con buchi naturali, quindi hanno esaminato i segni di usura risultanti al microscopio: i piccoli segni lasciati da uno spago di lino che sfregava contro i bordi del buco sembravano proprio i segni sui gusci di Qafzeh.

Quando si crea una corda, è possibile renderla molto più lunga di una striscia di cuoio. Ciò ti consentirebbe, ad esempio, di creare una corda che legherà insieme tronchi di legno per fare una zattera (o legare un rigout a una canoa) ”, ha spiegato Bar-Yosef Mayer. Questo significa anche che le persone di allora potevano realizzare reti da pesca, trappole per animali e nuovi tipi di abbigliamento e borse: “Non sappiamo chi abbia inventato la corda: l’Homo sapiens o i Neanderthal“, ha detto la studiosa.

La corda più antica che conosciamo finora proviene da un sito di Neanderthal chiamato Abri du Maras in Francia, e ha circa 50.000 anni. L’Homo sapiens non raggiunse l’Europa occidentale fino a qualche migliaio di anni dopo, ma le due specie avevano probabilmente interagito nel Levante per decine di migliaia di anni (l’Homo sapiens e i Neanderthal sembravano essersi succeduti in alcuni luoghi nella documentazione archeologica presente in siti come le Grotte di Qafzeh, Misliya e Skhul). Entrambe le specie avrebbero potuto prendere in prestito l’idea della corda, l’una dall’altra. Ma chi e il padre dell’invenzione originale?

Il caso che interessa il Neanderthal si basa in parte su un frammento di fibra trovato fissato a un artiglio di aquila di 130.000 anni fa presso il rifugio di roccia di Krapina in Croazia. Altrove in Europa, i Neanderthal utilizzarono gli artigli d’aquila e una possibile spiegazione fu che stavano fabbricando gioielli o qualche altro tipo di ornamento. E a Cueva de los Aviones, in Spagna, gli archeologi hanno trovato conchiglie decorate con pigmenti rossi e gialli, con buchi fatti deliberatamente. Ma senza cercare gli stessi tipi di segni di usura di quelli sulle conchiglie di Qafzeh, è ​​impossibile dire se i Cueva de los Aviones Neanderthal usassero corde o cuoio.

D’altra parte, gli archeologi hanno trovato conchiglie con fori naturalmente usurati in siti in Sud Africa e Marocco, che vanno dai 115.000 ai 70.000 anni. “Sarebbe ragionevole supporre che, proprio come le conchiglie Qafzeh, anche queste fossero messe insieme per essere esposte”, ha scritto Bar-Yosef Mayer insieme ai i suoi colleghi.

Ci vorranno più prove per svelare le origini della corda ma Bar-Yosef Mayer è ottimista: “È solo nell’ultimo decennio o giù di lì che abbiamo iniziato a trovare questi reperti, a causa del maggiore uso della microscopica nella ricerca archeologica“, ha detto, “Quindi sono fiduciosa che troveremo molti altri indizi“.