Un potente terremoto di magnitudo 7,8 ha colpito le coste dell’Alaska: diramato e poi revocato allarme tsunami

Nessuna vittima e danni poco rilevanti in seguito all'evento. Lo Tsunami che ha seguito la scossa è stato alto meno di un metro.

29302

Poche ore fa l’Alaska è stata colpita da un terremoto di magnitudo 7,8 appena al largo delle sue coste, causando preoccupazioni immediate per il rischio di tsunami.

Inizialmente è stato diramato un allarme tsunami, poi revocato nel corso della mattinata.

L’epicentro del terremoto è stato individuato a sud-est al largo della costa delle Aleutine a circa 100 chilometri da Perryville, in Alaska. L’ipocentro del terremoto è stato identificato a 25 chilometri di profondità.

Il terremoto è stato avvertito attraverso tutta la penisola, fino a Kodiak e Anchorage, a 800 chilometri dall’epicentro.

Il terremoto, che si è verificato alle 22:12 ora locale di martedì sera, non ha causato danni significativi a cose o persone.

Quanto più lontano un terremoto ha origine al largo, tanto più le sue onde si dissipano prima di raggiungere la terra e quindi il danno viene spesso smorzato. Tuttavia, uno dei rischi dei terremoti offshore è la possibilità che si formino grandi tsunami. Uno tsunami si verifica quando c’è un significativo spostamento verticale delle placche durante un terremoto.

L’Alaska è spesso sede di terremoti regolari e potenti a causa della subduzione della placca oceanica del Pacifico sotto la placca nordamericana continentale. La subduzione tra le due piastre produce terremoti, vulcani e montagne dal Messico all’Alaska.