Come un ghetto ebraico debellò un’epidemia di tifo durante la seconda guerra mondiale

Il tifo, una malattia batterica spesso fatale che è diffusa dai pidocchi sul corpo, travolse l'Europa durante la seconda guerra mondiale. La propaganda nazista ritraeva gli ebrei come i principali diffusori della malattia; un modo come un altro per ottenere il sostegno pubblico per imprigionarli nei ghetti.

0
213
Un ghetto ebraico debella il Tifo

Alcuni ebrei confinati in un ghetto nazista, durante la seconda guerra mondiale, furono in grado di arginare una massiccia epidemia di tifo, introducendo misure di controllo delle infezioni. Azioni cautelative simili a quelle usate oggi per combattere il covid-19.

Il tifo, una malattia batterica spesso fatale che è diffusa dai pidocchi sul corpo, travolse l’Europa durante la seconda guerra mondiale. La propaganda nazista ritraeva gli ebrei come i principali diffusori della malattia; un modo come un altro per ottenere il sostegno pubblico per imprigionarli nei ghetti.

Nel novembre 1940, i nazisti avevano murato più di 400.000 ebrei all’interno di un ghetto di 3,4 chilometri quadrati a Varsavia, in Polonia. Le condizioni di sovraffollamento, la mancanza di manutenzione delle fognature e l’inadeguatezza del cibo e delle risorse ospedaliere, fecero sì che il tifo contagiasse rapidamente circa 100.000 persone. Causandone il decesso di 25.000.

Tuttavia, nell’ottobre 1941, poco prima dell’inverno successivo, le nuove infezioni si arrestarono improvvisamente

Questo fu inaspettato, perché il tifo normalmente accelera all’inizio dell’inverno, e i ghetti di altri luoghi come l’Ucraina erano ancora devastati dalla malattia. “Molti pensavano che fosse un miracolo“; dice Lewi Stone all’Università RMIT in Australia.

Come un ghetto ebraico debella il tifo: il merito principale va al prigioniero Ludwik Hirszfeld, microbiologo, e premio Nobel

Per scoprire come il ghetto di Varsavia ha annientato il tifo, Stone e i suoi colleghi hanno cercato tra i documenti storici delle biblioteche di tutto il mondo; tra cui alcuni conservati dai medici che vivevano nel ghetto di Varsavia.

Hanno scoperto che i dottori imprigionati lì – tra cui l’eminente microbiologo e candidato al premio Nobel Ludwik Hirszfeld, che ha contribuito a scoprire i gruppi sanguigni – hanno cooperato al fine di guidare gli sforzi della comunità per fermare la diffusione della malattia.

Centinaia di conferenze sono state tenute per educare il pubblico sull’importanza dell’igiene personale; della distanza sociale e dell’autoisolamento quando si è malati.

È stata anche creata un’università segreta per formare gli studenti di medicina al controllo delle infezioni; e i leader della comunità hanno aiutato a organizzare elaborati programmi d’igiene e mense per i poveri.

La modellazione matematica di Stone e dei suoi colleghi suggerisce che queste misure hanno evitato più di 100.000 infezioni da tifo nel ghetto e decine di migliaia di morti.

Tragicamente, quasi tutti gli abitanti del ghetto furono poi mandati a morire nei campi di sterminio. Cosa che i nazisti cercarono di giustificare, con la scusa che fosse un mezzo per prevenire future epidemie di tifo.

L’esempio di Varsavia mostra come le pandemie siano state sfruttate per promuovere l’odio verso le minoranze, cosa di cui bisogna diffidare nell’era covid-19”; dice Stone. “Ma un aspetto positivo è che mostra anche come le comunità possono usare semplici misure di salute pubblica per sconfiggere le malattie infettive, e che queste possono fare una grande differenza“. Conclude Stone.