La nuova corsa all’oro sta per iniziare: le risorse minerarie lunari

La nuova corsa all'oro sta per iniziare: le risorse minerarie lunari

0
2971
La nuova corsa all'oro: le risorse lunari

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha rafforzato il suo progetto per rimandare gli umani sulla luna entro i prossimi cinque anni, assegnando alla NASA un miliardo e seicento milioni di dollari extra budget. Che ci riesca o no, il primo atterraggio riuscito sul lato lontano effettuato dalla Cina, il recente concetto di “villaggio lunare” dell’Agenzia spaziale europea, il lander con il rover appena inviati dall’India e una miriade di compagnie private che si stanno preparando per il volo spaziale umano commerciale indicano che entro il prossimo decennio la presenza di esseri umani sulla Luna sarà una realtà acquisita e di routine.

Ma è una buona idea? Un nuovo studio suggerisce che, per evitare l’esaurimento delle materie prime del sistema solare, gli esseri umani dovrebbero limitarsi ad utilizzare solo un ottavo delle risorse disponibili. La realtà, però, è che sembra proprio che siamo davanti all’inizio di una sorta di nuova corsa all’oro riguardante prima la Luna e poi, man mano che le tecnologie miglioreranno, il resto del sistema solare.

La Luna fungerà solo da primo banco di prova.

La ragione di ciò ha a che fare con qualcosa chiamato “tempo di raddoppio“: quanto tempo impiega una quantità a raddoppiare. Ad esempio, un’economia che cresce del 10% all’anno raddoppierà in valore in 7,3 anni. Parlando di spazio, è stato calcolato che saranno necessari solo tre tempi di raddoppio per passare dall’8 al 100%.

In altre parole, una volta raggiunto un punto in cui avremo consumato un ottavo delle risorse del sistema solare, occorrerà solo tre volte il doppio per consumare il resto. Ad un modesto tasso di crescita annua del 3,5% nel consumo materiale di risorse spaziali, l’ottavo punto verrebbe raggiunto dopo 400 anni. Tuttavia, a questo punto occorrerebbero meno di 60 anni per esaurire tutte le risorse rimanenti nel sistema solare, creando un enorme problema per qualsiasi futura economia spaziale e lasciando pochissimo tempo per trovare una soluzione.

Il documento suggerisce quindi di mantenere i rimanenti sette ottavi del sistema solare come una “riserva“. Tali aree sarebbero aperte all’esplorazione da parte degli esseri umani, ma con un forte divieto di sfruttamento.

Risorse lunari

Il potenziale di sfruttamento delle risorse e il valore scientifico sulla luna è alto. Tuttavia, le risorse non sono distribuite uniformemente. Ad esempio, l’acqua sarà un prodotto molto apprezzato, dato che può essere utilizzata per coltivare le colture, produrre carburante per missili, fornire aria per respirare e, naturalmente, essere consumata direttamente dalle persone.

Si ritiene che l’acqua lunare esista in forma di ghiaccio mescolato con la regolite lunare (suolo) depositato principalmente nei crateri permanentemente in ombra nelle regioni polari, rendendola una risorsa finita e non rinnovabile. Si sa che alcune aree della Luna sono particolarmente ricche di titanio, mentre altri minerali preziosi non sono distribuiti uniformemente. In generale, la Luna dispone di abbondanti risorse di Terre Rare ed altri elementi che scarseggiano sulla Terra, come l’Elio3.

Il picco della montagna al centro del cratere Tycho, sulla Luna, per la sua probabile origine asteroidale potrebbe essere una futura miniera. NASA Goddard / Arizona State University

Per lavorare le risorse, avremo bisogno di energia. La forma più abbondante di energia sulla superficie lunare è la luce solare e alcune località sono particolarmente adatte per la produzione di energia solare. Su una manciata di cime montuose vicino ai poli l’orientamento della rotazione della luna è tale che il sole non tramonta mai, offrendo una fonte di energia ininterrotta.

Dal punto di vista scientifico, il lato lontano della Luna si presenta come un sito eccellente per installare osservatori di radioastronomia, in particolare per l’osservazione e lo studio dell’universo primordiale. La ionosfera terrestre tende a bloccare le trasmissioni radio a frequenza più bassa e a creare rumore, anche a frequenze più alte.

Vaghezza legale

Probabilmente alcune aree della Luna saranno più richieste di altre, quindi, come stabilire chi possiede cosa?

Bene, al momento, nessun paese può rivendicare la proprietà di qualsiasi parte dello spazio ai sensi del Trattato sullo spazio esterno. In particolare, il trattato stabilisce che “lo spazio esterno non è soggetto a appropriazione nazionale per rivendicazione di sovranità” e che “l’esplorazione e l’uso dello spazio esterno devono essere effettuati a beneficio e nell’interesse di tutti i paesi e deve rimanere essere la provincia di tutta l’umanità“.

Vale la pena notare che non tutti i paesi hanno firmato il trattato. Nel 2015, gli Stati Uniti hanno approvato il Commercial Space Launch Competitiveness Act che, tra le altre cose, consente ai cittadini statunitensi di “impegnarsi nell’esplorazione commerciale e nello sfruttamento di” risorse spaziali “(tra cui … acqua e minerali)“. L’atto, in effetti, chiarisce che gli Stati Uniti riconoscono che lo spazio esterno non è territorio sovrano, ma sembra un po’ vago su quanto una società privata commerciale che sfrutta le risorse nello spazio agisca davvero “a beneficio e nell’interesse di tutti i paesi.

Se lo spazio esterno, o almeno un ottavo di esso, è davvero appannaggio di tutta l’umanità, ciò dovrebbe implicare che le risorse là fuori dovrebbero davvero appartenere collettivamente a tutta l’umanità?

Supponiamo che ci sia un accordo internazionale per limitare il nostro sviluppo dello spazio, come suggerisce il nuovo documento. Chiaramente è probabile che i paesi ricchi e/o le più potenti società private raggiungano la luna e sfruttino per primi le sue risorse. Questo scenario non è senza precedenti.

L’estrazione in acque profonde, nelle acque internazionali della Terra, promette ottimi risultati potenziali in termini di raccolta di minerali per coloro che sono in grado di sfruttarla, ma il potenziale impatto ambientale sta già causando preoccupazione.

Allo stesso modo, le azioni di un certo numero di paesi nel Mar Cinese Meridionale dimostrano quanto sia facile per gli stati nazionali sufficientemente potenti ignorare gli accordi internazionali o gli arbitrati quando è presente una potenziale ricchezza di risorse. Questo, presumibilmente, potrebbe accadere altrettanto facilmente con le società private o i paesi che operano sulla Luna.

Tutto questo sembra un po’ inverosimile? Bene, come sostiene il documento, noi umani non siamo bravi a comprendere l’impatto della crescita esponenziale a lungo termine.

Nel 2018, il settore spaziale globale è stato valutato a 360 miliardi di dollari e si prevede che cresca del 5,6% all’anno. Entro il 2026, due anni dopo che Trump ha in programma di tornare sulla luna, varrà già 558 miliardi di dollari. Se supponiamo che la crescita annuale del 5% continui, in un secolo il settore spaziale varrebbe 130 volte il suo valore attuale. In due secoli varrebbe 17.300 volte il suo valore attuale e potrebbe persino superare la ricchezza totale dell’economia terrestre.

Gran parte di questa ricchezza futura potrebbe venire dall’estrazione di risorse, in particolare da asteroidi e estrazione lunare. Questi tempi sono paragonabili a poche generazioni di esseri umani. Non so se un tale tasso di crescita verrà mantenuto per un secolo, ma non scommetterei contro di esso.

Mentre ci imbarchiamo in un nuovo capitolo dell’avventura umana nello spazio, dovremmo riflettere attentamente prima di ripetere gli stessi errori che abbiamo già fatto sulla Terra.