Colonizzare Marte potrebbe essere pericoloso e incredibilmente costoso. Elon Musk intende ancora farlo

"Se dovesse accadere qualcosa di terribile sulla Terra, causato da esseri umani o naturale, vogliamo avere un'assicurazione sulla vita per tutta la vita", ha spiegato Musk durante una conferenza virtuale che aveva come argomento Marte lo scorso 31 agosto. "Inoltre, c'è l'eccitazione dell'avventura".

I coloni marziani si nutriranno di insetti e carne coltivata

Elon Musk ha trascorso quasi due decenni radunando i fan di SpaceX attorno al suo obiettivo di colonizzare Marte, qualcosa che ai governi mondiali non sembra, al momento, interessare, in parte a causa dei costi che una tale impresa comporterebbe.

Musk, CEO e ingegnere capo dell’azienda, si riferisce alle sue ambizioni interplanetarie più come un protagonista di fantascienza con una vocazione morale che come un imprenditore con un piano aziendale dirompente.
Se dovesse accadere qualcosa di terribile sulla Terra, causato da esseri umani o naturale, vogliamo avere un’assicurazione sulla vita per tutta la vita“, ha spiegato Musk durante una conferenza virtuale che aveva come argomento Marte lo scorso 31 agosto. “Inoltre, c’è l’eccitazione dell’avventura“.
I piani di SpaceX per un insediamento sul Pianeta Rosso sollevano numerose questioni tecnologiche, politiche ed etiche. Uno degli ostacoli più impegnativi potrebbe essere quello finanziario: nemmeno Musk si è azzardato a indovinare una stima dei costi completa.
Non è per i deboli di cuore. Ci sono buone possibilità che di morire nell’impresa, e sarà dura già solo arrivarci“.

ELON MUSK

L’ultimo programma spaziale che si è avvicinato alle ambizioni di viaggio interplanetario di Musk è stato il programma Apollo della NASA, lo sforzo, iniziato poco dopo la metà del XX secolo, che ha portato sei veicoli spaziali e 12 astronauti a poggiarsi sulla superficie della Luna. Il programma Apollo è costato ben più di 280 miliardi di dollari di oggi e, in alcuni anni, la NASA ha assorbito più del 4% dell’intero budget nazionale. L’agenzia spaziale, che negli ultimi anni ha ricevuto lo 0,4 per cento del budget federale, sta mappando i propri piani per riportare gli esseri umani sulla luna come primo step per una missione umana su Marte prevista per la fine degli anni ’30. Ma l’agenzia non ha indicato quanto potrebbe costare quest’ultima.

La ricchezza personale di Musk è aumentata a circa $ 100 miliardi – almeno sulla carta – grazie in gran parte a una serie di bonus in azioni della sua azienda di auto elettriche, Tesla. Musk ha anche ripetutamente affermato che spera che i profitti delle altre attività di SpaceX, inclusa un’impresa Internet via satellite, la Starlink, che è attualmente in fase di beta test, contribuiranno ad alimentare lo sviluppo del suo razzo Marte.

SpaceX ha anche raccolto quasi 6 miliardi di dollari da banche e venture capitalist, trasformandosi in una delle società private più apprezzate al mondo, secondo la società di analisi dati Pitchbook. Presumibilmente, almeno alcuni investitori un giorno cercheranno di incassare.

E questo pone la domanda chiave: c’è modo di fare soldi su Marte?

Profitti interplanetari

SpaceX è probabilmente ancora a molti, molti anni dallo sviluppo di tutta la tecnologia che un insediamento su Marte richiederebbe. La compagnia è nelle prime fasi dello sviluppo della sua astronave, un enorme sistema di razzi e astronavi che Musk spera possa traghettare carichi e convogli di persone attraverso il vuoto per un minimo di 50 milioni di chilometri tra la Terra e Marte. Musk ha stimato che lo sviluppo della Starship costerà fino a $ 10 miliardi, e l’intenzione sarebbe quella di lanciare “centinaia” di satelliti a bordo della Starship prima di affidarle vite umane.

Se l’astronave si dimostrerà in grado di compiere il viaggio su Marte, i coloni avranno bisogno di habitat schermati e a tenuta d’aria per proteggerli dall’aria tossica e dalle radiazioni mortali che piovono sulla sua superficie.

Secondo Michael Meyer, lo scienziato capo del Mars Exploration Program della NASA, che ha recentemente lanciato il rover Perseverance, almeno per i primi 100 anni in cui gli esseri umani avranno una presenza su Marte, la situazione economica sarà problematica.

Musk ha un piano per rendere Marte una destinazione attraente per la vita a lungo termine: Terraforming, uno scenario ipotetico in cui gli umani rendono Marte più simile alla Terra pompando gas nell’atmosfera. Sarebbe un tentativo di utilizzare gli stessi gas serra che causano la crisi climatica sul nostro pianeta natale per rendere l’atmosfera di Marte più spessa, più calda e più ospitale per la vita. Musk sostiene che il processo potrebbe essere avviato facendo cadere bombe nucleari sui poli del pianeta.

L’idea del terraforming è un esercizio intellettuale“, ha detto Meyer. Ma non c’è quasi ossigeno nell’atmosfera di Marte. E c’è una quantità d’acqua infinitamente piccola, il che significa che sarà estremamente difficile coltivare i raccolti, tanto meno creare un ciclo dell’acqua su Marte. Non è nemmeno chiaro se ci sono abbastanza risorse su Marte per rendere possibile la terraformazione. “Penso che il film ‘Total Recall’ esprima l’idea giusta“, ha scherzato. “Dovremmo poter usare una tecnologia aliena“.

Anche Musk ha riconosciuto che la terraformazione sarà estremamente dispendiosa in termini di risorse. Ma il concetto è radicato nella tradizione di SpaceX, tanto che la società vende magliette con scritto “Nuke Mars” e “Occupy Mars“. Musk le indossa spesso.

Valori e valutazioni

Non ci sono risorse conosciute su Marte che sarebbero abbastanza preziose da estrarre e rivendere alle imprese terrestri, ha detto Meyer. “Parte del motivo per cui [gli scienziati sono] interessati a Marte è che è fatto più o meno delle stesse cose della Terra“, ha spiegato.

Su quest’ultimo punto si è detto d’accordo anche Musk che ritiene che le risorse marziane probabilmente saranno preziose solo per i coloni che sperano di costruire industrie sul pianeta. Otto anni fa disse che l’unico “scambio economico” tra Marte e gli abitanti della Terra per molti anni sarà la “proprietà intellettuale”.

Marte, il quarto pianeta dal Sole, ha giorni che sono più o meno lunghi quanto i giorni della Terra. Ma è un pianeta più piccolo, la sua temperatura media è di -27 gradi Celsius e la sua atmosfera è molto più sottile della nostra e composta principalmente da anidride carbonica.

Ambizioni di guadagno a parte, l’idea che un giorno Marte possa diventare la casa di una metropoli e – potenzialmente – una destinazione turistica è riconosciuta da scienziati tradizionali come Meyer, il principale esperto di Marte della NASA. Meyer racconta che, 20 anni fa, partecipò a una presentazione sugli affari e sul turismo di Marte. “Ero piuttosto scettico su questo … ma all’uscita ho capito che alcune delle idee presentate erano bastanza ragionevoli“, ha detto, aggiungendo che ora abbraccia l’idea che gli uomini d’affari potrebbero rendere i viaggi nello spazio più accessibili.

Meyer ha aggiunto che, nella sua mente, non si chiede se un giorno il viaggio su Marte sarà un’impresa redditizia, ma quando. Musk non ha ampliato le sue idee per fare soldi su Marte, ma le sue riflessioni sull’esportazione della proprietà intellettuale hanno fatto eco in un libro scritto da Robert Zubrin, una figura influente ma polarizzante nella comunità spaziale e un alleato di Musk di lunga data. “Le idee possono essere un’altra possibile materia di esportazione per i coloni marziani“, ha scritto Zubrin, presidente della Mars Society, nel suo spesso citato libro del 1996, “The Case for Mars“.
“Se qualcuno si chiede se non ci sarà sfruttamento su Marte, Zubrin risponde: “certo, è quello che le persone si fanno sempre a vicenda“.

ROBERT ZUBRIN

Per guardare a un potenziale futuro dell’umanità, Zubrin guarda al suo passato.
Proprio come la carenza di manodopera prevalente nell’America coloniale e del XIX secolo ha portato alla creazione del flusso di invenzioni di Yankee Ingenuity, così le condizioni di estrema carenza di manodopera … tenderanno a guidare l’ingegnosità marziana“.
In una recente intervista con CNN Business, Zubrin ha sostenuto queste idee, facendo notare che per la colonizzazione americana ha funzionato. Zubrin ricorda ancora una volta la colonizzazione del Nord America come un esempio di come gli aspiranti coloni di Marte potrebbero finanziare il loro viaggio, sia liquidando i loro possedimenti terrestri per finanziare il viaggio, sia con una sorta di “servitù a contratto“.

Se vuoi andare su Marte, vorrai offrire qualcosa“, ha spiegato Zubrin. “Un potenziale colono marziano potrebbe pagarsi il biglietto di sola andata vendendo la sua casa e altre proprietà sulla Terra, oppure potrebbe vendere il suo lavoro per sette anni“.

Per essere chiari: la storia del colonialismo americano ha comportato anche la schiavitù, la brutalizzazione e la cancellazione di molte popolazioni native. “Non ci sono marziani nativi“, ha tagliato corto Zubrin.

Damien Williams, insegnante e dottorando presso Virginia Tech che studia l’intersezione tra tecnologie avanzate, etica e società, avverte, però, che le storie che potremmo raccontarci sull’America e sull’esplorazione dello spazio esterno possono tralasciare il contesto chiave.

Non è ancora chiaro, ad esempio, chi saranno i primi coloni su Marte nel pensiero di Musk. Astronauti della NASA? Amanti del brivido ultra ricchi? Dipendenti di SpaceX?
Questa posizione competitiva di espansione ed esplorazione non è necessariamente una cosa negativa“, ha detto Williams, che lavora anche con il gruppo Just Space Alliance. Ma quando si tratta di una società privata che utilizza risorse che i trattati internazionali dicono non appartengono a nessuno – “Chi è stato coinvolto e come? Chi è stato escluso e perché? Queste cose contano“.

L’uso da parte di Musk della parola “colonizzazione” coinvolge la lunga storia di americani e di altre nazioni occidentali che si sono arricchite sfruttando e schiavizzando gli altri. E quando si tratta di colonizzare un altro pianeta, non sono solo le forme di vita microbiche che possono esistere su Marte che dovrebbero essere preoccupate. Senza obiettivi e accordi chiaramente definiti, la colonia di SpaceX potrebbe creare una “sfera di conflitto controversa“, ha detto Williams.
I valori che portiamo con noi nell’esplorazione spaziale dovrebbero essere in primo piano e al centro“, ha aggiunto.

SpaceX non ha risposto alle richieste di commento sulle affermazioni di Williams.