Disco di Nebra: proviene dall’età del bronzo o dall’età del ferro?

Il disco di Nebra è un prezioso manufatto che rappresenta il cosmo e, secondo le tesi più accreditate, appartiene all'età del bronzo. Una coppia di archeologi tedeschi però dissente da questa teoria e ha presentato uno studio che lo colloca all'età del ferro

0
1523

Il disco di Nebra è una lastra in metallo con applicazioni in oro, che rappresenta la volta celeste. Secondo le tesi più accreditate, risale all’età del bronzo, ma quante certezze si hanno sulla reale possibilità che esso sia antico come il cielo che raffigura?

Pressoché rotondo, diametro di 32 centimetri, spessore di 4,5 millimetri al centro e 1,7 mm sul bordo, il disco pesa 2,3 chili. È fatto di bronzo ricavato da una lega di rame e stagno. Il colore originario dell’oggetto doveva essere il nero. Uno strato corrosivo di malachite, formatosi durante la permanenza del disco sotto terra, ha causato la colorazione verdastra che possiamo vedere oggi.

Le splendide applicazioni che rappresentano gli astri, sono fatte di lamina d’oro e hanno subito delle modifiche nel corso dei secoli. Accanto al disco furono sepolte spade di bronzo, frammenti di bracciali, due asce e uno scalpello. L’esame di questi oggetti suggerisce che il disco di Nebra sia stato deposto in loco intorno al 1600 a. C., mentre la sua fabbricazione risale al 2100 – 1700 a. C.

Una coppia di archeologi tedeschi, però, ha messo in discussione l’età e l’origine del disco: Rupert Gebhard, direttore della Collezione archeologica statale bavarese a Monaco, e Rüdiger Krause, professore di storia europea antica all’Università Goethe di Francoforte, ritengono che sia un manufatto dell’età del ferro, il che lo renderebbe circa 1.000 anni più giovane.

I due ricercatori sostengono anche che il disco sia stato molto probabilmente introdotto da saccheggiatori nel sito di Nebra, ma che in realtà provenisse da un’altra posizione non ben definita. Questo particolare, renderebbe l’oggetto non correlato agli altri reperti a cui è sempre stato associato sino ad oggi. Lo studio su questa singolare ipotesi è stato pubblicato sulla rivista Archäologische Informationen.

Consideriamo il disco come una singola scoperta, come un singolo artefatto, perché nulla si adatta ad esso nell’area circostante”, ha dichiarato Krause.

Il Museo statale della preistoria di Halle, in Germania, che espone il disco di Nebra, ha rilasciato un comunicato stampa dove dichiara apertamente che le teorie dei due archeologi sono completamente errate e facilmente confutabili: “L’errore più grande che si può commettere in uno studio è quello di non fare riferimento a tutti i dati disponibili”, ha detto Harald Meller, il direttore del museo, “Quello che hanno fatto questi colleghi è stato l’errore di basarsi solo su informazioni molto limitate che sembrano adattarsi alle loro teorie”.

Il dottor Gebhard e il dottor Krause hanno sollevato dubbi su diverse ipotesi precedenti riguardanti il ​​disco. Essi ritengono che il manufatto sia affiliato con gli elementi dell’età del bronzo in parte perché il suolo sugli oggetti indicava un periodo comune, ma lo studio utilizza elementi di giudizio contrastanti su tali valutazioni e sempre secondo la coppia di studiosi, alcune delle armi associate al disco potrebbero non risalire all’età del bronzo o provenire dallo stesso sito.

Il problema qui è che si tratta di un evento unico“, ha detto Alison Sheridan, ex presidente della Prehistoric Society, che non è coinvolta in nessuna delle due squadre. “Ecco perché la gente ha detto, forse è un falso.”

Emilia Pásztor, archeologa del museo Türr István in Ungheria che ha studiato il disco, ha osservato che il suo background proveniente dal mercato nero ha amplificato queste incertezze: “Il disco di Nebra, a causa delle circostanze della scoperta“, ha spiegato, “Appartiene a quei reperti archeologici che possono essere dibattuti per sempre fino a quando non sarà possibile trovare un metodo di datazione assoluta molto accurato per i metalli”.

È originale. Non è un falso“, ha ribadito il dottor Krause ,”Quello che si può ricavarne è una discussione scientifica molto interessante che mostra i varie ipotesi su come giudicare questo oggetto, sia nell’età del bronzo che nell’età del ferro.” A tal fine, il team del Dr. Meller intende pubblicare una confutazione del nuovo studio.