Complottismo: i veleni della Monsanto

La Monsanto, recentemente acquisita dalla Bayer, è tra i principali bersagli di alcune branche del complottismo e non solo, Seconda solo a Bigh Pharma nell'antipatia dei complottisti, questa multinazionale è accusata un po' di tutto contro l'ambiente e le persone ma, in linea generale, le accuse riguardano lo spregiudicato abuso di tecnologie genetiche e la produzione di sostanze tossiche per l'uomo e l'ambiente

0
1701

La Monsanto è una multinazionale fondata nel 1901 con uffici in 61 paesi. L’azienda chimica originaria, oggi produce semi ed erbicidi e dagli anni ’90 utilizza la biotecnologia per produrre colture geneticamente modificate. Prodotti ben noti sono varie varietà di mais transgenico e erbicidi ad ampio spettro con il principio attivo glifosato sotto il nome Roundup. La Monsanto è stata spesso criticata per il suo approccio estremamente orientato al profitto e talvolta disprezzante per le persone.

Bifenili policlorurati (PCB)

I PCB sono composti di cloro organico tossici e cancerogeni. Queste sono ora tra le dodici tossine organiche conosciute come la “sporca dozzina” che sono state bandite in tutto il mondo dalla Convenzione di Stoccolma del 22 maggio 2001. La contaminazione di un villaggio in Anniston Alabama da parte della Monsanto è stata tenuta segreta per decenni. Molte persone, principalmente afroamericane e altre minoranze, sono morte a causa della contaminazione.

Il PCB è noto per causare cancro, diabete, epatite e altre gravi malattie. La Monsanto ha persino ricevuto l’approvazione statale per seppellire i PCB ad Anniston. Lo stato sapeva degli effetti tossici dei PCB attraverso la Monsanto, ma non ha fatto nulla per la contaminazione e la sofferenza dei residenti. È stato solo quando gli avvocati hanno intrapreso un’azione legale contro la Monsanto che i documenti sono diventati pubblici, dimostrando che la Monsanto era ben consapevole degli effetti dei PCB. Nel 2001, 20.000 residenti di Anniston hanno intentato causa contro la Monsanto. La società e la sua controllata Solutia sono state, infine, condannate a pagare $ 700.000.000 di danni alle vittime, a decontaminare il sito e costruire un ospedale specializzato. Ma nessun dirigente della Monsanto è stato citato in giudizio.

Presunti documenti interni Monsanto:

Estratti dalla ricerca di Greenpeace sui PCB:


Il Roundup è il diserbante più utilizzato da giardinieri e agricoltori. Roundup è stato lanciato nel 1974 ed è stato un enorme successo perché Monsanto ha sempre assicurato che fosse biodegradabile e innocuo per l’ambiente. Di conseguenza, la Monsanto è stata condannata due volte per pubblicità ingannevole. La prima volta nel 1996 a New York, la seconda volta in Francia, nel 2006. I giudici hanno ritenuto che “Biodegradabile“, “Mantiene pulito il pavimento” e “Rispetta l’ambiente” fossero messaggi pubblicitari ingannevoli. Tanto più che uno studio interno della stessa Monsanto ha rilevato che dopo 28 giorni dall’uso avveniva un degrado biologico notevole. Per questo motivo la nota “biodegradabile” è recentemente scomparsa dalla confezione. Alcuni studi scientifici, tra cui quello del Prof. Robert Bellé, affermano che Roundup è persino tossico e può causare disfunzioni nella divisione cellulare.

 

 

 

 

Posilac (rBGH)

La Monsanto ha lanciato la somatotropina bovina prodotta con DNA ricombinante (rBST) con il nome del prodotto Posilac nel 1994. La produzione avviene da batteri geneticamente modificati. Questo ormone sintetizzato aumenta la produzione di latte fino al 20%. Nel 1985 la Monsanto ha presentato istanza presso la FDA (Food and Drug Administration degli Stati Uniti) per immettere il Posilac sul mercato. Il revisore della FDA dei record della Monsanto era Richard Burroughs.

Burroughs, in un’intervista, avrebbe affermato che i funzionari dell’autorità avevano rimosso e manipolato i dati. Non sono state poste domande cruciali sulle malattie. Soprattutto non sulla mastite, una malattia delle ghiandole mammarie. Quando sono stati presentati i primi dati e non erano disponibili informazioni sulla mastite, Richard Burroughs ha insistito per ottenerli. Ciò ha ritardato l’approvazione di circa 2-3 anni. Richard Burroughs è stato quindi ampiamente ignorato dalle autorità. Il suo capo ha nominato nuove persone a svolgere il suo incarico e Burroughs non ha mai visto quei dati. Non ha mai ricevuto risposta a nessuna delle sue domande sullo studio sulla mastite.

Poco tempo dopo, Burroughs è stato licenziato. Quando ha presentato una denuncia contro il suo licenziamento, ha ricevuto minacce dagli avvocati della Monsanto che affermavano: “Se divulgherà segreti commerciali dell’azienda in sua difesa, gli faremo causa“.

La mastite bovina è un’infiammazione della ghiandola mammaria che provoca cambiamenti nella composizione biochimica del latte e nel tessuto della ghiandola. Come effetto collaterale, l’infiammazione può produrre pus che finisce, durante la mungitura, per essere  rilasciato nel latte, provocando un maggiore uso di antibiotici come contromisura. Inoltre, i componenti ormonali e gli antibiotici vanno direttamente nel latte vaccino. L’ormone della crescita rBGH è vietato in Europa e Canada. Anche se il Canada segue principalmente la FDA nel prendere tali decisioni. Per quanto riguarda la decisione del Canada, ci sono vari sospetti di tentativi di corruzione contro la Monsanto attraverso gli informatori.

Fonti:

http://en.wikipedia.org/wiki/Roundup

http://en.wikipedia.org/wiki/Solutia

http://en.wikipedia.org/wiki/Rinder-Somatotropin

http://en.wikipedia.org/wiki/Food_and_Drug_Administration