Il ‘Mayflower’ guidato dall’IA attraverserà l’Atlantico nel 2021 – video

Questa settimana, un nuovo Mayflower ha debuttato nello stesso porto da cui partì la nave omonima che, nel 1620, trasportò i padri pellegrini fino a Cape Cod, negli attuali Stati Uniti, ma a differenza del suo predecessore, la nuova nave non ha equipaggio umano, passeggeri o capitano.

0
593

Il Mayflower, (fiore di maggio), fu la nave con la quale i padri pellegrini, salpati il 16 settembre 1620 da Plymouth (Inghilterra), raggiunsero gli attuali Stati Uniti a Cape Cod due mesi dopo, l’11 novembre, trasportando 102 passeggeri attraverso l’Atlantico in un viaggio storico. Questa settimana, un altro Mayflower ha debuttato nello stesso porto, ma a differenza del suo predecessore, la nuova nave non ha equipaggio umano, passeggeri o capitano, riferisce Jill Lawless per Associated Press. Creata dall’organizzazione di ricerca marina ProMare e dalla società tecnologica IBM, la moderna nave è pilotata interamente dall’intelligenza artificiale (AI). Presto si imbarcherà per Cape Cod, Massachusetts, spinto dal sole e dal vento mentre intraprende una spedizione di ricerca pionieristica.

Il varo della nave autonoma, originariamente previsto per celebrare il 400° anniversario della partenza dei padri pellegrini da Plymouth, è stato ritardato dalla pandemia. Originariamente prevista per completare il suo viaggio quest’anno, la Mayflower Autonomous Ship guidata dalla Intelligenza Artificiale subirà sei mesi di prove prima di tentare il viaggio transatlantico nella primavera del 2021. Mentre è in mare, i suoi strumenti studieranno il riscaldamento globale, l’inquinamento da microplastica e la conservazione dei mammiferi marini.

Andy Stanford-Clark, chief technology officer per IBM Regno Unito e Irlanda, ha spiegato, in un’intervista con Sam Shead della CNBC, che il capitano AI della nave si affida alla visione artificiale, al software di automazione e alla tecnologia Watson. Sebbene gli operatori umani stabiliscano la destinazione del Mayflower, l’AI è responsabile dell’identificazione del percorso migliore, determinato da fattori quali il traffico oceanico, le correnti e il tempo. Capace di scandagliare l’orizzonte alla ricerca di possibili pericoli, prendere decisioni informate e cambiare il suo percorso sulla base dell’analisi dei dati in tempo reale, la Mayflower Autonomous Ship ha più della barca moderna somiglianze con la sua omonima del XVII secolo, ha affermato Stanford-Clark.

Il viaggio della nave autonoma è una delle tante celebrazioni del 400° anniversario del Mayflower ritardate o alterate dalla pandemia Covid-19. In tutto il Regno Unito e gli Stati Uniti, anche le commemorazioni stanno subendo un cambiamento poiché molte organizzazioni cercano di includere la storia e le prospettive degli indigeni nel loro racconto dell’evento.

In una dichiarazione , Raphael Aiden Sacks, un discendente del membro dell’equipaggio del Mayflower John Alden, che ha contribuito al Mayflower Autonomous Ship Project, afferma: “Spero certamente che il Mayflower autonomo incarni il meglio del viaggio dei pellegrini e si lasci alle spalle il peggio. Come l’originale, la nuova nave rappresenta l’innovazione, questo nuovo Mayflower è destinato non solo a fare il viaggio in un modo senza precedenti, ma anche ad aiutare l’umanità a essere un po’ migliore, raccogliendo dati che in futuro faranno una differenza positiva per l’ambiente – senza togliere nulla chiunque altro.”