Ossido nitrico: un possibile trattamento per la COVID-19

La sostanza interessata è l'ossido nitrico (NO), un composto con proprietà antivirali che viene prodotto dall'organismo stesso. Lo studio è pubblicato sulla rivista Redox Biology

0
699

I ricercatori dell’Università di Uppsala hanno forse scoperto un modo efficace per trattare il coronavirus. utilizzato nell’epidemia di SARS del 2003, il trattamento funziona anche sul nuovo virus SARS-CoV-2 strettamente correlato e colpevole della pandemia COVID-19 in corso.

La sostanza interessata è l’ossido nitrico (NO), un composto con proprietà antivirali che viene prodotto dall’organismo stesso. Lo studio è pubblicato sulla rivista Redox Biology.

Per quanto ne sappiamo, l’ossido nitrico è l’unica sostanza che finora ha dimostrato di avere un effetto diretto sulla SARS-CoV-2″, afferma Åke Lundkvist, professore presso l’Università di Uppsala, che ha guidato lo studio.

Poiché non esiste ancora una cura efficace per la COVID-19, l’enfasi principale nei trattamenti testati è stata sull’alleviamento dei sintomi. Questo può abbreviare le degenze ospedaliere e ridurre la mortalità. Ad oggi, tuttavia, non è stato possibile dimostrare che nessuno di questi trattamenti abbia influenzato il virus reale dietro l’infezione.

L’ossido nitrico (NO) è un composto prodotto naturalmente nel corpo e agisce come un ormone nel controllo di vari organi. Regola, ad esempio, la tensione nei vasi sanguigni e il flusso sanguigno all’interno degli organi. Nell’insufficienza polmonare acuta, l’NO può essere somministrato come gas inalato, a basse concentrazioni, per aumentare il livello di saturazione dell’ossigeno nel sangue. Durante l’epidemia di coronavirus SARS (sindrome respiratoria acuta grave) del 2003, questa terapia è stata sperimentata con successo. Una delle ragioni principali dei risultati positivi è stata la diminuzione dell’infiammazione nei polmoni dei pazienti. La proprietà dell’ossido nitrico è quella di agire sia come antibatterico che come antivirale. Ed è proprio questo che interessa ai ricercatori.

Lo studio si basa su una scoperta sul coronavirus che ha causato la prima epidemia di SARS. Nel 2003, l’NO rilasciato dalla S-Nitroso-N-acetilpenicillamina (SNAP) ha dimostrato di avere un effetto antivirale distinto. I ricercatori dell’Università di Uppsala e del Karolinska Institute hanno ora studiato come il nuovo coronavirus coinvolto nell’attuale pandemia, SARS CoV-2, reagisce al composto. E SNAP ha anche dimostrato di avere un chiaro effetto antivirale su questo virus.

Fino a quando non avremo un vaccino che funzioni, la nostra speranza è che l’inalazione di NO possa essere una forma efficace di trattamento. Il dosaggio e la tempistica di inizio del trattamento probabilmente giocano un ruolo importante nel risultato e ora devono essere esplorati il ​​prima possibile “, afferma Åke Lundkvist.

Il gruppo di ricerca sta ora progettando di procedere con lo studio degli effetti antivirali dell’NO emesso sotto forma di gas. Per fare ciò, costruiranno un modello in laboratorio al fine di simulare in modo sicuro una forma di terapia concepibile per i pazienti.

Fonte: Scitechdaily