Tunguska, 1908: una nuova teoria spiega cosa potrebbe essere successo – video

Una nuova teoria spiega la misteriosa esplosione avvenuta a Tunguska, in Siberia, nel 1908. Secondo i ricercatori, la Terra avrebbe evitato per pochissimo una nuova tragedia simile all'evento che provocò l'estinzione dei dinosauri

0
14071

Intorno all’alba del 30 giugno 1908, un’imponente esplosione rase letteralmente al suolo intere foreste in una remota regione della Siberia orientale lungo il fiume Tunguska. Curiosamente, l’esplosione non lasciò alcun cratere, creando un mistero che ha lasciato perplessi gli scienziati da allora: cosa potrebbe aver causato un’esplosione così enorme senza lasciare residui di se stessa?

Daniil Khrennikov ed i suoi colleghi dell’Università Federale Siberiana, hanno pubblicato un nuovo modello dell’incidente che potrebbe finalmente risolvere il mistero. Khrennikov e colleghi dicono che l’esplosione sarebbe stata causata da un asteroide che ha sfiorato la Terra, entrando nell’atmosfera con un angolo basso per poi rimbalzare di nuovo nello spazio.

Noi sosteniamo che l’evento di Tunguska sia stato causato da un asteroide ferroso, che è passato attraverso l’atmosfera terrestre e ha continuato fino ad un’orbita quasi solare“, dicono. Se quanto sostenuto dagli scienziati russi fosse corretto, la teoria suggerisce che la Terra sia sfuggita per un pelo ad un disastro ancora più grande.

Tunguska

Gli scienziati hanno a lungo speculato sulla causa dell’impatto di Tunguska. Forse l’idea più discussa è che l’esplosione sia stata il risultato di un corpo ghiacciato, come una cometa, che è entrato nell’atmosfera. Il ghiaccio si è poi riscaldato rapidamente ed è evaporato in modo esplosivo a mezz’aria, ma senza mai toccare il suolo.

Poche prove

Una simile esplosione avrebbe potuto essere abbastanza potente da appiattire gli alberi senza lasciare un cratere. E avrebbe lasciato poche prove oltre al vapore nell’atmosfera.

Ma questa teoria non si adatta ad alcune delle altre prove. Ci furono solo una manciata di testimoni oculari dell’evento. Questi descrivono l’accaduto come se “il cielo si fosse diviso in due“, un’enorme esplosione e un incendio diffuso. Ma insieme, forniscono la prova che il dispositivo di simulazione ha percorso circa 700 km attraverso l’atmosfera prima dell’esplosione di quella mattina.

Tunguska
Alberi caduti a Tunguska nel 1927. Wikimedia Commons

Per capire cosa possa essere successo, Khrennikov e colleghi hanno simulato l’effetto di meteoriti fatti di roccia, metallo o ghiaccio, che si muovono attraverso l’atmosfera a una velocità di 20 chilometri al secondo (i meteoriti entrano nell’atmosfera con una velocità minima di 11 chilometri al secondo).

L’attrito con l’atmosfera riscalda immediatamente questi oggetti. Ma mentre il ferro vaporizza a circa 3000 gradi centigradi, l’acqua vaporizza a soli 100 gradi. Quindi i meteoriti ghiacciati non durano a lungo.

In effetti, Khrennikov e colleghi calcolano che un corpo ghiacciato abbastanza grande da causare un’esplosione così grande avrebbe viaggiato per non più di 300 chilometri attraverso l’atmosfera prima di vaporizzare completamente. Ciò suggerisce che il meteorite di Tunguska non avrebbe potuto essere fatto di ghiaccio.

Khrennikov e colleghi affermano, invece, che uno scenario diverso si adatta ai fatti. Secondo loro, l’esplosione deve essere stata causata da un meteorite di ferro delle dimensioni di uno stadio di calcio. Questo deve essere passato attraverso l’alta atmosfera, riscaldato rapidamente per poi tornare nello spazio. L’onda d’urto di questa traiettoria sarebbe stata ciò che ha appiattito gli alberi.

L’onda d’urto avrebbe causato un’esplosione della giusta intensità e qualsiasi ferro vaporizzato si sarebbe condensato in polvere indistinguibile al suolo. Fondamentalmente, questo scenario non avrebbe lasciato alcun residuo visibile dell’asteroide.

Potrebbe anche spiegare le segnalazioni di polvere nell’alta atmosfera in Europa dopo l’impatto.

Fortunata signorina

Se Khrennikov e colleghi hanno ragione, quella mattina la Terra è stata molto fortunata. Un impatto diretto con un asteroide largo 200 metri avrebbe devastato la Siberia, lasciando un cratere largo 3 chilometri. Avrebbe anche avuto effetti catastrofici sulla biosfera, forse ponendo fine alla civiltà moderna.

Alla fine, l’impatto di Tunguska pare abbia ucciso forse tre persone in tutto, ma questo solo perché la regione è così remota.

Chiaramente avrebbe potuto andare molto peggio.

Fonte: Astronomy.com