Il SARS CoV-2 sopravvive per 28 giorni in condizioni di laboratorio

La ricerca dell'agenzia australiana CSIRO ha rilevato che il virus è "estremamente robusto", riuscendo a sopravvivere per 28 giorni su superfici lisce come, ad esempio, il vetro che si trova sugli schermi dei telefoni cellulari e le banconote di plastica e di carta, se mantenuto a 20° C e al buio

0
704
nuovo-coronavirus

I risultati dell’agenzia scientifica nazionale australiana suggeriscono che SARS-Cov-2 può sopravvivere molto più a lungo di quanto pensato finora, tuttavia, l’esperimento dei ricercatori australiani si è svolto al buio mentre è già stato dimostrato che la luce UV uccide il virus.

Alcuni esperti hanno anche messo in dubbio l’effettiva minaccia rappresentata dalla possibile trasmissione del virus dalle superfici. Il nuovo coronavirus si trasmette principalmente quando le persone tossiscono, starnutiscono o parlano.

Ma ci sono anche prove che può anche essere diffuso da particelle sospese nell’aria. È anche possibile che qualcuno possa contrarre la Covid-19 toccando superfici infette come metallo o plastica, secondo i Centri statunitensi per il controllo delle malattie. Tuttavia, si ritiene che ciò sia molto meno comune.

Cosa dice lo studio?
Precedenti test di laboratorio hanno scoperto che SARS-Cov-2 può sopravvivere per due o tre giorni su banconote e vetro e fino a sei giorni su plastica e acciaio inossidabile , sebbene i risultati possano variare in base a diversi fattori.

La ricerca dell’agenzia australiana CSIRO ha rilevato che il virus è “estremamente robusto“, riuscendo a sopravvivere per 28 giorni su superfici lisce come, ad esempio, il vetro che si trova sugli schermi dei telefoni cellulari e le banconote di plastica e di carta, se mantenuto a 20° C e al buio.

In confronto, il virus dell’influenza può sopravvivere nelle stesse circostanze per 17 giorni.

Lo studio, pubblicato su Virology Journal, ha anche scoperto che SARS-Cov-2 è sopravvissuto per meno tempo a temperature più calde rispetto a temperature più basse; ha smesso di essere infettivo entro 24 ore a 40° C su alcune superfici. Inoltre è rimasto più a lungo su superfici lisce e non porose che su materiali porosi come i tessuti.

Il professor Ron Eccles, ex direttore del Common Cold Centre presso l’Università di Cardiff, ha criticato lo studio e ha detto che il suggerimento che il virus potrebbe sopravvivere per 28 giorni sta causando “paura inutile nel pubblico“.

I virus si diffondono sulle superfici attraverso il muco presente nella tosse e negli starnuti o sulle dita sporche e questo studio non ha utilizzato muco umano fresco come veicolo per diffondere il virus“, ha detto.

Il muco fresco è un ambiente ostile per i virus poiché contiene molti globuli bianchi che producono enzimi per distruggere i virus e può anche contenere anticorpi e altre sostanze chimiche che neutralizzano i virus.

Secondo me i virus infettivi persistono solo per ore nel muco sulle superfici anziché per giorni“.

In un documento pubblicato da Lancet a luglio, Emanuel Goldman, professore di microbiologia alla Rutgers University, sostiene che la possibilità di trasmissione attraverso superfici inanimate è molto piccola. A suo avviso, gli studi che suggeriscono un rischio significativo sono stati progettati con “poca somiglianza con scenari di vita reale“.

La scorsa settimana Monica Gandhi, professoressa di medicina presso l’Università della California, ha affermato che il coronavirus non si diffonde attraverso le superfici.

Covid-19 si diffonde principalmente attraverso l’aria. Gli studi hanno dimostrato che il virus può rimanere infettivo nelle particelle sospese nell’aria per più di tre ore. Ciò che è meno certo è il grado di diffusione su superfici come banconote e touchscreen.

Studi precedenti hanno valutato la sua capacità di sopravvivenza sull’acciaio inossidabile e i loro risultati sono variati notevolmente, variando da tre a 14 giorni a temperatura ambiente. Il nuovo studio ha esaminato per quanto tempo il virus potrebbe sopravvivere su vetro, carta e banconote in plastica e acciaio. Hanno scoperto di poterlo rilevare dopo 28 giorni su tutte queste superfici a 20° C, significativamente più a lungo di quanto indicato dagli studi precedenti.

Gli esperimenti, tuttavia, sono stati condotti in condizioni favorevoli ai virus – in una stanza buia con temperature e umidità stabili – quindi il virus potrebbe non funzionare così bene nel mondo reale.

Anche così, questi risultati evidenziano la necessità di lavarsi regolarmente le mani e il touchscreen e di evitare di toccarsi il viso per ridurre al minimo il rischio di infezione.

Stabilire per quanto tempo il virus rimane realmente vitale sulle superfici ci consente di prevedere e mitigare in modo più accurato la sua diffusione e di fare un lavoro migliore per proteggere la nostra gente“, ha affermato Larry Marshall, amministratore delegato di CSIRO.

Coronavirus: quello che c'è da sapere grafico con tre punti chiave: lavarsi le mani per 20 secondi; usa un fazzoletto per la tosse; evitare di toccarti il ​​viso

Gli autori dello studio hanno affermato che la capacità di SARS-Cov-2 di persistere sull’acciaio inossidabile a temperature più basse potrebbe spiegare le epidemie di Covid-19 negli impianti di lavorazione della carne e nelle celle frigorifere.

Migliaia di lavoratori sono risultati positivi negli stabilimenti di lavorazione della carne e nei macelli in tutto il mondo. Altri motivi precedentemente suggeriti includono condizioni di lavoro ravvicinate, ambienti freddi e umidi e la necessità di urlare a causa dei macchinari rumorosi.

I ricercatori del CSIRO affermano anche che i loro risultati supportano ricerche precedenti che suggerivano che il virus può sopravvivere su alimenti freschi e congelati.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma: “Al momento non vi è alcun caso confermato di Covid-19 trasmesso attraverso alimenti o imballaggi alimentari“. Ma elenca una serie di precauzioni da prendere per evitare la contaminazione.