Sintomi Covid: quali sono e come proteggersi

Ci sono tre sintomi principali del coronavirus. Se ne hai anche solo uno è opportuno fare un test. Ma vediamo quali sono questi sintomi e come ci si può proteggere

0
1463

Quali sono i sintomi?

  • Insorgenza di tosse continua : tossire molto per più di un’ora o avere tre o più episodi di tosse in 24 ore
  • Febbre : una temperatura superiore a 37,8 ° C.
  • Cambiamenti nell’olfatto o nel gusto: non sentire più odori e sapori, oppure questi sensi sono diversi dal normale.

Public Health England afferma che circa l’85% delle persone con Covid avrà almeno uno di questi sintomi.

Sintomi chiave del coronavirus: febbre alta, tosse, difficoltà respiratorie, perdita del gusto o dell'olfatto
Spazio bianco di presentazione

Se hai uno di questi sintomi dovresti fare un test il prima possibile e non uscire di casa per nessun altro motivo.

Chiunque con cui vivi, o che si trova nella tua bolla di supporto, dovrebbe anche autoisolarsi fino all’arrivo del risultato del test.

Ci vogliono in media cinque giorni dal momento in cui si è infettati per iniziare a mostrare i sintomi, ma l’Organizzazione mondiale della sanità afferma che possono essere necessari fino a 14 giorni.

Se il test è positivo, l’intera famiglia deve continuare a seguire le regole di autoisolamento.

Grafico che mostra come misurare la temperatura utilizzando diversi tipi di termometri
Spazio bianco di presentazione

La covid è uguale per tutti?

No. Il coronavirus può colpire più organi e presenta diversi sintomi meno comuni.

L’analisi dei dati effettuata su quattro milioni di persone permette di affermare che la Covid ha sei sottotipi.

I sintomi includono:

  • Simil-influenzali ma senza febbre: mal di testa, perdita dell’olfatto, dolori muscolari, tosse, mal di gola, dolore toracico, assenza di febbre
  • Simile all’influenza con febbre: mal di testa, perdita dell’olfatto, tosse, mal di gola, raucedine, febbre, perdita di appetito
  • Gastrointestinale: mal di testa, perdita dell’olfatto, perdita di appetito, diarrea, mal di gola, dolore al petto, assenza di tosse
  • Affaticamento (grave di livello uno): mal di testa, perdita dell’olfatto, tosse, febbre, raucedine, dolore toracico, affaticamento
  • Confusione (livello due grave): mal di testa, perdita dell’olfatto, perdita di appetito, tosse, febbre, raucedine, mal di gola, dolore toracico, affaticamento, confusione, dolore muscolare
  • Addominale e respiratorio (grave livello tre): mal di testa, perdita dell’olfatto, perdita di appetito, tosse, febbre, raucedine, mal di gola, dolore toracico, affaticamento, confusione, dolore muscolare, mancanza di respiro, diarrea, dolore addominale

I ricercatori sospettano anche che vomito, diarrea e crampi addominali potrebbero essere un segno di infezione da coronavirus nei bambini.

Se ho la tosse, è sicuramente Covid?

Molti altri virus hanno sintomi simili a Covid, inclusa l’influenza e altre infezioni. Questo sarà un problema particolare durante l’inverno quando queste patologie sono più comuni.

Secondo la sanità pubblica inglese, circa un terzo delle persone che presentano uno dei sintomi principali non è, in realtà, affetta da covid.

Tuttavia, dovrebbe bastare un sintomo per sottoporsi a un test.

Tabella dei sintomi

Cosa devo fare se ho la Covid?

Se il risultato del test è positivo, dovresti autoisolarti a casa per almeno 10 giorni dal momento in cui sono iniziati i sintomi.

Devi stare lontano dagli altri membri della tua famiglia, che devono isolarsi da soli per almeno 14 giorni.

La maggior parte delle persone non presenterà sintomi o ne mostrerà solo di lievi, che possono essere gestiti paracetamolo, riposo a letto e molti liquidi.

Non dovresti nemmeno andare in un ambulatorio medico, in farmacia o in ospedale ma è opportuno consultarsi telefonicamente con il medico di famiglia.

Grafico che mostra come una famiglia dovrebbe autoisolarsi nella stessa casa
Spazio bianco di presentazione

Quando è opportuno andare in ospedale?

Se ti senti gravemente malato dovresti chiamare il 112, soprattutto se ti senti il respiro corto, senza fiato e non riesci a dire più di poche parole per volta.

Se hai l’impressione che i tuoi sintomi stiano peggiorando, chiama il medico di base o il 112.

Il motivo principale per cui le persone devono ricorrere a cure ospedaliere è per difficoltà respiratorie; in quel caso avranno probabilmente bisogno supporto con ossigeno

I pazienti più gravemente ammalati potrebbero necessitare della ventilazione forzata.

Le persone anziane e quelle con condizioni mediche preesistenti (come asma, diabete, malattie cardiache, ipertensione) hanno maggiori probabilità di ammalarsi gravemente. Gli uomini corrono un rischio leggermente maggiore di morire a causa del virus rispetto alle donne.

Come mi proteggo?

Consulenza NHS
Spazio bianco di presentazione

La cosa migliore è lavarsi le mani spesso e accuratamente, preferibilmente con acqua e sapone.

Il coronavirus si diffonde quando una persona infetta tossisce o starnutisce piccole goccioline – piene di virus – nell’aria. Queste possono essere inalati oppure prese toccando con le mani una superficie infetta. Quindi è necessario evitare di toccarsi gli occhi, il naso e la bocca. In ambienti affollati o dove posso verificarsi assembramenti, l’uso della mascherina non solo è opportuno ma è obbligatorio, questo include anche trovarsi all’aperto in posti dove potrebbe non essere possibile osservare la distanza di sicurezza di un metro e mezzo dalle altre persone.

Visto che il virus si diffonde attraverso le goccioline che emettiamo quando tossiamo o starnutiamo, è necessario tossire e starnutire mettendo un fazzoletto davanti a bocca e naso.

Secondo l’OMS, molte persone potrebbero essere contagiose anche in assenza di sintomi. Il massimo livello di contagiosità si raggiunge nella fase in cui si è chiaramente sintomatici.

In tutta Italia l’uso delle mascherine è obbligatorio in tutti gli ambienti al chiuso ed è indicto di usarle anche in presenza di estranei nella propria casa.