Al via uno studio scientifico sugli UAP

Nell'agosto scorso la Marina ha istituito una Task Force sui fenomeni aerei non identificati o "UAP" per indagare sulla natura e l'origine di questi oggetti e determinare se rappresentano una minaccia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti

0
508

L’ammissione della Marina Militare USA ha certamente fatto discutere: alcuni video registrati da jet militari avrebbero immortalato degli oggetti volanti non identificati che compiono manovre incredibili. Inoltre a supporto dei video esistono testimonianze oculari di piloti e tecnici radar, gente addestrata a osservare mezzi aerei di ogni tipo.

Nell’Agosto scorso la Marina ha istituito una Task Force sui fenomeni aerei non identificati o “UAP” per indagare sulla natura e l’origine di questi oggetti e determinare se rappresentano una minaccia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Gli UAP osservati di recente sembrerebbero mostrare accelerazioni che vanno da quasi 100 G a migliaia di G, enormemente più alte di quanto un pilota addestrato potrebbe sopportare. Questi oggetti sembrano non avere propulsori tradizionali e non producono bang sonico. Per molti queste caratteristiche ricordano gli UFO. Tuttavia c’è chi chiede di indagare in maniera scientifica questi avvistamenti, utilizzando tutte le tecnologie possibili, anche i satelliti artificiali.

Philippe Ailleris è un project controller che opera al Centro di ricerca e tecnologia spaziale dell’ESA nei Paesi Bassi. È anche la forza principale dietro l’Unidentified Aerospace Phenomena Observations Reporting Scheme, un progetto per facilitare la raccolta di rapporti UAP da astronomi sia dilettanti che professionisti. Ailleris ha dichiarato a Space.com che è necessario avviare uno studio scientifico degli UAP e soprattutto serve raccogliere prove indiscutibili e scientifiche. Gli scienziati devono avere a disposizione dati oggettivi e di qualità. Ailleris ha aggiunto: “Nessuno sa dove e quando un UAP può apparire, da qui la difficoltà della ricerca scientifica in questo campo“.

Oggi abbiamo nuove tecnologie per quanto riguarda l’informatica e la comunicazione, strumenti e software aperti, cloud computing e intelligenza artificiale. Ailleris indica un altro potente strumento. “La posizione sopra le nostre teste dei satelliti è l’occasione perfetta per rilevare potenzialmente qualcosa”. Il lavoro nel settore spaziale ha portato Ailleris a ritenere che i satelliti civili per l’osservazione della Terra potessero essere utilizzati per dare la caccia gli UAP. Per ora segue una strada, attinge alle immagini gratuite raccolte dai satelliti Copernicus dell’Unione europea, an Earth-observing program coordinated and managed by the European Commission in partnership with ESA. Oggi esistono tanti satelliti che tengono sotto osservazione la Terra e questo lavoro non è più limitato alle principali potenze, ha spiegato Ailleris; anche attori privati ​​sono entrati in gioco per l’osservazione del pianeta .

Questa evoluzione stimolerà idee lungimiranti in diversi domini, inclusi argomenti controversi“, ha detto Ailleris. “E perché non il campo di ricerca UAP?”

Kevin Knuth, un ex scienziato dell‘Ames Research Center della NASA nella Silicon Valley della California, collabora con Ailleris allo studio degli UAP. Sono al lavoro sulle immagini satellitari per monitorare eventuali oggetti ignoti. Knuth è professore associato di fisica presso l’Università di Albany a New York.

“Stiamo cercando di utilizzare i satelliti per monitorare la regione dell’oceano a sud dell’isola di Catalina dove si sono verificati gli incontri Nimitz del 2004“, ha detto Knuth, riferendosi agli avvistamenti UAP riportati da piloti e operatori radar di stanza a bordo della portaerei USS Nimitz.

Quella zona sarà in futuro l’obiettivo di una spedizione UAP 2021 che Knuth e altri ricercatori stanno organizzando. L’obiettivo della spedizione è “Fornire prove scientifiche inattaccabili che gli oggetti UAP sono reali, gli oggetti UAP sono reperibili e gli oggetti UAP sono conoscibili”, secondo il sito web del progetto , che si chiama UAPx. Il team UAPx comprende veterani militari, fisici, ricercatori e osservatori addestrati che utilizzeranno attrezzature speciali per osservare qualsiasi potenziale UAP.

Speriamo di rilevare gli UAP, determinarne le caratteristiche, i modelli di volo e qualsiasi modello di attività che ci consentirà di studiarli in modo più efficace“, ha detto Knuth a Space.com. “Oltre a monitorare una regione per gli UAP, stiamo anche cercando di utilizzare i satelliti per ottenere conferme indipendenti di importanti avvistamenti UAP e per ottenere informazioni quantificabili su tali UAP”.

Ravi Kopparapu, scienziato planetario presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland, ha studiato l’abitabilità dei pianeti, i modelli climatici e la chimica nel contesto della caratterizzazione dell’atmosfera degli esopianeti. Considera i fenomeni UAP / UFO come un problema scientificamente interessante, guidato in parte da osservazioni che sembrano sfidare le leggi della fisica. Tuttavia Kopparapu non ritiene che dietro gli UAP ci sia qualcosa di alieno aggiungendo: “Questo perché non ci sono assolutamente prove concrete che io sappia che li indichi come extraterrestri”.

C’è un problema fondamentale che abbiamo in questo momento per studiare scientificamente UAP“, ha detto Kopparapu. “Non disponiamo di una raccolta dati adeguata di questo fenomeno che può essere condivisa tra scienziati interessati per verificare le affermazioni e filtrare eventi veramente inspiegabili”.

Gli UAP non sono visti di buon occhio se associati agli UFO o agli ET ha aggiunto Kopparapu. Questo impedisce un’indagine approfondita da parte della comunità scientifica. “Ritengo che la gente pensi immediatamente agli ‘alieni’ quando sentono parlare di UFO / UAP, e voglio che gli scienziati non ci caschino“, ha detto Kopparapu. “Sii rigorosamente agnostico e non lasciare che idee preconcette offuschino i giudizi. Abbi una mente aperta. Considera questo come un problema scientifico. Se si scopre che hanno spiegazioni banali, così sia“.

Kopparapu e colleghi che la pensano allo stesso modo stanno proponendo un approccio completamente imparziale e agnostico per studiare l’UAP, affermando: “Lascia che i dati ci portino a quello che sono”.

Fonte: https://www.space.com/unidentified-aerial-phenomena-scientific-scrutiny