Betelgeuse, uno studio afferma che è più piccola e vicina di quanto si credesse

Betelgeuse, che fa parte della costellazione di Orione, ha affascinato per lungo tempo gli scienziati. Tuttavia nei mesi tra la fine del 2019 e l'inizio del 2020 la gigante rossa si è comportata in modo particolare

0
10476

Un gruppo internazionale di ricercatori ha condotto uno studio sulla gigante rossa Betelgeuse. Il team ha affermato, in base ai dati raccolti, che potrebbero trascorrere altri 100.000 anni prima che la gigantesca stella si trasformi in una supernova.

Lo studio è stato condotto dal dottor Meridith Joyce dell’Australian National University (ANU), e oltre a offrire a Betelgeuse una nuova prospettiva di vita, afferma che la gigante rossa sia più vicina alla terra e più piccola di quanto ritenuto in precedenza.

Betelgeuse, che fa parte della costellazione di Orione, ha affascinato per lungo tempo gli scienziati. Tuttavia nei mesi tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020 la gigante rossa si è comportata in modo particolare.

Normalmente è una delle stelle più luminose del cielo, ma abbiamo osservato due cali di luminosità di Betelgeuse dalla fine del 2019“, ha ricordato il dottor Joyce. “Questo“, ha aggiunto, “ha indotto la speculazione che potrebbe essere sul punto di esplodere. Ma il nostro studio offre una spiegazione diversa“.

Sappiamo che il primo evento di oscuramento ha coinvolto una nuvola di polvere. Abbiamo scoperto che il secondo evento più piccolo era probabilmente dovuto alle pulsazioni della stella“.

I ricercatori hanno fatto ricorso a modelli idrodinamici e sismici per studiare la fisica dietro le pulsazioni di Betelgeuse e per capire meglio in che fase della sua esistenza si trova. Secondo il coautore, il dottor Shing-Chi Leung dell’Università di Tokyo, l’analisi “ha confermato che le onde di pressione, essenzialmente le onde sonore, erano la causa della pulsazione di Betelgeuse”.

Al momento sta bruciando elio nel suo nucleo, il che significa che non sta per esplodere“, ha spiegato il dottor Joyce. “Potremmo guardare a circa 100.000 anni prima che avvenga un’esplosione”.

Il coautore Dr. László Molnár dell’Osservatorio Konkoly di Budapest ha specificato che lo studio ha rivelato la grandezza e la distanza dalla terra di Betelgeuse.

L’effettiva dimensione fisica di Betelgeuse è stata un po ‘un mistero: studi precedenti suggerivano che potesse essere più grande dell’orbita di Giove. I nostri risultati dicono che Betelgeuse si estende solo fino a due terzi di quell’orbita, con un raggio 750 volte il raggio del sole“, ha spiegato il dottor Molnár che ha aggiunto: “Una volta ottenuta la dimensione fisica della stella, siamo stati in grado di determinare la distanza dalla Terra. I nostri risultati mostrano che si trova a soli 530 anni luce da noi, il 25% più vicino di quanto si pensasse”.

Ma non dobbiamo preoccuparci, Betelgeuse è ancora troppo lontana dalla Terra perché l’eventuale esplosione abbia un impatto significativo sul nostro pianeta e sulla vita.

È ancora un grosso problema quando una supernova si spegne. E questo è il nostro candidato più prossimo. Ci dà una rara opportunità di studiare cosa succede a stelle come questa prima che esplodano“, ha detto il dottor Joyce.

Lo studio è stato finanziato dal Kavli Institute for the Physics and Mathematics of the Universe (WPI), The University of Tokyo, e facilitato dal programma ANU Distinguished Visitor. Ha coinvolto ricercatori di Stati Uniti, Ungheria, Hong Kong e Regno Unito, nonché Australia e Giappone.

Fonte: https://phys.org/news/2020-10-supergiant-star-betelgeuse-smaller-closer.html