Potremmo aver trovato un modo di invertire l’invecchiamento

I ricercatori hanno utilizzato l'ossigenoterapia in una camera pressurizzata per invertire l'invecchiamento in due orologi biologici chiave. Lo studio ha mostrato un allungamento dei telomeri dei cromosomi e una diminuzione delle cellule senescenti

0
2946
camera iperbarica

La cura per l’invecchiamento è stata a lungo il Santo Graal della medicina. Le tecnologie emergenti, come lo strumento di editing genetico CRISPR, hanno aperto le porte a ciò che potrebbe essere possibile per il futuro della scienza medica. La chiave per rallentare l’invecchiamento, tuttavia, potrebbe risiedere in una tecnica semplice e antica.

Per la prima volta, gli scienziati israeliani hanno mostrato l’inversione dell’invecchiamento in due orologi biologici chiave negli esseri umani, somministrando ai pazienti l’ossigenoterapia in una camera pressurizzata. I risultati compaiono sulla rivista Aging.

Man mano che si invecchia e le cellule continuano a dividersi, le sequenze di DNA all’estremità dei cromosomi, chiamate telomeri, si accorciano gradualmente. Una volta che i telomeri diventano troppo corti, la cellula non può più replicarsi e alla fine muore. Questa non è necessariamente una cosa negativa.

L’accorciamento dei telomeri può impedire alle cellule cancerose canaglia di moltiplicarsi in modo incontrollabile, ma sfortunatamente questo processo di sicurezza ha come costo l’invecchiamento genetico. Queste cellule geriatriche che non possono più dividersi sono anche conosciute come cellule senescenti, che si accumulano durante la vita e si ritiene che siano una delle principali cause di invecchiamento .

È così che sconfiggeremo il cancro

In uno studio clinico, 35 adulti sani, di età pari o superiore a 64 anni, hanno ricevuto 60 sessioni di ossigenoterapia al giorno nel corso di tre mesi. Gli scienziati hanno raccolto i campioni di sangue dei soggetti prima del trattamento, dopo il primo e il secondo mese della sperimentazione e due settimane dopo la fine della sperimentazione. Nessuno dei pazienti ha avuto cambiamenti nello stile di vita, nella dieta o nei farmaci durante lo studio, eppure il loro esame del sangue ha mostrato aumenti significativi nella lunghezza dei telomeri delle loro cellule e una diminuzione del numero delle loro cellule senescenti.

Questa non è la prima volta che i medici mettono i pazienti in camere pressurizzate a ossigeno. L’ossigenoterapia iperbarica (HBOT) è stata utilizzata per quasi un secolo per trattare una serie di malattie, tra cui la malattia da decompressione nei subacquei di acque profonde e l’avvelenamento da monossido di carbonio.

La terapia prevede la respirazione di ossigeno puro in una camera pressurizzata, che fa saturare il sangue e i tessuti del corpo con l’ossigeno. Stranamente, questo può innescare effetti fisiologici simili che si verificano quando il tuo corpo è affamato di ossigeno, noto come ipossia. Sebbene ricerche precedenti dimostrino che questi effetti possono stimolare il cervello e aumentare le capacità cognitive, questo è il primo studio a dimostrare che la terapia può anche invertire l’invecchiamento.

Poiché l’accorciamento dei telomeri è considerato il ‘Santo Graal’ della biologia dell’invecchiamento, molti interventi farmacologici e ambientali sono stati ampiamente esplorati nella speranza di consentire l’allungamento dei telomeri“, ha detto il coautore dello studio Shai Efrati, professore presso la Sackler School of Medicine di Università di Tel Aviv.

Il significativo miglioramento della lunghezza dei telomeri mostrato durante e dopo questi protocolli HBOT unici, fornisce alla comunità scientifica una nuova base per comprendere che l’invecchiamento può essere mirato e invertito a livello cellulare-biologico di base“, Ha spiegato il ricercatore.

Anche questa non è la prima volta che gli scienziati affermano di essere riusciti ad invertire il processo di invecchiamento. In diversi studi, utilizzando farmaci come il danazolo, si è dimostrato l’allungamento dei telomeri. Inoltre, è stato dimostrato che i cambiamenti nello stile di vita, inclusi l’esercizio fisico e una dieta sana, hanno piccoli effetti sulla crescita dei telomeri.

Fino ad ora, gli interventi come le modifiche dello stile di vita e l’esercizio intenso hanno dimostrato di avere un effetto inibitorio sull’accorciamento della lunghezza dei telomeri previsto. Tuttavia, ciò che è notevole da notare nel nostro studio è che in soli tre mesi di HBOT, siamo stati in grado di raggiungere un allungamento dei telomeri significativo — a tassi ben al di là di qualsiasi intervento disponibile o modifica dello stile di vita“, ha spiegato nel comunicato stampa il coautore dello studio Amir Hadanny, neurochirurgo presso il Centro di medicina e ricerca iperbarica Sagol in Israele.

La terapia potrebbe essere un’alternativa economica a trattamenti più invasivi che utilizzano farmaci. Tuttavia, l’idea di trascorrere molte ore al giorno in una camera pressurizzata potrebbe non essere troppo allettante per i pazienti.