I dinosauri si stavano estinguendo prima della caduta dell’asteroide? Un nuovo studio riapre il dibattito

Secondo un nuovo studio, se non si fosse verificato l'impatto di un asteroide largo 10 chilometri circa 66 milioni di anni fa, i dinosauri avrebbero potuto continuare a dominare il pianeta

0
1648

Il pianeta Terra, per quanto ne sappiamo, è l’unico a possedere il dono della vita. Questo dono ha portato alla nascita di un numero enorme di esseri viventi, dalle forme più semplici fino a quelle più complesse. Nonostante la vita si evolva da miliardi di anni è qualcosa di molto fragile che può essere spazzata via in attimo. Basta un asteroide e anche un gruppo dominante di animali può essere cancellato dalla faccia del pianeta.

Secondo un nuovo studio, se non si fosse verificato l’impatto di un asteroide largo 10 chilometri circa 66 milioni di anni fa, i dinosauri avrebbero potuto continuare a dominare il pianeta. I risultati sono gli ultimi di un lungo e prolungato dibattito sull’estinzione dei dinosauri non aviari. La caduta dell’asteroide a Chicxulub e le conseguenze del suo impatto che avrebbero bloccato la luce del Sole e portato a un raffreddamento climatico globale, sono considerati i primi candidati per il massiccio evento di estinzione del Cretaceo. Recenti prove suggeriscono che alcune specie di dinosauri erano già in declino da decine di milioni di anni prima.

Gli autori del documento affermano che esistono prove schiaccianti del declino di tutti e tre i principali gruppi di dinosauri, anche se tra i paleontologi non tutti sostengono che le prove siano cosi chiare. In effetti, la questione è ancora estremamente controversa. Sono trascorsi molti anni da quando questa idea è stata avanzata per la prima volta, e molte altre linee di ricerca sono entrate in disaccordo con le sue conclusioni, non necessariamente con i dati stessi, ma con le interpretazioni tratte.

Le lacune nei fossili dei dinosauri e gli errori di campionamento indicano che potremmo essere sotto il campionamento di alcuni dinosauri del Cretaceo, sovrastimandone invece la presenza di altri.

“Studi precedenti condotti da altri hanno utilizzato vari metodi per trarre la conclusione che i dinosauri sarebbero comunque morti, poiché erano in declino verso la fine del periodo Cretaceo”, spiega il paleontologo Joe Bonsor dell’Università di Bath.

“Tuttavia, dimostriamo che se si espande il set di dati per includere alberi genealogici di dinosauri più recenti e una serie più ampia di tipi di dinosauri, i risultati in realtà non indicano tutti questa conclusione, in realtà solo circa la metà di loro lo fa”.

Il team invece di contare semplicemente il numero di specie di dinosauri presenti in quel momento utilizzando i reperti fossili, ha utilizzato invece metodi statistici per esaminare il tasso di speciazione all’interno delle famiglie. Analizzando migliaia di combinazioni di alberi genealogici in 12 famiglie di dinosauri, i ricercatori hanno testato se la diversificazione delle specie stesse rallentando, restando invariata o accelerando prima dell’impatto dell’asteroide, un’indicazione che potrebbe dirci quanto velocemente i dinosauri estinti vengono sostituiti con nuovi dinosauri.

Di tutti i 2.727 modelli di speciazione, solo 518 (meno del 20%) hanno mostrato inequivocabilmente un declino prima dell’impatto dell’asteroide. Anche quando gli autori consideravano quelli al confine tra declino terminale e nessun declino, si sono imbattuti in poco più della metà dei modelli che sosterrebbero un’estinzione più prolungata. Pertanto, il team afferma di essere scettico sulla teoria dell’estinzione terminale, suggerendo invece che la diversità dei dinosauri sarebbe rimasta elevata durante il tardo Cretaceo, anche se la ricchezza delle specie variava tra i rami.

“Il punto principale del nostro articolo è che non è semplice come guardare alcuni alberi e prendere una decisione. I grandi inevitabili pregiudizi nella documentazione sui fossili e la mancanza di dati possono spesso mostrare un declino delle specie, ma questo potrebbe non esserlo, ed essere un riflesso della realtà in quel momento”, dice Bonsor. “I nostri dati attualmente non mostrano che fossero in declino, infatti alcuni gruppi come adrosauri e ceratopsiani stavano prosperando e non ci sono prove che suggeriscano che sarebbero morti 66 milioni di anni fa se l’evento di estinzione non si fosse verificato”.

I risultati sono supportati da un altro studio recente, che ha scoperto che gli habitat dei dinosauri nordamericani non sono diminuiti durante il tardo Cretaceo. Gli affioramenti fossili per questa regione sono pochi, il che significa che probabilmente stiamo campionando l’area e sottostimando la sua ricchezza di specie. Errori di campionamento sistemici come questo sono diffusi in paleontologia e, in una certa misura, inevitabili. Ma fare affidamento sulla ricchezza delle specie rispetto al numero totale di specie comporta anche dei limiti.

Potrebbe non esistere alcuna correlazione tra i tassi di speciazione nell’evoluzione e nell’estinzione dei dinosauri. È un’ipotesi che stiamo facendo col senno di poi.

“Potremmo non conoscere mai i veri livelli di speciazione ed estinzione dei dinosauri mesozoici”, ammettono gli autori del nuovo articolo , “ma una maggiore attenzione nel colmare le lacune nella documentazione fossile sarà il modo principale in cui i paleontologi continueranno a costruire un un’immagine più accurata della diversità dei dinosauri del passato”.

Il nuovo documento sottolinea ancora una volta le numerose lacune e pregiudizi nella nostra conoscenza e gli autori chiedono una ricerca continua che sia dettagliata, controllata a livello regionale e ben distribuita nel tempo per ricreare la storia più coerente possibile.

Fonte: https://www.sciencealert.com/a-new-look-at-dinosaur-diversity-suggests-they-were-going-strong-before-the-asteroid-struck