Stazionare sulla Luna? Le risorse del satellite potrebbero essere poche 

Non esiste una legge per regolamentare chi può utilizzare le risorse lunari e ci sono un numero significativo di agenzie spaziali e altre nel settore privato che mirano ad atterrare sulla luna entro i prossimi cinque anni

Entro pochi anni l’uomo rimetterà piede sulla Luna. La NASA e altre agenzie spaziali stanno lavorando per attuare il grande progetto. La chiave di questo piano è lo sviluppo dell’infrastruttura necessaria per supportare un programma sostenibile di esplorazione e ricerca con equipaggio. Il settore spaziale commerciale spera anche di creare turismo lunare e miniere lunari, estraendo e vendendo alcune delle vaste risorse della Luna sul mercato aperto.

Secondo un team internazionale di scienziati guidato dall’Harvard & Smithsonian Center for Astrophysics (CfA), potrebbero non esserci risorse sufficienti sulla Luna per andare in giro. Senza alcune politiche e accordi internazionali chiari in atto per determinare chi può rivendicare cosa e dove, la Luna potrebbe rapidamente diventare sovraffollata, sovraccaricata e privata delle sue risorse.

Conflitto per le risorse lunari

Il team è composto da Martin Elvis, un astronomo CfA che ha guidato lo studio, così come Alanna Krolikowski (Missouri University of Science and Technology) e Tony Milligan (King’s College London). Il documento che descrive le loro scoperte è apparso di recente in “Philosophical Transactions of the Royal Society A” ed è intitolato “Risorse lunari concentrate: implicazioni imminenti per il governo e la giustizia“.

Come ha spiegato il dottor Elvis, lui e i suoi colleghi erano motivati riguardo all’esplorazione lunare: “Molte persone pensano allo spazio come a un luogo di pace e armonia tra le nazioni. Il problema è che non esiste una legge per regolamentare chi può utilizzare le risorse e ci sono un numero significativo di agenzie spaziali e altre nel settore privato che mirano ad atterrare sulla luna entro i prossimi cinque anni. Abbiamo esaminato tutte le mappe della Luna che abbiamo trovato e abbiamo scoperto che non molti luoghi avevano risorse di interesse e quelli che lo avevano erano molto piccoli. Ciò crea molto spazio per il conflitto su determinate risorse“.

Attualmente sono già in vigore trattati per il governo delle attività nello spazio. Ad esempio, c’è il “Trattato sullo spazio esterno” che è stato firmato nel 1967 dagli Stati Uniti, dall’Unione Sovietica e dal Regno Unito e da allora è stato ratificato da un totale di 110 nazioni. Oltre a vietare la sperimentazione e il dispiegamento di armi nucleari nello spazio, questo trattato proibisce alle nazioni di rivendicare la sovranità sui corpi celesti.

Gli “Accordi di Artemis

Poi ci sono i più recenti “Accordi di Artemis” che ribadiscono l’impegno dei partecipanti a coordinarsi e informarsi a vicenda delle loro attività sulla Luna. Tuttavia, né il Trattato sullo spazio esterno né gli Accordi di Artemis vietano a società o individui privati ​​di dichiarare la proprietà di oggetti celesti, lasciando la porta aperta per cose come la prospezione di asteroidi e l’estrazione mineraria e l’estrazione lunare.

Al momento, le discussioni si sono concentrate sulle attività scientifiche rispetto alle attività commerciali sulla Luna e sulle regole su chi può estrarre risorse da dove. Molto di questo deriva dal fatto che le agenzie spaziali e gli interessi commerciali sperano di raccogliere risorse a livello locale, utilizzo delle risorse in situ (ISRU), al fine di soddisfare le loro esigenze in modo conveniente.

Cosa servirà sulla Luna

Come ha spiegato Elvis: “Nessuno vuole portare risorse per il supporto alla missione dalla Terra, sperando di gran lunga ottenerle dalla Luna. Il ferro è importante se si deve costruire qualcosa sulla luna e sarebbe assurdamente costoso trasportarlo dalla Terra. C’è ovviamente bisogno di acqua per sopravvivere e per coltivare cibo,inoltre serve ossigeno per respirare e idrogeno per carburante“.

L’interesse per le risorse lunari e le preoccupazioni sull’appropriazione risalgono ai primi giorni della Corsa allo spazio. Durante l’era Apollo, sono state condotte ricerche approfondite che hanno esplorato la disponibilità di risorse come acqua, ferro ed elio. Più recentemente, la ricerca si è concentrata sull’accesso continuo all’energia solare, depositi di ghiaccio d’acqua e possibilmente composti volatili in aree permanentemente ombreggiate sulla Luna.

L’interesse per la luna come luogo per l’estrazione di risorse non è nuovo. Un ampio corpo di ricerca risalente al programma Apollo ha esplorato la disponibilità di risorse come elio, acqua e ferro, con ricerche più recenti incentrate sull’accesso continuo all’energia solare, trappole fredde e depositi di acqua ghiacciata e persino sostanze volatili che possono esistono in aree ombreggiate sulla superficie della luna.

Bisogna mappare i punti caldi delle risorse

Secondo Milligan, ricercatore senior del Cosmological Visionaries Project al King’s College di Londra, la questione delle risorse non affronta il problema reale. “Il problema più grande è che tutti puntano agli stessi siti e risorse: stati, aziende private, tutti. Ma sono siti e risorse limitati. Non abbiamo una seconda luna su cui spostarci. Questo è tutto ciò con cui dobbiamo lavorare”, ha detto.

C’è anche il rischio che questi siti e le loro risorse siano più limitati di quanto si creda attualmente. Per questo motivo, gli scienziati sono ansiosi di tornare sulla Luna per avere un quadro più chiaro della disponibilità delle risorse prima che qualcuno inizi a cercare ed estrarre qualsiasi cosa.

Secondo Elvis bisognerebbe tornare indietro e mappare i punti caldi delle risorse con una risoluzione migliore. In questo momento, al massimo ci sono solo pochi chilometri. Infatti se le risorse sono tutte contenute in un’area più piccola, il problema non farà che peggiorare. Se invece si riuscisse a mappare gli spazi più piccoli, ciò influenzerà il processo decisionale, consentirà la condivisione delle informazioni e aiuterà tutti a giocare bene in modo da evitare conflitti.

Le attività sulla Luna devono essere coerenti con il diritto internazionale

In questo momento, la sfida principale per i responsabili politici sarà quella di caratterizzare le risorse in gioco in ogni singolo sito ed è chiaro che sono necessarie ulteriori ricerche per informare la politica. Ma secondo Krolikowski, assistente professore di scienza e politica tecnologica presso Missouri S&T, esiste già una base concettuale che potrebbe portare a un regime legale completo.

Ad esempio, il Trattato sullo spazio esterno e gli accordi di Artemide sottolineano che le attività sulla Luna devono essere coerenti con il diritto internazionale. Ritengono inoltre i firmatari responsabili delle attività di terzi nelle aree in cui hanno giurisdizione. Oltre a ciò, è necessario affrontare innumerevoli questioni legali, ma sono in corso sforzi per assicurarsi che ciò avvenga prima di qualsiasi insediamento lunare.

Esistono organizzazioni come la Space Court Foundation (SCF), un’organizzazione no profit nel campo dell’istruzione, fondata da studiosi di diritto ed esperti spaziali, dedita a promuovere una conversazione sul dominio in evoluzione, noto come “legge spaziale“. La Fondazione sta anche creando un archivio in cui è possibile trovare la documentazione pertinente e la versione più aggiornata delle leggi spaziali.

Sviluppare strategie per prevenire il sovraffollamento

Secondo Krolikowski, un altro passo che deve essere fatto è convocare le parti che cercheranno attivamente i siti di risorse identificati entro il prossimo decennio. Tra le questioni più importanti che devono essere affrontate c’è l’avversione alla perdita, in cui è possibile sviluppare strategie per prevenire il sovraffollamento, le interferenze e altri scenari peggiori nei singoli siti.

Inoltre, è possibile fornire approfondimenti esaminando la ricerca su siti comparabili sulla Terra. “Esempi analoghi sulla Terra indicano meccanismi per gestire queste sfide. Risorse comuni sul pianeta, risorse sulle quali nessun singolo atto può rivendicare giurisdizione o proprietà, offrono spunti da raccogliere. Alcuni di questi sono di scala globale, come l’alto mare, mentre altri sono locali come stock ittici o laghi a cui condividono l’accesso diverse piccole comunità“, ha dichiarato Krolikowski.

Creazione di un avamposto umano permanente sulla Luna

Finora, più agenzie spaziali hanno annunciato piani per la creazione di un avamposto umano permanente sulla Luna, tra cui la NASA, l’Agenzia spaziale europea (ESA), la China National Space Administration (CNSA), Roscomos e l’Agenzia giapponese per l’esplorazione aerospaziale (JAXA). Ci sono anche numerosi piani per creare basi che consentano il turismo lunare e altre iniziative commerciali.

Per ciascuno di questi piani, i siti devono essere esplorati con largo anticipo per determinare se hanno il giusto equilibrio di risorse. Questi non sono solo necessari per costruire e mantenere le strutture necessarie, ma assicurano che possano soddisfare le esigenze dei loro occupanti in modo sostenibile. Ma con siti e risorse limitate con cui lavorare, sarà necessario attuare procedure per garantire che non si finisca per litigare per ciò che c’è.

Solo un’altra sfida che deve essere affrontata prima che l’umanità possa piantare di nuovo i suoi stivali e le sue bandiere sulla Luna. Ma il lato positivo è che questo mostra quanto siamo vicini a diventare una “civiltà interplanetaria. Il fatto che siamo in questa fase in cui dobbiamo considerare come risolvere le controversie legali e territoriali sulla Luna mostra quanto siamo vicini a tornare lì per restare.

Fonte: https://www.universetoday.com/148903/the-moon-has-resources-but-not-enough-to-go-around/