Svelato il mistero dell’erosione della luna di Marte Phobos

La piccola luna marziana Phobos è sottoposta a una situazione particolare: è così vicina a Marte che non solo il vento solare ma anche l'irradiazione delle particelle provenienti da Marte giocano un ruolo decisivo

Quali sono le cause dell’erosione di Phobos? Grazie allo studio condotto dai ricercatori del Vienna University of Technology abbiamo nuove intuizioni che verranno testate quando un veicolo spaziale recupererà campioni del suolo della piccola luna di Marte.

Il suolo di pianeti e lune può essere “alterato” nel vuoto dello spazio se è costantemente bombardato da particelle ad alta energia, come quelle emesse dal Sole. La piccola luna marziana Phobos è sottoposta a una situazione particolare: è così vicina a Marte che non solo il vento solare ma anche l’irradiazione delle particelle provenienti da Marte giocano un ruolo decisivo. Un gruppo di ricerca della TU Wien ha misurato questo bombardamento simulandolo in esperimenti di laboratorio. Tra pochi anni, una missione spaziale giapponese prenderà campioni di suolo da Phobos e li riporterà sulla Terra.

“Ci sono diverse teorie su come la luna di Marte Phobos potrebbe essersi formata”, dice Paul Szabo, che sta lavorando alla sua tesi di dottorato nel gruppo di ricerca del Prof. Friedrich Aumayr presso l’Istituto di Fisica Applicata della TU Wien“È possibile che Phobos fosse originariamente un asteroide che è stato poi catturato da Marte, ma potrebbe anche essere stato creato da una collisione di Marte con un altro grande oggetto”.

Quando si studiano questi oggetti celesti, si deve sempre tenere presente che le loro superfici sono state completamente modificate nel corso di miliardi di anni dal bombardamento delle particelle cosmiche. La superficie della Terra rimane inalterata, perché l’atmosfera la protegge dalla furia delle particelle. Tuttavia, la geologia dei corpi celesti privi di atmosfera, come la nostra Luna o Phobos, può essere compresa solo se è possibile valutare correttamente “l’alterazione spaziale”.

Pertanto, sono stati condotti esperimenti elaborati al TU Wien: “Abbiamo usato un minerale che si trova su Phobos e lo abbiamo bombardato in una camere a vuoto con diverse particelle cariche”, spiega Paul Szabo. “Usando una bilancia estremamente precisa, possiamo misurare quanto materiale viene rimosso nel processo e quanto ogni particella influisce sulla superficie.

Le proprietà speciali di Phobos devono essere prese in considerazione: la sua distanza dalla superficie di Marte è inferiore a 6000 km, nemmeno il due percento della distanza tra la nostra Luna e la Terra. Proprio come la nostra Luna, rivolge lo stesso emisfero a Marte.

“A causa della distanza estremamente ridotta tra Marte e Phobos, non solo le particelle emesse dal Sole svolgono un ruolo sulla superficie di Phobos, ma anche le particelle di Marte”, afferma Paul Szabo. L’atmosfera marziana è costituita principalmente da anidride carbonica. Ma nelle regioni esterne dell’atmosfera è presente una certa quantità di ossigeno. Quando le particelle del vento solare vi penetrano, si possono creare ioni di ossigeno, che poi colpiscono Phobos ad alta velocità alterando il materiale della superficie.

“Con i nostri metodi di misurazione siamo stati in grado di stimare l’erosione di Phobos in modo molto più accurato di quanto fosse possibile in precedenza”, afferma Friedrich Aumayr“I nostri risultati mostrano che l’effetto degli ioni di ossigeno dall’atmosfera marziana non può essere trascurato. È anche importante distinguere tra i due lati di Phobos: mentre il vento solare causa gli agenti atmosferici sul lato opposto a Marte, il bombardamento dall’atmosfera marziana domina sull’altro lato, quando il Sole è schermato da Marte”.

Queste considerazioni potrebbero presto svolgere un ruolo importante nella valutazione di campioni provenienti da Phobos: Nel 2024, una navicella spaziale dovrebbe raggiungere Phobos come parte della missione spaziale giapponese MMX (Martian Moon eXploration) e riportare campioni di suolo sulla Terra.

Fonte: https://scitechdaily.com/unraveling-the-mystery-of-the-mars-moon-phobos-with-laboratory-experiments/