Un astronomo ha cercato nell’universo un messaggio dal suo creatore

Due fisici teorici hanno suggerito che se l'universo fosse stato creato da una qualche entità, questa avrebbe potuto inserire un messaggio nella radiazione cosmica di fondo, impresso quando la luce si disaccoppiò per la prima volta dalla materia

29680

L’universo è un luogo misterioso. Abbiamo da pochi anni una vaga idea del perché esiste, anche se molte domande rimangono ancora senza risposta. Cosa succederebbe se scoprissimo che la sua esistenza sia stata decisa da una qualche entità intelligente? Potremo in qualche modo scoprirlo?

Nel 2005 due fisici teorici hanno suggerito che se l’universo fosse stato creato da una qualche entità, questa avrebbe potuto inserire un messaggio nella radiazione cosmica di fondo, impresso quando la luce si disaccoppiò per la prima volta dalla materia, per irradiarsi attraverso lo spazio. Questa luce oggi è chiamata fondo cosmico a microonde (CMB).

Ora, l’astrofisico Michael Hippke dell’Osservatorio Sonneberg in Germania e del progetto Breakthrough Listen si è messo a cercare questo messaggio, traducendo le variazioni di temperatura nella CMB in un bitstream binario. Ciò che ha scoperto sembra essere completamente privo di significato.

Il documento di Hippke che descrive i suoi metodi e le sue scoperte è stato caricato sul server di pre-stampa arXiv, (e quindi deve ancora essere sottoposto a peer review); il lavoro include il bitstream che ha estratto dalla radiazione cosmica in modo che altre parti interessate possano studiarlo.

Lo sfondo cosmico a microonde è una reliquia incredibilmente utile dell’universo primordiale. Risale a circa 380.000 anni dopo il Big Bang. Prima di quell’epoca, l’Universo era opaco alle radiazioni, così caldo e denso che gli atomi non potevano esistere e le particelle elementari esistevano sotto forma di plasma ionizzato.

Mentre l’universo si raffreddava e si espandeva, quelle particelle si combinarono in atomi di idrogeno ed elio neutri in quella che chiamiamo l’epoca della ricombinazione. Lo spazio divenne trasparente e la luce ha potuto iniziare a viaggiare liberamente per la prima volta.

Quella prima luce è ancora oggi rilevabile dai nostri strumenti, anche se molto debolmente, inonda tutto lo spazio conosciuto. Questa radiazione è chiamata CMB. Poiché l’Universo primordiale non era uniforme, le variazioni di densità all’epoca della ricombinazione si manifestano oggi in leggerissime fluttuazioni nella temperatura della CMB.

A causa di questa ubiquità, i fisici teorici Stephen Hsu dell‘Università dell’OregonAnthony Zee dell’Università della California, Santa Barbara hanno sostenuto, del tutto teoricamente, che la CMB sarebbe il luogo perfetto dove inserire un messaggio visibile a tutte civiltà tecnologiche sviluppate dell’universo.

“Il nostro lavoro non supporta in alcun modo il movimento del design intelligente”hanno scritto nel loro articolo del 2006 , “ma chiede, e tenta di rispondere, alla domanda scientifica di quale potrebbero essere il mezzo e il messaggio “SE” ci fosse effettivamente un messaggio “.

I due fisici teorici hanno spiegato che un messaggio binario potrebbe essere inserito nelle variazioni di temperatura nella CMB. Questo è ciò che Hippke ha tentato di scoprire: prima affrontando le affermazioni fatte da Hsu e Zee, e poi utilizzando i dati raccolti per cercare di trovare un messaggio.

“Le supposizioni [di Hsu e Zee] erano, in primo luogo, che un qualche Essere superiore avesse creato l’Universo. Secondo, che il Creatore volesse effettivamente informare eventuali esseri intelligenti che l’Universo è stato creato intenzionalmente”, ha scritto Hippke .

“Allora, la domanda è: come manderebbero un messaggio? Il CMB è la scelta più ovvia, perché è il più grande cartellone pubblicitario del cielo ed è visibile a tutte le civiltà tecnologiche. Hsu e Zee continuano a sostenere che un messaggio nel CMB sarebbe identico a tutti gli osservatori nello spazio e nel tempo e che il contenuto delle informazioni può essere ragionevolmente grande (migliaia di bit) “.

Hippke ha scoperto che queste affermazioni presentano diversi problemi. Il primo è che la CMB si sta ancora raffreddando. È partita da una temperatura di circa 3.000 Kelvin; ora, 13,4 miliardi di anni dopo, è scesa a 2,7 Kelvin. Mentre l’Universo continua a invecchiare, alla fine il CMB diventerà non rilevabile. Potrebbero essere necessari altri 10 duodecilioni di anni (10 40 ), ma il CMB svanirà del tutto.

Tenendo presente questo, i fisici hanno scoperto nel 2006 , in risposta al documento di Hsu e Zee, che è estremamente improbabile che il CMB appaia esattamente lo stesso nel cielo a diversi osservatori posti in luoghi diversi. Inoltre, sostiene Hippke, non possiamo vedere l’intera CMB a causa dell’emissione dalla Via Lattea. E abbiamo solo un cielo da misurare, che presenta un’incertezza statistica intrinseca in ogni osservazione cosmologica che facciamo.

Sulla base di questi vincoli, Hippke stima che il contenuto delle informazioni sarebbe molto inferiore a quello proposto da Hsu e Zee: solo 1.000 bit. Questo gli ha fornito una buona struttura per la ricerca effettiva del messaggio.

Il satellite Planck e la Wilkinson Microwave Anisotropy Probe (WMAP) hanno entrambi osservato e registrato le fluttuazioni di temperatura nella CMB. È stato da questi set di dati che Hippke ha estratto i bit, confrontando i risultati di ciascun set per trovare i bit corrispondenti.

I primi 500 bit del messaggio sono illustrati di seguito. I valori in nero erano identici sia nei set di dati Planck che in quelli WMAP e si ritiene che siano accurati con una probabilità del 90%. I valori in rosso deviano; Hippke ha scelto i valori di Planck e sono accurati solo con il 60% di probabilità.

Cambiare i valori tuttavia non ha migliorato la situazione. La ricerca nell’Enciclopedia on line delle sequenze intere non ha prodotto risultati convincenti, né lo spostamento dei dati per approssimare il futuro infinito.

“Non trovo alcun messaggio significativo nel flusso di bit”, ha scritto Hippke .

“Possiamo concludere che non esiste un messaggio ovvio nelle CMB. Tuttavia non è chiaro se esista un Creatore, se viviamo in una simulazione o se il messaggio è stampato correttamente nella sezione precedente, ma non riusciamo per capirlo”.

Indipendentemente dal fatto che una di queste opzioni sia valida o meno, la CMB ha molto altro da dirci, come è stato notato in una risposta del 2005 a Hsu e Zee.

“Il cielo CMB codifica una grande quantità di informazioni sulla struttura del cosmo e forse sulla natura della fisica ai più alti livelli di energia”, hanno scritto i fisici Douglas Scott e James Zibin della University of British Columbia.

“L’Universo ci ha lasciato un messaggio tutto suo”.