L’ex capo del programma spaziale israeliano svela: siamo in contatto con una federazione aliena

Gli alieni avrebbero raggiunto un accordo con il governo degli Stati Uniti per mantenere il segreto sugli esperimenti che conducono sulla Terra. Questa scottante e poco fantasiosa dichiarazione è comparsa in un'intervista rilasciata dall'ex capo del programma spaziale israeliano Haim Eshed

La verità potrebbe essere là fuori, proprio come la storia che stiamo per raccontarvi, una storia “fuori”. Un racconto che coinvolge alieni, militari, un ex capo di un programma spaziale e tanto altro ancora.

Gli alieni avrebbero raggiunto un accordo con il governo degli Stati Uniti per mantenere il segreto sugli esperimenti che conducono sulla Terra, così come sulla loro base segreta su Marte. Il segreto non verrà svelato fino al giorno in cui l’umanità non sarà pronta ad accettarli. Questa scottante e poco fantasiosa dichiarazione è comparsa in un’intervista rilasciata dall’ex capo del programma spaziale israeliano Haim Eshed.

Secondo quanto appreso dal The Jewish Press (un settimanale americano con sede a Brooklyn, New York , e orientato alla comunità ebraica ortodossa moderna), Haim Eshed ex direttore del programma di sicurezza spaziale israeliano dal 1981 al 2010, avrebbe rilasciato le seguenti dichiarazione al giornale israeliano Yedioth Aharonoth“Gli alieni hanno chiesto di non rivelare che sono qui [perché] l’umanità non è ancora pronta”.

Secondo il The Jewish Press quanto dichiarato da Eshed, che ha 87 anni, è assolutamente folle. Queste dichiarazioni riguardano un’intricata rete che arriverebbe a coinvolgere niente meno che il Presidente americano uscente Donald Trump in una improbabile diplomazia interplanetaria.

Secondo Eshed l’accordo con gli alieni avrebbe coinvolto personaggi di primo piano nel panorama mondiale: “Trump era sul punto di rivelare [l’esistenza degli alieni”], ma gli alieni nella Federazione Galattica stanno dicendo: “Aspetta, lascia che la gente si calmi prima. Non vogliono creare isteria di massa. Vogliono prima renderci sani e comprensivi”.

In questo modo, secondo Eshed, gli alieni si sarebbero garantiti un accordo segreto per continuare ad interferire con l’umanità. Eshed ha inoltre aggiunto che gli alieni anche se nascosti al grande pubblico, vengono in pace.

Secondo quanto riportato da The Jewish Press,Eshed avrebbe affermato: “Hanno aspettato che l’umanità si evolvesse e raggiungesse una fase in cui capiremo  cosa sono lo spazio e le astronavi. C’è un accordo tra il governo degli Stati Uniti e gli alieni. Hanno firmato un accordo con la nostra specie per fare esperimenti sulla Terra. Anche loro stanno studiando e cercando di comprendere l’intero tessuto dell’universo e ci vogliono come aiutanti”.

Il fulcro della cooperazione sarebbe una base su Marte – dove, a proposito, secondo Eshed opererebbe segretamente anche una squadra di astronauti americani.

“C’è una base sotterranea nel sottosuolo di Marte, dove operano i rappresentanti alieni e i nostri astronauti americani”, avrebbe spiegato Eshed.

Eshed ha riconosciuto che il suo racconto sembra assolutamente fantascientifico.

“Se avessi raccontato quello che dico oggi cinque anni fa, sarei stato ricoverato in ospedale. Ovunque io sia andato con questo nel mondo accademico, hanno detto che ho perso la testa” , ha riferito Eshed. “Oggi parlano già in modo diverso. Non ho niente da perdere Ho ricevuto lauree e premi, sono rispettato nelle università all’estero, dove anche la tendenza sta cambiando”.

In questa folle storia viene citato anche l’ex Presidente USA Barack Obama che recentemente avrebbe rifiutato un’intervista con il comico e conduttore televisivo del “Late ShowStephen Colbert di confermare o negare l’esistenza della vita extraterrestre sulla base di documenti statunitensi top-secret – una mossa che Colbert ha scherzosamente preso come tacita una conferma.

Fonte: https://nypost.com/2020/12/07/aliens-in-hiding-until-mankind-is-ready-ex-israeli-space-head/