Nel 774 d.C. ci fu una tremenda esplosione solare, e se accadesse oggi?

Nell'anno 774 d.C., una potente esplosione di materia ed energia dallo spazio si abbatté sulla Terra. I nostri antenati dell'epoca pre-elettronica non subirono alcuna alterazione, ma se questo tipo di evento accadesse oggi, cosa succederebbe?

Dal 774 d.C. La scienza non ha mai più registrato una esplosione di materia ed energia dallo spazio così potente, di niente di simile si era avuta conoscenza su questo pianeta per 10.000 anni: un mix di luce ad alta energia e particelle subatomiche estremamente accelerate. Quando questa onda ha colpito la Terra nel 774 d.C. ha cambiato così tanto la nostra chimica atmosferica, da poter essere misurata secoli dopo.

Esplosione scoperta tramite gli anelli degli alberi

Questo avvenimento è stato scoperto per la prima volta da un’analisi degli anelli degli alberi. Gli scienziati hanno visto che il livello di carbonio-14, un isotopo del carbonio, era molto più alto negli anelli di quell’anno rispetto al solito. Alcuni anni dopo, esaminando campioni di aria di di nuclei di ghiaccio, gli scienziati hanno visto che c’erano livelli elevati di berillio-10 e cloro-36.

Il fattore comune a tutti questi elementi è che vengono creati quando particelle subatomiche ad altissima energia colpiscono l’aria e il suolo della Terra. Colpiscono i nuclei degli atomi e li cambiano, creando questi isotopi. L’unico modo per ottenere particelle a energie come questa è dallo spazio, dove potenti campi magnetici in stelle che esplodono, per esempio, possono accelerare le particelle a velocità così elevate. Chiamiamo questi isotopi cosmogenici , ovvero prodotti dallo spazio.

Cosa potrebbe aver creato la tempesta spaziale nel 774 d.C.?

Gli astronomi pensano che ad aver innescato la potentissima tempesta solare del 774 d.C. sia stato un bagliore solare molto potente, ovvero un’esplosione sul Sole creata quando le linee di un intenso campo magnetico si aggrovigliano e cortocircuitano, rilasciando enormi esplosioni di energia e particelle.

Ma l’evento di quell’epoca è stato così potente che all’inizio gli scienziati erano scettici che potesse provenire da un bagliore. Una volta escluso qualsiasi altro tipo di fenomeno astronomico, tuttavia, un bagliore era tutto ciò che restava.

Nemmeno le esplosioni solari moderne sono così potenti

Un team di scienziati ha esaminato i registri per esaminare altri eventi simili nella speranza di classificare questo bagliore rispetto ad esempio ai brillamenti solari noti. Quello che hanno scoperto è che questo evento è stato di gran lunga più potente anche di alcune esplosioni solari moderne relativamente spaventose.

Tempesta solare del 1989

Ad esempio, nel 1989 il Sole è esploso in una potente serie di brillamenti e in un’enorme espulsione di massa coronale (o CME), in cui miliardi di tonnellate di plasma di idrogeno vengono espulsi ad alta velocità. Trasportando il proprio campo magnetico, questo periodo di tempo spaziale si è schiantato nel campo magnetico terrestre, influenzandolo così profondamente che le correnti elettriche sono state indotte sotto la superficie terrestre. Chiamata corrente indotta geomagneticamente , questa energia elettrica extra ha fatto saltare i trasformatori in Quebec e ha causato un’interruzione di corrente che è durata per ore.

Tempesta solare del 1956

Nel febbraio del 1956 si è verificata la più potente tempesta solare dell’era moderna, la cui forza è stata addirittura doppia rispetto all’evento del 1989. La rete elettrica dell’epoca  non era così pesantemente utilizzata in quel momento, quindi non ha causato lo stesso tipo di danno dell’evento del 1989, ma è stato comunque un evento enorme.

Utilizzando vari metodi per caratterizzare la tempesta del 1956, comprese le misurazioni in luce visibile, onde radio, modifiche alla ionosfera terrestre (uno strato di aria ionizzata ad alta quota che, quando cambia rapidamente, può influenzare magnetometri a terra che misurano la forza del campo magnetico) e altro ancora, gli studiosi hanno scoperto che l’evento del 774 d.C. era da 30 a 70 volte più forte. Ciò significa che era probabilmente 100 volte più forte di quello del 1989.

Brillamento solare del 774 d.C. forte come 100 miliardi di bombe atomiche

Non è chiaro quanto sia durato il brillamento del 774 d.C., ma in genere, i più forti crescono e decadono nel giro di poche ore. L’esplosione anche se forse è durata poco, ha rilasciato una stragrande quantità di energia che equivale più o meno a quella che l’intero Sole irradia in un secondo: 2 x 10 26 Joule, o l’equivalente di circa 100 miliardi di bombe da un megatone che esplodono.

Tutta questa energia che fu prodotta in quell’anno è abbastanza per alimentare il nostro intero pianeta (dato il nostro attuale consumo di energia) per 300.000 anni.

Fu un super-brillamento

Un bagliore come questo è chiamato super-brillamento e fino ad ora non si pensava che il Sole potesse produrli (altre stelle che sono più attive magneticamente li producono abbastanza spesso).

Gli scienziati pensano che il bagliore del 774 d.C. possa essere stato una circostanza speciale, in cui un potente bagliore si è verificato vicino a una corrente di gas chiamata filamento, sbattendola e accelerando i protoni in essa a energie così elevate.

Un simile evento accaduto oggi sarebbe catastrofico

Se tale cosa accadesse oggi, potrebbe eliminare numerosi satelliti,  le particelle e le radiazioni ad alta energia possono cortocircuitare anche i componenti elettronici induriti, e causare blackout diffusi.

Tutti questi problemi potrebbero richiedere molto tempo per risolverli, poiché i trasformatori più grandi utilizzati dalle reti elettriche non possono essere prodotti in serie. Alcuni scienziati hanno calcolato che i passeggeri sui voli aerei internazionali potrebbero ricevere una dose di radiazioni a vita in poche ore da un evento del genere.

Effetti sulla Terra

Gli effetti sulla Terra possono essere difficili da determinare; in parte dipende dal fatto che il brillamento e la polarità magnetica del CME (la parte nord-sud del campo magnetico) siano in grado di accoppiarsi con la polarità magnetica della Terra. Se lo fa otteniamo i blackout e altri danni. Ma alcuni degli effetti si verificano in entrambi i casi.

Esplosione solare del 2012

Ad ogni modo non abbiamo visto un evento così potente dal 774, anche se molti sono stati abbastanza forti. Il Sole è esploso nel 2012 in un’espulsione di massa coronale che, se avesse colpito la Terra, sarebbe stata peggiore dell’evento del 1989. Fortunatamente è stato inviato in un’altra direzione.

Ma è chiaro che il Sole può avere delle esplosioni piuttosto grandi, e dobbiamo prende sul serio tale eventualità. Certamente gli astronomi solari lo fanno, e mentre il Sole sale nel più nuovo ciclo magnetico, stanno guardando la nostra stella con tutto ciò che hanno. Non sappiamo quanto sarà forte questo ciclo; una previsione è che non sarà un grosso problema, ma un altro dice che lo sarà. C’è molto di più da imparare sul Sole. Non è un’esagerazione affermare che le nostre vite moderne dipendono da questo.

Fonte: https://www.syfy.com/syfywire/in-774-ad-the-sun-blasted-earth-with-the-biggest-storm-in-10000-years