La foto dell’hangar 51

Le foto scattate nei cieli dell'area 51 mostrerebbero un misterioso oggetto occultato all'interno di un hangar. Ma le cose non sono come sembrano e due esperti provano a svelare il mistero

La foto dell'hangar 51

Gabriel Zeifman è un pilota privato e in passato ha effettuato riprese aeree dell’Area 51, in Nevada, il famoso centro dove si effettuano test di volo segreti dell’aeronautica militare statunitense.

Zeifman ha scattato alcune foto della struttura il giorno di Natale. In seguito le ha condivise pubblicamente destando un grande interesse. Le foto, sono molto simili alle immagini scattate in passato, ma includono una visuale particolarmente buona di una struttura simile a un hangar, nota come rifugio scoot-and-hide, che sembra celare al suo interno un oggetto dalla forma particolare.

In un articolo pubblicato sul sito thedrive.com, Tyler Rogoway e Joseph Trevithick dopo aver ricevuto dozzine di richieste in merito all’oggetto fotografato all’interno dell’hangar hanno dato alcune spiegazioni.

Zeifman, spiegano Rogoway e Trevithick, scatta le immagini a bordo del suo piccolo Cessna 150 mentre vola attraverso uno spazio aereo strettamente controllato e sotto la stretta supervisione dei controllori del traffico aereo a terra.

L’hangar in questione si trova nell’Area 51, misura circa 36 metri di larghezza per 100 metri di lunghezza, ed è stato identificato in passato come Hangar 19, è situato lungo una taxiway che collega l’area della rampa principale della base con una lunga pista, la via di rullaggio prosegue verso la nuova pista a est. In questo luogo esisteva un hangar fino agli anni ’80, ma intorno al 2005 furono apportate sostanziali aggiunte alle estremità nord e sud, triplicando la sua lunghezza coperta. L’anno successivo, sono state aggiunte strutture simili a pareti su entrambi i lati, le cui estensioni sono aperte sui lati inferiori. Questa configurazione murata impedisce ulteriormente la vista a occhi indiscreti.

Nel 2007, all’estremità meridionale è stato aggiunto un pad. Un aereo potrebbe entrare nel rifugio con i motori accesi, quindi uscire, girarsi e tornare alla pista di rullaggio.

La struttura non è solo un hangar nel senso tradizionale. I rifugi scoot-and-hide occultano i velivoli segreti da occhi indiscreti, in particolare dai satelliti spia. Questa struttura vicina alla pista permette al personale di eseguire controlli dell’ultim’ora, oltre ad armare eventuali esplosivi, mentre l’aereo rimane nascosto. Per gli aerei tattici, questi tipi di controlli vengono tradizionalmente effettuati nelle aree a testa di martello di fine pista su basi aeree operative, che sono completamente esposte – Groom lake possiede anche quelle aree. Allo stesso modo, quando l’aereo sperimentale atterra, il rifugio offre un luogo per portarlo rapidamente fuori dalla vista dove può essere messo al sicuro prima di tornare al proprio hangar assegnato.

Per quanto riguarda ciò che si vede all’interno del rifugio scoperto, Rogoway e Trevithick non possono affermare nulla con certezza. Sembra un oggetto a forma di pugnale molto basso, simile ad alcuni velivoli a bassa visibilità di prova che sono stati posizionati in cima ai pali di prova della sezione trasversale radar (RCS) presso le strutture di prova RCS, sebbene questo ha un rialzo verso la parte posteriore. Quindi, questo oggetto potrebbe essere un velivolo di prova “furtivo” o ad alta velocità di forma simile? È possibile.

La foto potrebbe aver immortalato un veicolo danneggiato in un incidente e senza il suo carrello di atterraggio? Questo potrebbe essere un buon motivo per riporlo nel rifugio scoot-and-hide finché non può essere spostato in sicurezza.

Rogoway e Trevithick sottolineano che la loro è solo una speculazione e potrebbe benissimo essere qualcos’altro di completamente diverso, un componente di un macchinario, o una parte di una parabola radar. Le immagini, sottolineano i relatori dell’articolo, non hanno la risoluzione per concludere in un modo o nell’altro. La strana forma è intrigante, ma questo non dovrebbe sorprendere, poiché la maggior parte dei velivoli che volano su Groom lake sotto un regime di test segreto sembrano alieni.

La cosa più vicina che può somigliare all’oggetto impresso nella foto è il Martin Marietta X-24B a corpo portante. Il programma X-24B inizialmente è emerso da un più ampio sforzo della US Air ForceNASA incentrato sull’esplorazione del concetto di corpo portante ipersonico. Questa ricerca sarebbe stata utilizzata per studiare i progetti di veicoli aerei non alimentati in grado di rientrare nell’atmosfera terrestre dallo spazio e quindi atterrare su una pista tradizionale, profilo di missione che in seguito è stato utilizzato per lo sviluppo dello Space Shuttle.

L’X-24B ha volato a metà degli anni ’70, e grazie all’esperienza accumulata si è puntato alla realizzazione di un velivolo di prova ipersonico. La Lockheed ha lavorato in quel periodo a un velivolo chiamato X-24C, un prototipo più potente dell’X-24B. Notevolmente più grande del suo predecessore è stato progettato per raggiungere velocità ipersoniche (superiori a Mach 5) ad altitudini elevate utilizzando un motore ramjet o scramjet. Il design dell’L-301, come veniva chiamato l’ X-24C, si è evoluto da quella iniziativa insieme a una serie di derivati, prima che il programma venisse annullato a causa del taglio dei finanziamenti, almeno questo è ciò che dice il registro pubblico.

Come raccontano Rogoway e Trevithicki esistono affermazioni infondate che questo programma si sia effettivamente trasformato in uno programma altamente classificato, nome in codice Copper Coast, che ha volato segretamente fuori dall’Area 51 durante gli anni ’80. Ma a prescindere da questo, la ricerca avanzata sul volo ipersonico non si è mai interrotta e ci sono probabilmente numerosi programmi di test di volo ad alta velocità che hanno sfruttato veicoli di prova esotici nel corso dei decenni.

La notizia delle foto scattate da Zeifman ha scatenato la fantasia di tanti siti di informazione, UFO o Velivolo sperimentale? Vogliamo ricordare che la famosa Area 51 è da sempre al centro di presunti intrighi alieni che si sono rivelati sempre e senza eccezioni delle bufale o comunque delle notizie manipolate per catturare l’attenzione.